22/5/2019

Prevenire declino cognitivo e demenza, le raccomandazioni delle nuove Linee guida OMS

https://www.who.int/
La demenza è un problema di salute pubblica in rapida crescita, con circa 50 milioni di persone nel mondo affette dalla malattia, quasi 10 milioni di nuovi casi all'anno, che saranno il triplo entro il 2050.

La demenza è una delle maggiori cause di disabilità e dipendenza fra le persone anziane: può devastare le vite degli individui affetti e delle loro famiglie e costituisce inoltre un enorme peso economico anche a livello sociale, con i costi di assistenza in rapida e costante crescita. La demenza non è una malattia curabile, ma una gestione proattiva dei fattori di rischio modificabili può ritardare la malattia o rallentarne la progressione. 

Per questo l'Organizzazione mondiale della sanità ha proposto le linee guida Risk reduction of cognitive decline and dementia, che forniscono la base informativa per i sanitari, i governanti, i decisori politici e gli altri stakeholder per ridurre i rischi di declino cognitivo e demenza attraverso un approccio di salute pubblica. Poiché molti dei fattori di rischio per la demenza sono gli stessi delle malattie non trasmissibili, le raccomandazioni-chiave utili a contenere il rischio individuale di declino cognitivo e di demenza possono essere efficacemente introdotte anche nei programmi per smettere di fumare, in quelli di riduzione del rischio di malattie cardiovascolari e nei programmi per una corretta alimentazione. 

Le raccomandazioni evidence-based raccolte nelle linee guida OMS non sono nulla di veramente nuovo - attività fisica, dieta, evitare il consumo di alcolici - ma sono comunque da intepretarsi come un insieme di obiettivi fondamentali per chiunque formuli le politiche sanitarie. 



photo by: Pixabay

Per saperne di più:

quadratino Risk reduction of cognitive decline and dementia. WHO Guidelines.
World Health Organization 2019