17/2/2022

La solitudine dilaga, non solo causata dalla pandemia Covid-19: pochi dati sulla prevalenza, nonostante i molteplici effetti su salute e benessere

www.bmj.com
Svariati studi hanno focalizzato l’attenzione sugli effetti della pandemia anche nel determinare la solitudine: purtroppo in molti casi e per molte persone questa era già presente.

La solitudine simile ma distinta dall’isolamento sociale o dall'essere soli

I sentimenti di solitudine si instaurano quando esiste una discrepanza tra il proprio livello desiderato e quello effettivo delle relazioni sociali.

La solitudine è un'esperienza soggettiva negativa, strettamente legata alla qualità dei contatti sociali; è simile, ma distinta dall'isolamento sociale, che è definito come la mancanza di contatti sociali e dall'essere soli, caratterizzato come allontanamento fisico dalle connessioni sociali.

La solitudine transitoria è un'esperienza comune, ma la solitudine cronica o grave rappresenta una minaccia per la salute e il benessere.

Crescenti evidenze hanno collegato la solitudine a vari esiti avversi per la salute: è stata infatti associata a indicatori di salute cardiovascolare sfavorevoli, come una maggiore attivazione dell'asse ipotalamo-ipofisi-surrene, a pressione sanguigna alta, aumento dei livelli di colesterolo e malattia coronarica.
La solitudine è associata anche a disturbi del sonno e aumento del rischio di lievi disturbi cognitivi e demenza. Può anche essere dannosa per la salute comportamentale, mentale e sociale nell’arco della vita, influenzando esiti come abuso di sostanze, ideazione suicidaria, ansia, depressione e scarso benessere soggettivo.

Secondo una meta-analisi pubblicata nel 2015, le persone con solitudine cronica avevano un rischio maggiore di mortalità del 26%. Questo aumento del rischio è paragonabile a fattori di rischio consolidati come l'inattività fisica e l'obesità di grado 1.

La cultura influisce sui livelli di solitudine. L'individualismo-collettivismo è stato a lungo considerato un importante determinante culturale della solitudine. Un recente modello concettuale ha postulato che i fattori di rischio, come l'età, interagiscono con eventi scatenanti, come il pensionamento, provocando sentimenti di solitudine.

Considerando che alcuni fattori di rischio di solitudine ben consolidati, come la depressione e le malattie croniche sono in aumento, e che gli eventi scatenanti fanno parte della vita (ad es. la pandemia di Covid-19), è probabile che questi fattori di rischio incidano sulla prevalenza di solitudine. Di conseguenza, la solitudine è sempre più riconosciuta come un'importante questione sanitaria e sociale.

Conoscere la prevalenza della solitudine prima della pandemia per sorvegliare cosa accadrà dopo

Affrontare la solitudine, ora definita come un problema di salute pubblica, richiede approcci, che iniziano con la definizione dell'entità e della distribuzione del problema attraverso la sorveglianza.

Una recente stima suggerisce che un terzo della popolazione nei paesi industrializzati sperimenta la solitudine e 1 persona su 12 vive la solitudine a un livello problematico; tuttavia, la base di questa stima non è chiara.

Comprendere la prevalenza della solitudine a livello globale può aiutare i decisori a valutare la portata e la gravità del problema. Alla luce della pandemia di Covid-19, riassumere la prevalenza globale della solitudine prima della pandemia potrebbe aiutare a identificare una linea di base prepandemica per il successivo monitoraggio.

Una revisione sistematica e meta-analisi appena pubblicata sul BMJ ha identificato la disponibilità dei dati, le lacune e i modelli per la prevalenza della solitudine a livello di popolazione, tra i diversi gruppi di età a livello globale.
Sono state riassunte e confrontate le stime di prevalenza disponibili all'interno delle regioni dell'Organizzazione mondiale della sanità, quando possibile attraverso la meta-analisi, e sono state esaminate le tendenze temporali della solitudine nei paesi che avevano a disposizione i dati.

Prevalenza della solitudine nel mondo: metodologia e risultati dello studio sul BMJ 

Le fonti della ricerca alla base della revisione (citata sopra), sono state le banche dati Embase, Medline, PsycINFO e Scopus per la letteratura sottoposta a revisione paritaria, e Google Scholar e Open Gray per la letteratura grigia, integrati dalla ricerca di riferimenti precedenti (fino al 1 settembre 2021).
Sono stati considerati studi osservazionali basati su campioni rappresentativi a livello nazionale (n ≥ 292), strumenti convalidati e dati di prevalenza per il periodo 2000-2019.
Due ricercatori hanno estratto i dati in modo indipendente e valutato il rischio di bias utilizzando la checklist del Joanna Briggs Institute.
La meta-analisi ad effetti casuali è stata condotta nel sottoinsieme di studi con metodi di ricerca relativamente omogenei per strumento di misurazione, gruppo di età e regione dell'OMS.

