2/4/2020

Le segnalazioni di NBST su Covid-19


Covid-19: cosa sappiamo finora

Le più prestigiose riviste hanno creato sezioni dedicate all'epidemia da coronavirus 2019 con contenuti accessibili gratuitamente.
Sono molti gli articoli che escono quotidianamente e aggiornano le conoscenze sulla malattia.

Per ogni rivista pubblichiamo gli articoli corredati da breve commento in ordine di data di publicazione. Per Lancet, Nejm e Jama, che pubblicano molti studi ogni giorno, abbiamo creato dei repository per permettere comunque l'accesso a tutta la letteratura fin dall'inizio dell'epidemia.



nejm coronavirusDal Nejm segnaliamo:

31 MARZO
Paying for Medicaid - State Budgets and the Case for Expansion in the Time of Coronavirus
Pagare il Medicaid. Di fronte alla pandemia di Covid-19, l'espansione del Medicaid avrebbe rapidamente portato le risorse necessarie nel sistema sanitario e avrebbe immesso dollari federali nelle economie statali. Non richiede nuove infrastrutture o supervisione federale e può salvare vite umane.

30 MARZORenin–Angiotensin–Aldosterone System Inhibitors in Patients with Covid-19
Inibitori di RAAS in pazienti con Covid-19. Gli effetti dei bloccanti del sistema renina-angiotensina-aldosterone sui livelli dell'enzima di conversione dell'angiotensina 2 sono incerti. Gli autori ipotizzano che l'ACE2 possa essere benefico piuttosto che dannoso durante la lesione polmonare da Covid-19 e suggeriscono che la sospensione dell'inibitore di RAAS possa essere dannosa in alcuni pazienti ad alto rischio con Covid-19 noto o sospetto.

30 MARZODeveloping Covid-19 Vaccines at Pandemic Speed
Sviluppo di vaccini Covid-19 a velocità pandemica. Lo sviluppo del vaccino è un processo lungo e costoso. In genere sono necessari più candidati e molti anni per produrre un vaccino autorizzato. A causa dei costi e degli elevati tassi di fallimento, gli sviluppatori in genere seguono una sequenza lineare di passaggi, con più pause per l'analisi dei dati o i controlli del processo di fabbricazione. Lo sviluppo di un vaccino richiede rapidamente un nuovo paradigma pandemico e lo sviluppo di una piattaforma vaccinale di supporto, dal sequenziamento virale agli studi clinici.

27 MARZO. ORIGINAL ARTICLE. Epidemiology of Covid-19 in a Long-Term Care Facility in King County, Washington
Il 28 febbraio 2020, i funzionari della sanità pubblica nell'area di Seattle sono stati informati di un'infezione da Covid-19 in una struttura di assistenza a lungo termine. Un'indagine ha identificato 167 persone infette associate alla struttura, inclusi residenti, personale sanitario e visitatori; più di un terzo dei 101 residenti identificati è deceduto. Nel contesto di un'escalation rapida dell'epidemia di Covid-19, sono necessarie misure proattive da parte delle strutture di assistenza a lungo termine per identificare ed escludere il personale e i visitatori potenzialmente infetti, monitorare attivamente i pazienti potenzialmente infetti e implementare adeguate misure di prevenzione e controllo delle infezioni per prevenire l'introduzione di Covid-19.




lancet coronavirusDal Lancet segnaliamo:

quadratino A role for CT in COVID-19?


26 MARZO
CORRESPONDENCE. A role for CT in COVID-19? What data really tell us so far
I radiologi hanno vissuto la malattia COVID-19, chiedendosi se e come potesse essere utile l'imaging per la diagnosi. Un'ipotesi è usare l'imaging per lo screening o per accelerare la velocità della diagnosi, soprattutto con carenza di RT-PCR. Utilizzare la tomografia computerizzata per la diagnosi però non sembra fornire benefici clinici e potrebbe portare a una falsa sicurezza se i risultati fossero negativi. Gli autori ritengono che considerare la CT fondamentale per la diagnosi di COVID-19 non è utile durante una pandemia e possibilmente pericoloso.

26 MARZO CORRESPONDENCE. CT screening for early diagnosis of SARS-CoV-2 infection
L'applicazione della tomografia computerizzata per la diagnosi precoce dell'infezione da SARS-CoV-2 richiede ulteriori prove a supporto. I ricercatori suggeriscono che l'uso della TC nello screening o nella diagnosi precoce in gruppi ad alto rischio dovrebbe bilanciare rischi e benefici per ridurre la dose di radiazioni e il potenziale carico di malattia. Sulla base delle attuali evidenze ed esperienze, inoltre ribadiscono che occorrono chiari criteri per l'uso della TC nella diagnosi di infezione da SARS-CoV-2. Un criterio potrebbe essere per coloro che hanno sintomi o segni di infezione o per identificare contatti stretti e avere un test positivo; un altro potrebbe essere per trattare o determinare il decorso della malattia.

