3/7/2018

Screening per il rischio di malattie cardiovascolari con elettrocardiogramma: le raccomandazioni della U.S. Preventive Services Task Force

www.jamanetwork.com
Disponibile in NBST
risorse disponibili in nbst

La U.S. Preventive Services Task Force ha pubblicato le raccomandazioni sullo screening per il rischio di malattie cardiovascolari (CVD) con elettrocardiogramma.

Lo screening con ECG è sconsigliato per prevenire eventi CVD negli adulti asintomatici a basso rischio. Gli autori concludono che le attuali evidenze non sono sufficienti per valutare l'equilibrio tra benefici e rischi dello screening con ECG a riposo o sotto sforzo in adulti asintomatici a rischio intermedio o alto di eventi CVD.

Le raccomandazioni USPSTF sono coerenti con le linee guida di altre società, tra cui l'American College of Physicians, l’American College of Preventive Medicine e l’American College of Cardiology, Choosing Wisely Campaign, che sconsigliano l'ECG in pazienti a basso rischio.

Come viene sottolineato in un editoriale pubblicato su JAMA, il problema della previsione del rischio individuale nei sottogruppi a basso, medio e alto rischio, rimane una importante sfida nella pratica clinica.

screening cvd ecg


Ma quali sono i principi chiave di un programma ideale di screening?

Un altro editoriale a firma Bhatia e Dorian, pubblicato su JAMA Internal Medicine, ci aiuta invece a focalizzare il tema delle raccomandazioni sugli screening.
Gli autori ricordano che già Wilson e Junger nel lontano 1968 avevano delineato i 10 principi chiave per un programma di screening ideale.

Riassumendo questo storico documento, un programma di screening dovrebbe comunque:
  1.  concentrarsi su una comune condizione medica curabile
  2.  usare un test adatto e cost-effective, che può rilevare con precisione la condizione
  3.  portare a un intervento che può ridurre le complicanze della condizione, senza causare effetti negativi applicando l'intervento a persone che non avranno benefici

Per saperne di più:

quadratino USPSTF (2018) Cardiovascular Disease Risk: Screening With Electrocardiography

quadratino Screening for Cardiovascular Disease Risk With Electrocardiography. US Preventive Services Task Force Recommendation Statement
US Preventive Services Task Force
JAMA. 2018;319(22):2308-2314. doi:10.1001/jama.2018.6848
OPEN ACCESS dopo personale registrazione
logo nbst pagina dettaglio Per NBST accesso per Azienda USL Centro e Azienda USL Nord Ovest

quadratino Screening for Cardiovascular Disease Risk With Resting or Exercise Electrocardiography Evidence Report and Systematic Review for the US Preventive Services Task Force
Jonas DE, Reddy S, Cook Middleton J, et al. JAMA. 2018;319(22):2315-2328. doi:10.1001/jama.2018.6897
OPEN ACCESS dopo personale registrazione
logo nbst pagina dettaglio Per NBST accesso per Azienda USL Centro e Azienda USL Nord Ovest

quadratino Screening for Cardiovascular Disease Risk With ECG. Patient Page
Jill Jin, MD, MPH
JAMA. 2018;319(22):2346. doi:10.1001/jama.2018.7311
OPEN ACCESS dopo personale registrazione
logo nbst pagina dettaglio Per NBST accesso per Azienda USL Centro e Azienda USL Nord Ovest

quadratino The Screening ECG and Cardiac Risks
Editorial
Robert J. Myerburg, MD
JAMA. 2018;319(22):2277-2279. doi:10.1001/jama.2018.6766
OPEN ACCESS dopo personale registrazione
logo nbst pagina dettaglio Per NBST accesso per Azienda USL Centro e Azienda USL Nord Ovest

quadratino Does Resting or Exercise Electrocardiography Assist Clinicians in Preventing Cardiovascular Events in Asymptomatic Adults? Editorial
Joseph S. Alpert, MD
JAMA Cardiol. Published online June 12, 2018. doi:10.1001/jamacardio.2018.1800
NBST non ha accesso

quadratino Screening for Cardiovascular Disease Risk With Electrocardiography
Editorial
Sacha Bhatia, MD, MBA; Paul Dorian, MD, MSc
JAMA Intern Med. Published online June 12, 2018. doi:10.1001/jamainternmed.2018.2773
OPEN ACCESS dopo personale registrazione

quadratino Wilson, James Maxwell Glover, Jungner, Gunnar & World Health Organization.
Principles and practice of screening for disease.
Geneva: World Health Organization.







immagine: by Freepik