14/6/2021

Un'elevata copertura vaccinale contro Covid-19 può proteggere i non vaccinati sotto i 16 anni, secondo uno studio

www.nature.com
I ragazzi sono stati a casa anche per proteggere gli anziani dalla diffusione di SARS-Cov-2, ora gli adulti possono proteggerli vaccinandosi. E’ questo il messaggio che può essere rilevato dalle conclusioni di un recente studio uscito su Nature. La vaccinazione di massa ha le potenzialità per frenare l'attuale pandemia di COVID-19, proteggendo gli individui che sono stati vaccinati contro la malattia e riducendo la probabilità di trasmissione a soggetti non vaccinati.

L'elevata efficacia del vaccino, ampiamente somministrato, BNT162b Pfizer-BioNTech nel prevenire non solo la malattia ma anche l'infezione da SARS-CoV-2, suggerisce un potenziale effetto a livello di popolazione, che è fondamentale per l'eradicazione della malattia.

Tuttavia, questo effetto putativo è difficile da osservare, soprattutto alla luce delle dinamiche epidemiche spazio-temporali altamente fluttuanti.

Inoltre, la vaccinazione potrebbe aumentare in teoria anche la trasmissione a causa di effetti comportamentali, in quanto gli individui vaccinati non rimangono in quarantena dopo aver avuto contatti con un malato COVID-19, o potrebbero essere meno portati a rispettare le misure di distanziamento sociale.
Non è quindi certo se, nel complesso, la vaccinazione riduca la trasmissione a livello di popolazione conferendo così protezione per coloro che non sono vaccinati, come gli individui immunodeficienti o coloro che non sono attualmente idonei alla vaccinazione. Inoltre, poiché il numero di riproduzione varia con il comportamentale sociale e i fattori ambientali anche in assenza di vaccinazione e poiché i tassi di malattia globali rappresentano sia individui vaccinati che non vaccinati, si è dimostrato difficile determinare l'effetto della vaccinazione sulla trasmissione SARS-CoV-2 a livello di comunità.

Lo studio, analizzando i registri delle vaccinazioni e i risultati dei test raccolti durante l'introduzione rapida del vaccino in una vasta popolazione di 177 comunità geograficamente definite in Israele, ha rilevato che i tassi di vaccinazione in ciascuna comunità sono associati a un sostanziale declino successivo delle infezioni in una coorte di individui di età inferiore a 16 anni non vaccinati.

I partecipanti allo studio erano 1,37 milioni di membri della seconda più grande organizzazione assicurativa sanitaria (Health maintenance organization) israeliana, che hanno ricevuto la loro prima dose del vaccino contro il coronavirus Pfizer/BioNTech dal 9 dicembre 2020 al 9 marzo 2021, nonché una coorte di giovani non vaccinati.

I ricercatori hanno valutato i cambiamenti nel numero di test COVID-19 positivi in ciascuna comunità a intervalli di tempo fissi per tenere conto dei modelli internazionali di coronavirus e delle differenze intracomunitarie. Hanno notato che alcune persone potrebbero aver scelto di non essere vaccinate, non essere idonee a causa dell'età o essere state vaccinate, ma ancora a rischio a causa dell'immunodeficienza.

Per ogni comunità, il team ha calcolato la proporzione cumulativa media di persone che hanno ricevuto la prima dose di vaccino COVID-19 durante due periodi consecutivi di 3 settimane, di età tra i 16-50 anni, che si presumeva avessero maggiori probabilità di interagire con quelli di età inferiore a 16.
Per ogni intervallo di tempo, è stato definito un periodo di 28 giorni dopo la dose del vaccino per rilevare tutti gli effetti dell'immunizzazione e della successiva protezione incrociata delle persone non vaccinate.

Gli autori hanno quindi calcolato il tasso di test positivi per COVID-19 tra la coorte non vaccinata e hanno confrontato entrambi i periodi per identificare il cambiamento nella proporzione di risultati positivi dei test del gruppo non vaccinato e il cambiamento nel tasso di vaccinazione.

Per ridurre l'”effetto confondente” dell'immunità naturale dalla precedente infezione da SARS-CoV-2, che potrebbe anche proteggere i non vaccinati, i ricercatori hanno ristretto i risultati ai test dal 1° marzo 2020 e hanno incluso solo le comunità in cui la frazione della popolazione con test positivo al coronavirus entro il 9 marzo 2021 era inferiore al 10%.
"Questa esclusione delle comunità non ha introdotto pregiudizi notevoli nella distribuzione dell'età né degli individui vaccinati, né dei pazienti con un'infezione confermata da SARS-CoV-2", sottolineano gli autori.

In media, per ogni 20 punti percentuali di individui vaccinati in una data popolazione, la frazione di test positivi per la popolazione non vaccinata è diminuita di circa il doppio.

Questi risultati forniscono evidenze “osservazionali” che la vaccinazione non solo protegge gli individui vaccinati, ma fornisce anche protezione incrociata ai non vaccinati nella comunità.

Per saperne di più:

quadratino Community-level evidence for SARS-CoV-2 vaccine protection of unvaccinated individuals
Milman O, Yelin I, Aharony N, et al. Nat Med (2021). https://doi.org/10.1038/s41591-021-01407-5