26 MARZO CORRESPONDENCE. CT screening for early diagnosis of SARS-CoV-2 infection – Authors' reply
Gli autori rispondono. Tutti i 15 partecipanti hanno avuto stretto contatto con casi confermati e sono stati volontariamente sottoposti a scansione TAC come misura di screening. L'articolo in retrospettiva includeva questo gruppo, principalmente per illustrare i risultati dell'imaging nella fase subclinica. Tutte le scansioni di tomografia computerizzata sono state eseguite in conformità a un rigoroso protocollo di controllo delle infezioni per evitare infezioni incrociate. Concordiamo che l'uso della TAC per lo screening o la diagnosi ha un rapporto rischio-beneficio sproporzionato. Fortunatamente, in condizioni di epidemia controllata a Wuhan, il test RT-PCR o il test anticorpale per la sindrome respiratoria acuta grave sono attualmente le prime scelte per lo screening di COVID-19.

quadratino Antihypertensive drugs and risk of COVID-19?


26 MARZO
CORRESPONDENCE. Antihypertensive drugs and risk of COVID-19?
Lei Fang e colleghi suggeriscono che i medici dovrebbero prendere in considerazione la sospensione degli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACEI) o dei bloccanti dei recettori dell'angiotensina (ARB) a causa di un potenziale rischio aumentato di esiti clinici peggiori nei pazienti con malattia di coronavirus 2019 (COVID-19), e suggeriscono calcio bloccanti di canali in alternativa.
Si deve usare cautela quando si raccomanda l'interruzione o un trattamento alternativo. Per i pazienti in polifarmacoterapia, potrebbero non essere sicuro interrompere l'assunzione di agenti antiipertensivi, in particolare agenti ad azione centrale come β-bloccanti e α2-agonisti, che possono avere gravi sindromi da astinenza. In secondo luogo, se devono essere suggeriti agenti alternativi, devono essere seguite le linee guida cliniche per la selezione di questi trattamenti.

26 MARZO CORRESPONDENCE. Antihypertensive drugs and risk of COVID-19? The Lancet Respiratory Medicine
L'ipotesi alla base della teoria di Lei Fang e colleghi è che il punto di ingresso per la sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2) è il recettore
ACE2 e che ACEI e ARB hanno il potenziale di sovraregolare ACE2. Tuttavia, i dati provengono in gran parte da studi sul tessuto cardiaco degli animali. I dati
sull'uomo non hanno mostrato livelli aumentati di ACE2. Questa ipotesi prematura ha generato confusione tra i media e nella comunità medica. Alcuni centri medici hanno suggerito di sospendere gli inibitori del sistema renina-angiotensina (RAS), nonostante gli appelli delle società internazionali.

26 MARZO CORRESPONDENCE. Antihypertensive drugs and risk of COVID-19? – Authors' reply
Gli autori rispondono. Ipertensione, diabete e malattie cardiovascolari sembrano essere le comorbidità più comuni nei pazienti con COVID-19 e sono in genere trattate con farmaci che inibiscono il sistema renina-angiotensina (RAS), tra cui gli inibitori dell'enzima di conversione dell'angiotensina (ACEI) o angiotensina bloccanti dei recettori (ARB).
Sulla base dei farmaci più frequentemente somministrati ai pazienti per il trattamento di queste comorbilità (ovvero ACEI e ARB), abbiamo ipotizzato che questi farmaci potessero aumentare ulteriormente il rischio di COVID-19 grave o fatale. Questa ipotesi era supportata dall'osservazione che l'ACE2 è correlato a una vulnerabilità alle infezioni da SARS-CoV-2. I dati pubblicati disponibili indicano che l'ACE2 è un'arma a doppio taglio, in particolare quando si considerano pazienti con infezione da SARS-CoV-2 e comorbilità di ipertensione, diabete e malattie cardiovascolari. La risposta finale sul fatto che i farmaci per il trattamento di queste comorbidità (cioè ACEI o ARB) siano più benefici che dannosi in questa attuale pandemia non è chiara e tutte le ipotesi dovrebbero essere investigate piuttosto che essere interpretate come prove.