I dati sulla prevalenza erano disponibili per 113 paesi o territori, secondo la nomenclatura ufficiale dell'OMS per le regioni, da 57 studi. I dati erano disponibili per adolescenti (12-17 anni) in 77 paesi o territori, giovani adulti (18-29 anni) in 30 paesi, adulti di mezza età (30-59 anni) in 32 paesi e anziani (≥60 anni) in 40 paesi. Per tutti i gruppi di età, ad eccezione degli adolescenti, erano carenti al di fuori dell'Europa.
solitudine prevalenza mondo
Figura 1. Stime internazionali per la prevalenza della solitudine per fasce di età.
Apri l'immagine in una risoluzione maggiore


Complessivamente, nella meta-analisi sono state incluse 212 stime per 106 paesi da 24 studi.

La prevalenza complessiva della solitudine:
  • per gli adolescenti variava dal 9,2% (intervallo di confidenza al 95% dal 6,8% al 12,4%) nel sud-est asiatico al 14,4% (dal 12,2% al 17,1%) nella regione del Mediterraneo orientale
  • per gli adulti, la meta-analisi è stata condotta solo per la regione europea ed è stato mostrato un modello geografico coerente per tutti i gruppi di età degli adulti
  • la prevalenza più bassa della solitudine è stata costantemente osservata nei paesi dell'Europa settentrionale (2,9%, 1,8% e 4,5% per i giovani adulti; 2,7%, 2,4% e 3,0% per gli adulti di mezza età; e 5,2%, 4,2% e 6,5% per gli anziani)
  • la prevalenza più alta nei paesi dell'Europa orientale (7,5%, dal 5,9% al 9,4% per i giovani adulti; 9,6%, dal 7,7% al 12,0% per gli adulti di mezza età e 21,3%, dal 18,7% al 24,2% per gli anziani).
Livelli problematici di solitudine sono vissuti da una parte sostanziale della popolazione in molti paesi.

La sostanziale differenza nella copertura dei dati tra i paesi ad alto reddito (in particolare l'Europa) e i paesi a basso e medio reddito ha sollevato un'importante questione di equità.
I dati sulle tendenze temporali della solitudine sono peraltro insufficienti. I risultati di questa meta-analisi sono limitati dalla scarsità di dati e dall'eterogeneità metodologica.

La solitudine dovrebbe essere incorporata nella sorveglianza sanitaria generale con una copertura geografica e per età più ampia, utilizzando strumenti di misurazione standardizzati e convalidati.

La prevalenza della solitudine in Italia

Abbiamo notato che nella revisione i dati specifici per l’Italia sono stati ripresi da uno studio del 2009, che riportava un’analisi basata su SHARE (Survey of Health, Ageing, and Retirement in Europe) del 2004–2006.

Per chi voglia approfondire il tema, in PubMed sono presenti però molti altri studi recenti che propongono dati su vari aspetti, rischi ed effetti della solitudine in specifici gruppi di persone in Italia, anche durante la pandemia Covid-19.

Tra i più recenti, citiamo solo uno studio del 2021 condotto su un campione di 27.468 soggetti di età ≥60 anni, che riprende proprio i dati di SHARE (come lo studio considerato nella revisione) ed evidenzia la connessione tra stato di solitudine e fragilità.


Per saperne di più:

quadratino The prevalence of loneliness across 113 countries: systematic review and meta-analysis
Surkalim DL, Luo M, Eres R, Gebel K, van Buskirk J, Bauman A, Ding D. BMJ. 2022 Feb 9;376:e067068. doi: 10.1136/bmj-2021-067068. PMID: 35140066.

quadratino Loneliness among older Europeans
Sundström G, Fransson E, Malmberg B, Davey A. Eur J Ageing. 2009 Nov 6;6(4):267. doi: 10.1007/s10433-009-0134-8. PMID: 28798610; PMCID: PMC5547349.

quadratino Social isolation and loneliness as related to progression and reversion of frailty in the Survey of Health Aging Retirement in Europe (SHARE)
Jarach CM, Tettamanti M, Nobili A, D'avanzo B. Age Ageing. 2021 Jan 8;50(1):258-262. doi: 10.1093/ageing/afaa168. PMID: 32915990; PMCID: PMC7793602.