4/10/2018

Infezioni da stafilococco: la durata ottimale della terapia con antibiotici si calcola grazie a un nuovo algoritmo

www.jamanetwork.com
I risultati dello studio clinico randomizzato, pubblicati su JAMA, hanno dimostrato che l'uso dell'algoritmo, confrontato con il solito standard di cura, ha prodotto:
  • un tasso di successo clinico non inferiore nei pazienti con batteriemia da stafilococco
  • non è stato associato in modo significativo con un numero maggiore di eventi avversi gravi correlati alle infezioni
  • anche se l’interpretazione è limitata da ampi intervalli di confidenza.
Nei pazienti con infezioni semplici e non complicate, la durata della terapia antibiotica è stata ridotta di circa 2 giorni rispetto alla terapia tradizionale (la durata media della terapia è stata di 4,4 giorni per la terapia basata sull'algoritmo vs 6,2 giorni per la pratica abituale).

Gli autori osservano che mentre gli stafilococchi sono i patogeni più comunemente identificati nelle infezioni del flusso sanguigno, la durata ottimale della terapia antibiotica per batteriemia causata da Staphylococcus aureus o coagulase-negative staphylococci è sconosciuta e le attuali raccomandazioni di trattamento si basano su prove limitate. Di conseguenza, le pratiche di trattamento variano notevolmente, portando in alcuni casi a un uso degli antibiotici inutilmente prolungato.

Lo studio ha incluso 509 pazienti con infezioni da stafilococco in 16 ospedali negli Stati Uniti e in Spagna. I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a terapia antibiotica guidata da algoritmo o basata sul trattamento praticato abitualmente, in cui il medico curante ha determinato l'antibiotico e la durata della terapia.

Nel gruppo sottoposto a terapia con algoritmo, sono stati predefiniti la selezione degli antibiotici e la durata della terapia sulla base di criteri clinici (compresi i risultati di emocoltura, dell'ecocardiogramma e dei segni di diffusione dell'infezione), utilizzati per determinare se l'infezione fosse semplice, senza o con complicazioni.

Secondo l'algoritmo:
  • i pazienti con batteriemia da stafilococco coagulasi-negativo semplice o senza complicazioni, hanno ricevuto rispettivamente fino a 3 giorni o 5 giorni di terapia antibiotica
  • mentre i pazienti con batteriemia da Staphylococcus aureus non complicata hanno ricevuto 14 giorni di terapia
  • i casi complicati hanno ricevuto da 28 a 42 giorni di trattamento antibiotico. I casi di batteriemia da “aureus” ricevono un trattamento antibiotico più lungo rispetto a quelli causati da stafilococchi coagulasi-negativi perché associati a morbilità e mortalità più elevate.
Il risultato è evidenziato anche in un commento che accompagna lo studio: "Considerando che la vancomicina è l'antibiotico più comunemente prescritto negli ospedali per acuti negli Stati Uniti, una riduzione di 3 giorni per una condizione di incidenza elevata come la batteriemia da stafilococco coagulasi-negativa non complicata potrebbe avere un considerevole effetto sulla salute pubblica".

Per saperne di più:

quadratino Original Investigation
Effect of Algorithm-Based Therapy vs Usual Care on Clinical Success and Serious Adverse Events in Patients with Staphylococcal BacteremiaA Randomized Clinical Trial
Thomas L. Holland, MD; Issam Raad, MD; Helen W. Boucher, MD; et al.
JAMA. 2018;320(12):1249-1258. doi:10.1001/jama.2018.13155

FREE ACCESS dopo personale registrazione alla rivista
logo nbst pagina dettaglio  hanno accesso Azienda USL Centro e Azienda USL Nord-Ovest

quadratino Editorial
Treatment Algorithms for Staphylococcal BacteremiaImproving Clinical Care and Enhancing Antimicrobial Stewardship
Eli N. Perencevich, MD, MS; Preeti N. Malani, MD, MSJ
JAMA. 2018;320(12):1243-1244. doi:10.1001/jama.2018.13315

FREE ACCESS dopo personale registrazione alla rivista
logo nbst pagina dettaglio hanno accesso Azienda USL Centro e Azienda USL Nord-Ovest









adsfdasfa