1/8/2018

Per la stima del rischio cardiovascolare meglio ricorrere ai fattori di rischio classici o ai nuovi emergenti?

www.uspreventiveservicestaskforce.org
Il rischio cardiovascolare permette di stimare la probabilità di andare incontro a un evento cardiovascolare sulla base di alcuni fattori. La US Preventive Services Task Force (USPSTF) ha recentemente pubblicato le raccomandazioni sulla valutazione del rischio per le malattie cardiovascolari, utilizzando fattori di rischio non tradizionali.

Attualmente i fattori di rischio considerati per le malattie cardiovascolari sono generalmente: età, sesso, ipertensione, ipercolesterolemia, fumo, diabete e familiarità.

Nel tentativo di migliorare la valutazione del rischio cardiovascolare, possono essere utilizzati altri fattori "non tradizionali".

Tra questi:
  • l’indice caviglia-braccio (ankle-brachial index – ABI), calcolato mediante il confronto dei valori della pressione arteriosa misurati alla caviglia e al braccio
  • il livello nel sangue della proteina C-reattiva o PCR (high-sensitivity C-reactive protein – hsCRP), una proteina prodotta dal fegato in risposta a un evento infiammatorio
  • il calcio presente nell'arteria coronaria (coronary artery calcium – CAC) misurato tramite una tomografia computerizzata del torace.
Sulla base delle prove attuali la USPSTF asserisce che non è chiaro se vi siano benefici dall'aggiunta dei punteggi ABI, hsCRP o CAC nella valutazione del rischio di CVD nelle persone senza sintomi e se superino i potenziali danni.
Il principale danno potenziale è l’esposizione a radiazioni a bassa dose, comunque necessaria per ottenere il valore CAC. Altri danni includono test diagnostici non necessari, che possono risultare invasivi, e trattamenti permanenti con farmaci.


Per saperne di più:

quadratino US Preventive Services Task Force (USPSTF)
Cardiovascular Disease: Risk Assessment With Nontraditional Risk Factors
 
quadratino Risk Assessment for Cardiovascular Disease With Nontraditional Risk Factors US Preventive Services Task Force Recommendation Statement
JAMA. 2018;320(3):272-280. doi:10.1001/jama.2018.8359
OPEN ACCESS dopo personale registrazione
logo nbst pagina dettaglio Per NBST accesso per Azienda USL Centro e Azienda USL Nord Ovest

quadratino Nontraditional Risk Factors in Cardiovascular Disease Risk Assessment Updated Evidence Report and Systematic Review for the US Preventive Services Task Force
Jennifer S. Lin, MD, MCR; Corinne V. Evans, MPP; Eric Johnson, PhD; et al.
JAMA. 2018;320(3):281-297. doi:10.1001/jama.2018.4242
OPEN ACCESS dopo personale registrazione
logo nbst pagina dettaglio Per NBST accesso per Azienda USL Centro e Azienda USL Nord Ovest

quadratino USPSTF Recommendations for Assessment of Cardiovascular Risk With Nontraditional Risk Factors Finding the Right Tests for the Right Patients
John T. Wilkins, MD, MS; Donald M. Lloyd-Jones, MD, ScM
JAMA. 2018;320(3):242-244. doi:10.1001/jama.2018.9346
OPEN ACCESS dopo personale registrazione
logo nbst pagina dettaglio Per NBST accesso per Azienda USL Centro e Azienda USL Nord Ovest

quadratino Risk Assessment for Cardiovascular Disease With Nontraditional Risk Factors
Patient Page
Jill Jin, MD, MPH
JAMA. 2018;320(3):316. doi:10.1001/jama.2018.9122
OPEN ACCESS dopo personale registrazione
logo nbst pagina dettaglio Per NBST accesso per Azienda USL Centro e Azienda USL Nord Ovest








immagine: by Freepik