26/7/2021

Protezione dopo una dose di vaccino, seconda dose diversa, somministrazione nei guariti: il nuovo report ECDC con le attuali evidenze

www.ecdc.europa.eu
Il documento Partial COVID-19 vaccination, vaccination following SARS-CoV-2 infection and heterologous vaccination schedule: summary of evidence, recentemente pubblicato dallo European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC), fornisce una revisione delle evidenze su tre argomenti di interesse:
  • efficacia della vaccinazione parziale
  • immunogenicità ed efficacia della vaccinazione per individui precedentemente infetti
  • sicurezza e immunogenicità dei programmi eterologhi
Lo scopo del report è fornire informazioni utili al processo decisionale in corso, in relazione alle politiche e strategie nazionali di vaccinazione nell’Unione Europea e nei paesi dello Spazio economico europeo (UE/SEE).

Vaccinazione parziale, una dose di vaccino di un regime a due dosi

I dati disponibili, su diversi gruppi di popolazione e varianti di preoccupazione (VOC) di SARS-CoV-2 confermano che la protezione contro l'infezione asintomatica e sintomatica e la malattia grave conferita da due dosi di vaccino (Comirnaty, Spikevax - ex Moderna e Vaxzevria) è significativamente più elevata rispetto a quella parziale vaccinazione (cioè una dose di un regime a due dosi). Le prove sull'efficacia a lungo termine della vaccinazione parziale sono limitate.

Le prove preliminari di alcuni studi indicano che gli individui parzialmente vaccinati sono meno protetti contro l'infezione sintomatica con il VOC B.1.617.2 (Delta) rispetto al VOC B.1.1.7 (Alpha), indipendentemente dal tipo di vaccino. Tuttavia, la vaccinazione completa fornisce una protezione quasi equivalente contro la variante Delta a quella Alpha.

Ciò supporta la precedente raccomandazione dell'ECDC secondo cui, nel contesto dell'aumento della circolazione della variante Delta, la vaccinazione completa dovrebbe essere ottenuta il prima possibile e la seconda dose di vaccino dovrebbe essere somministrata dopo il più breve intervallo possibile, dando priorità ai gruppi di popolazione a più alto rischio esiti gravi a seguito di infezione da SARS-CoV-2.

Vaccinazione per coloro che hanno superato l'infezione

Gli studi sui regimi a dose singola di Comirnaty, Spikevax e Vaxzevria in individui precedentemente infetti, indicano che le risposte anticorpali e immunitarie cellulari sono paragonabili a individui naïve che completano il regime a due dosi. Tuttavia, i dati sulla durata a lungo termine dell'immunità protettiva sono scarsi.

Occorre prestare attenzione nel tradurre i dati sull'immunogenicità in protezione dagli esiti clinici di COVID-19. Non sono attualmente disponibili evidenze sugli endpoint clinici, come il rischio di infezione confermata in laboratorio e malattia sintomatica, per individui precedentemente infetti che ricevono solo una dose di un vaccino che prevede un regime a due dosi.

Date le attuali lacune nelle evidenze, a scopo precauzionale, si dovrebbe prendere in considerazione la continua somministrazione di un regime a due dosi, come da autorizzazione EMA, in particolare per quegli individui a maggior rischio di esiti gravi a seguito dell'infezione da SARS-CoV-2.

Vaccinazione eterologa, seconda dose diversa dalla prima

Le evidenze provenienti da studi sulla vaccinazione eterologa ("mix and match") suggeriscono che la combinazione di vaccini Vaxzevria (AstraZeneca) e a mRNA induce una robusta risposta umorale contro SARS-CoV-2 e suscita una risposta delle cellule T più elevata rispetto alle combinazioni omologhe. Sebbene sia stato osservato un aumento della reattogenicità sistemica da lieve a moderata dopo la somministrazione della seconda dose, i regimi eterologhi sono stati generalmente ben tollerati.

Diversi paesi dell'UE/SEE stanno attualmente utilizzando programmi "mix and match", principalmente con un vaccino mRNA (Comirnaty o Spikevax - ex Moderna) dopo una prima dose di Vaxzevria, in particolare per completare il ciclo di vaccinazione in caso di reazioni gravi dopo la prima dose o per altri motivi precauzionali basati su protocolli nazionali. Le prove attuali forniscono basi scientifiche per aspettarsi che questi approcci "off-label" siano sicuri e suscitino una risposta immunitaria soddisfacente.

Mentre la ricerca è in corso per fornire ulteriori evidenze sulla sicurezza a lungo termine, sulla durata dell'immunità e sull'efficacia, l'uso di programmi eterologhi può offrire flessibilità in termini di opzioni di vaccinazione, in particolare per mitigare l'impatto sull'introduzione del vaccino nel caso in cui un prodotto vaccinale non fosse disponibile, o se è interrotto o messo in pausa.

Per saperne di più:

quadratino ECDC. Partial COVID-19 vaccination, vaccination following SARS-CoV-2 infection and heterologous vaccination schedule: summary of evidence (22 luglio 2021)