15/7/2021

Efficacia dei vaccini Covid-19 per i pazienti fragili, ad alto rischio: lo studio di Public Health England

www.gov.uk/government
Secondo uno studio real-world realizzato su oltre 1 milione di residenti a rischio nel Regno Unito, i vaccini Pfizer/BioNTech e AstraZeneca/Oxford si sono dimostrati efficaci nel prevenire le malattie sintomatiche sia nelle persone con condizioni mediche pregresse, che nel resto della popolazione.

Nello studio, pubblicato alla fine della scorsa settimana sul server preprint khub, un team guidato dai ricercatori di Public Health England (PHE) ha analizzato i dati di una coorte di pazienti (n = 7.217.929) registrati da 718 medici generici, che corrispondono all'11% dei medici generici e circa al 10% della popolazione. Hanno inoltre condotto test sugli anticorpi sentinella da dicembre 2020 a maggio 2021.

Mentre gli autori hanno notato che l'età avanzata rappresenta il rischio maggiore di ospedalizzazione o morte correlata a COVID-19, alcune condizioni sottostanti sono state legate a un aumento del rischio. Gli esempi includono diabete, malattie neurologiche, malattie o trattamenti che indeboliscono il sistema immunitario (p. es., tumori del sangue, HIV, chemioterapia) e malattie croniche del cuore, dei reni e del fegato.

Risposte anticorpali ridotte sono state notate anche dopo due dosi di vaccino in pazienti con tumori del sangue e trapiantati.

Immunodepressi, risposta immunitaria ed efficacia del vaccino

Nel complesso, la vaccinazione contro COVID-19 ha generato risposte anticorpali simili sia nei pazienti a rischio che nei loro coetanei sani.

Tra i pazienti immunocompromessi, tuttavia, il 70% aveva anticorpi contro il coronavirus dopo una dose, contro il 95% tra i loro omologhi non immunodepressi.

Come negli studi precedenti, la proporzione di vaccinati positivi agli anticorpi contro il coronavirus dopo la prima dose era inizialmente più alta con il vaccino Pfizer, ma le proporzioni convergevano dopo 4 settimane.

Nell'intera coorte:
  • una dose di qualsiasi vaccino era efficace per circa il 60%
  • in pazienti da 16 a 64 anni, due dosi del vaccino Pfizer erano efficaci per il 93,3%, mentre erano efficaci per il 78,0% con il vaccino AstraZeneca
  • tra i pazienti di età pari o superiore a 65 anni, il vaccino Pfizer era efficace per l'86,7%, rispetto al 76,4% con AstraZeneca.
Nei pazienti a rischio:
  • due dosi del vaccino Pfizer erano efficaci per l'89% nei pazienti a rischio di età pari o superiore a 65 anni, rispetto all'80% con il vaccino AstraZeneca
  • nei pazienti a rischio da 16 a 64 anni, due dosi del vaccino AstraZeneca erano efficaci per l'81% (non erano disponibili dati per questo gruppo di età per Pfizer)
  • l'efficacia del vaccino contro l'infezione sintomatica era solo del 4,0% nel gruppo immunocompromesso dopo una dose di entrambi i vaccini, ma una seconda dose ha mostrato una buona efficacia: 73,0% con Pfizer, 74,6% con AstraZeneca.

Immunocompromessi, grandi benefici dalla seconda dose

Gli autori dello studio hanno affermato che sebbene siano necessari più dati, in particolare sull'efficacia del vaccino contro la malattia Covid-19 grave nei pazienti immunocompromessi, "si prevede che la protezione contro l'ospedalizzazione e la morte nei gruppi a rischio sia maggiore della protezione contro la malattia sintomatica, come è stato visto negli studi del popolazione generale".

I ricercatori raccomandano che i pazienti immunodepressi parlino con i loro medici della migliore strategia di prevenzione delle infezioni per loro e che anche i loro familiari siano immunizzati.

Secondo il comunicato stampa di PHE, un'analisi modellistica condotta da PHE con l'Università di Cambridge, ha stimato che il programma di vaccinazione COVID-19 del paese aveva prevenuto 30.300 morti e 8,2 milioni di infezioni entro il 25 giugno, 18.000 ricoveri nelle persone dai 75 agli 84 anni e 21.300 ricoveri in quelli dagli 85 anni in su entro il 27 giugno.

Nello stesso comunicato, Mary Ramsay (Head of Immunisation at PHE), afferma: "Questi dati reali mostrano per la prima volta che la maggior parte delle persone clinicamente vulnerabili a COVID-19 riceve alti livelli di protezione dopo 2 dosi di vaccino. È fondamentale che chiunque abbia una patologia sottostante riceva entrambe le dosi, in particolare le persone con un sistema immunitario indebolito poiché ottengono molto più beneficio dalla seconda dose.


Per saperne di più:

quadratino Pfizer-BioNTech and Oxford AstraZeneca COVID-19 vaccine effectiveness and immune response among individuals in clinical risk groupsamong individuals in clinical risk groups
Heather J Whitaker, Ruby SM Tsang, Rachel Byford, et al. Preprint from khub.net

quadratino Public Health England. COVID-19 vaccines highly effective in most people in clinical risk. groups. Press release 10 July 2021