26 MARZO. CORRESPONDENCE. Antihypertensive drugs and risk of COVID-19?
In teoria, l'uso di ACEI e ARB nel tempo comporterebbe una sovraregolazione dei recettori ACE2. Nei bambini e nei giovani adulti, i recettori ACE2 sono presenti in una densità molto più elevata nel tessuto polmonare rispetto agli individui più anziani. Pertanto, la condizione delle persone che assumono ACEI e ARB emula lo stato dei giovani. È possibile che avere più recettori ACE2 costituisca una riserva contro la distruzione target-mediata da parte di SARS-CoV-2.
Gli autori mettono in guardia dall'interruzione indiscriminata di ACEI e ARB nei pazienti che fanno affidamento su questi farmaci per il trattamento dell'insufficienza
cardiaca e che, inoltre, potrebbero beneficiare degli effetti positivi postulati durante l'infezione schiacciante con SARS-CoV-2. L'interruzione di ACEI o ARB è
associata ad ammissione in ospedale e mortalità tra i pazienti con insufficienza cardiaca..



jama coronavirusDa Jama segnaliamo:

quadratino Treatment of Critically Ill Patients With Convalescent Plasma


27 MARZO
. Preliminary Communication. Treatment of 5 Critically Ill Patients With COVID-19 With Convalescent Plasma
La somministrazione di trasfusioni di plasma di convalescenza potrebbe essere utile nel trattamento di pazienti critici con coronavirus 2019 (COVID-19)? In questa serie di casi incontrollati (5 pazienti critici) con COVID-19 e sindrome da distress respiratorio acuto (ARDS), la somministrazione di plasma di convalescenza contenente anticorpi neutralizzanti è stata seguita da un miglioramento dello stato clinico.

27 MARZO. EDITORIAL. Convalescent Plasma to Treat COVID-19 Possibilities and ChallengesPossibilities and Challenges
Shen et al. riportano i risultati di uno studio preliminare su 5 pazienti gravemente malati con malattia di coronavirus 2019 (COVID-19) che sono stati trattati nell'Ospedale di Shenzhen, in Cina, usando il plasma di soggetti guariti.

quadratino  Effects of Covid-19 on the Cardiovascular System


27 MARZO
. REVIEW. Potential Effects of Coronaviruses on the Cardiovascular System
La malattia coronavirus 2019 è associata a un elevato carico infiammatorio che può indurre infiammazione vascolare, miocardite e aritmie cardiache. Sono in corso notevoli sforzi per trovare vaccini e farmaci antivirali specifici contro il virus SARS-CoV-2. Nel frattempo, i fattori e le condizioni di rischio cardiovascolare dovrebbero essere controllati con giudizio secondo linee guida basate sull'evidenza.

27 MARZO. EDITORAL. Association of Coronavirus Disease 2019 (COVID-19) With Myocardial Injury and Mortality
I dati disponibili provenienti dalla Cina e dall'Italia e le prime esperienze negli Stati Uniti indicano che COVID-19 è una condizione relativamente lieve nella maggior parte degli individui colpiti, ma in altri può essere molto grave e mortale.
Due articoli pubblicati su JAMA Cardiology da 2 ospedali accademici di Wuhan, supportano questi concetti fornendo allo stesso tempo nuove intuizioni sull'incidenza e sulle conseguenze delle lesioni miocardiche associate alla SARS-CoV-2.

27 MARZO. BRIEF REPORT. Cardiac Involvement in a Patient With Coronavirus Disease 2019 (COVID-19)
Questo caso clinico descrive la presentazione dell'infiammazione miocardica acuta in un paziente con malattia coronavirus 2019 (COVID-19) che si è ripreso dalla sindrome simil-influenzale e ha sviluppato affaticamento e segni e sintomi di insufficienza cardiaca una settimana dopo i sintomi del tratto respiratorio superiore.

27 MARZO. ORIGINAL ARTICLE. Cardiovascular Implications of Fatal Outcomes of Patients With Coronavirus Disease 2019 (COVID-19)
Qual è l'impatto della patologia cardiovascolare e delle lesioni miocardiche sugli esiti fatali nei pazienti con malattia coronavirus 2019 (COVID-19)? In questo studio su una serie di casi (187 pazienti con COVID-19), il 27,8% dei pazienti presentava una lesione miocardica, con conseguente disfunzione cardiaca e aritmie.



bmj coronavirusDa Bmj segnaliamo:
  • Covid-19: a remote assessment in primary care La maggior parte dei pazienti con covid-19 può essere gestita in remoto con consigli sulla gestione sintomatica e sull'autoisolamento
  • How can I cope with redeployment?
    Durante la pandemia di covid-19, ai tirocinanti può essere chiesto di lavorare in ambienti non familiari. Abi Rimmer chiede agli esperti come i medici possono affrontare il cambiamento