16/7/2018

Può un piccolo "nudge" comportamentale, ovvero una spinta leggera, ridurre la prescrizione di antibiotici non necessari?

www.academic.oup.com
Tutti sappiamo che, per migliorare il corretto uso degli antibiotici per condizioni comuni, come ad esempio la polmonite, siano necessari interventi sistematici e comportamentali.

Uno studio, condotto dai ricercatori di quattro ospedali di Detroit, ha valutato come un piccolo "nudge" comportamentale, all'interno del laboratorio di microbiologia, abbia portato a una progressiva riduzione e alla sospensione dell'uso degli antibiotici ad ampio spettro non necessari, in 210 pazienti con polmonite. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Open Forum Infectious Diseases.

Lo studio è stato condotto in due periodi: un periodo di 6 mesi prima dell'attuazione dell'intervento per migliorare la chiarezza dei risultati microbiologici e un corrispondente periodo di 6 mesi successivo all'intervento.

Dal maggio 2016, colture respiratorie senza crescita di organismi dominanti e senza Pseudomonas sp. o Staphylococcus aureus sono state segnalate dal laboratorio clinico di microbiologia come "Solo flora respiratoria commensale: No S. aureus / MRSA o P. aeruginosa".
Prima dell'intervento, questi erano riportati come "flora respiratoria commensale".

L'endpoint primario dello studio era la riduzione progressiva o l'interruzione della terapia anti-MRSA o anti-Pseudomonas. Gli esiti clinici secondari e di sicurezza includevano la nefrotossicità e la mortalità per tutte le cause in ospedale.

I principali risultati:
  • la riduzione progressiva / interruzione è stata rilevata più comunemente nel gruppo di intervento (39% vs 73%, P <0,001)
  • dopo gli aggiustamenti per l'indice di comorbilità APACHE II e Charlson, l'intervento è stato associato a 5.5-fold increased odds nella riduzione (adjusted OR 5,5, IC 95% 2,8-10,7)
  • la lesione renale acuta è stata ridotta nella fase di intervento (31% vs 14%, P = 0,003)
  • nessuna differenza nella mortalità per tutte le cause è stata rilevata tra i gruppi (30% vs 18%, P = 0,052)
I ricercatori così commentano: “Il nostro studio dimostra che un semplice intervento comportamentale per comunicare in modo più chiaro i risultati della coltura respiratoria per una flora normale, può avere un impatto sulla prescrizione di antibiotici e ridurre i danni del paziente“.

Per saperne di più:

quadratino Microbiology Comment Nudge Improves Pneumonia Prescribing
Mary A Musgrove, Rachel M Kenney, Ronald E Kendall, et al.
Open Forum Infectious Diseases Published:10 July 2018
OPEN ACCESS
quadratino Le scienze comportamentali, il “nudge” e l’uso prudente degli antibiotici in Toscana
Approfondimento a cura di G. Galletti, ARS Toscana




immagine: by Freepik