20/8/2021

Vaccini anti COVID-19 negli adolescenti


Per i genitori di figli adolescenti

Vaccini sicuri anche per gli adolescenti con malattie concomitanti
21 settembre 2022. Journal of Infection and Chemotherapy. Safety of and antibody response to the BNT162b2 COVID-19 vaccine in adolescents and young adults with underlying disease
#NOVITÀ Questo studio osservazionale prospettico ha arruolato pazienti di età compresa tra 12 e 25 anni con sottostante malattia cronica che hanno ricevuto 2 dosi di BNT162b2. È stato utilizzato un questionario di 19 voci per valutare gli eventi avversi entro 7 giorni dalla vaccinazione e i dati relativi agli eventi avversi gravi sono stati raccolti dalle cartelle cliniche elettroniche. Un titolo anticorpale per il dominio di legame del recettore della proteina Spike in SARS-CoV-2 è stato utilizzato per valutare la risposta anticorpale dopo la seconda dose di vaccino. I partecipanti allo studio erano 429 pazienti (241 [56%] di età 12-15 anni; 188 [43,8%] di età 16-25 anni). Le malattie sottostanti più comuni erano anomalie genetiche o cromosomiche e/o anomalie congenite, seguite da malattie endocrine o metaboliche; il 33% dei partecipanti era immunocompromesso. Eventi avversi gravi sono stati osservati dopo la seconda dose in 1 (0,4%) paziente di età compresa tra 12 e 15 anni e in 2 (1,1%) pazienti di età compresa tra 16 e 25 anni; tutti i pazienti sono guariti. La sieropositività dopo la seconda dose di vaccino è stata del 99,0%. Il titolo anticorpale medio geometrico era più alto nei pazienti di età compresa tra 12-15 anni rispetto a 16-25 anni (1603,3 [1321,8-1944,7] U/mL contro 949,4 [744,2-1211,0] U/mL). Rispetto ai pazienti immunocompetenti, i pazienti immunocompromessi avevano un titolo anticorpale inferiore (2106,8 [1917,5-2314,7] U/mL vs. 467,9 [324,4-674,8] U/mL).La vaccinazione con BNT162b2 era accettabilmente sicura e immunogena per adolescenti e giovani adulti con malattia di base.

Vaccinare bambini e adolescenti: i pro e i contro

15 settembre 2022. Infect Dis Now. Vaccinating children: the pros and cons
#NOVITÀ La decisione di vaccinare gli adolescenti è stata motivata da una esigenza di salute pubblica globale: diminuire la trasmissione ad altre fasce di età. Tra gli adolescenti, l'efficacia (migliore immunità rispetto ai giovani adulti) e la sicurezza dei vaccini è stata chiaramente dimostrata. Tra i bambini di età compresa tra 5 e 12 anni, a causa della minore contaminazione, il beneficio collettivo è meno chiaro e quando i vaccini a m-RNA erano disponibili per questa fascia di età, la variante Omicron era predominante e il loro effetto su infezioni non gravi e la trasmissione doveva ancora essere determinato. Il beneficio individuale si basa sia su criteri somatici che sulla scolarizzazione e sulla salute mentale del bambino. I bambini di età inferiore a 5 anni hanno ricevuto una dose di vaccino da 3 µg, che è un decimo della dose degli adulti, con conseguente immunogenicità simile a quella dei bambini di età compresa tra 16 e 25 anni. La vaccinazione contro SARS-CoV-2 è raccomandata per adolescenti e bambini piccoli a causa (a) dei loro benefici individuali sulle conseguenze dirette dell'infezione da SARS-CoV-2 (rischio di PIMS dovuto a COVID 19...) e (b) della loro salute collettiva e mentale (diminuzione delle contaminazioni, diminuzione dei ricoveri, apertura delle scuole…).

Benefici della vaccinazione di bambini e adolescenti sembrano superare i rischi di miopericardite post vaccino

15 settembre 2022. Acta Paediatr. COVID-19 review shows that benefits of vaccinating children and adolescents appear to outweigh risks of post-vaccination myopericarditis.
#NOVITÀ Tutti i casi segnalati di miopericardite post-vaccinazione avevano livelli sierici elevati di troponina, associati a variazioni dell'elettrocardiogramma, ma spesso con ecocardiogramma normale. Le immagini di risonanza magnetica cardiaca hanno sempre mostrato alterazioni tipiche. Il meccanismo patogenetico è ancora sconosciuto. La miocardite successiva alla vaccinazione post-COVID è più frequente nei ragazzi con un'età media di circa 15 anni. Il trattamento prevede l'uso di farmaci antinfiammatori non steroidei e il ricovero medio è di circa 3 giorni. Le conseguenze a lungo termine non sono ancora note, quindi questi pazienti dovrebbero essere studiati in un follow-up cardiologico e dovrebbe essere raccomandata l'astensione dall'attività fisica. I benefici della vaccinazione COVID-19 nei bambini e negli adolescenti sembrano superare il rischio di sviluppare miopericardite post-vaccinazione.

La vaccinazione COVID-19 protegge bambini e adolescenti

9 settembre 2022. The Lancet Infectious Diseases. COVID-19 vaccination protects children and adolescents
#NOVITÀ Non è chiaro quanto bene due dosi di BNT162b2 abbiano protetto i bambini o una dose di richiamo abbia protetto gli adolescenti dalle infezioni sintomatiche e asintomatiche da SARS-CoV-2 contro la variante Omicron (B.1.1.529). In The Lancet Infectious Diseases, Ofra Amir e colleghi riferiscono che i bambini in Israele di età compresa tra 5 e 10 anni che hanno ricevuto due dosi (di BNT162b2) e gli adolescenti di età compresa tra 12 e 15 anni che hanno ricevuto una dose di richiamo avevano un tasso sostanzialmente ridotto di infezioni SARS-CoV-2 durante un periodo di predominanza di Omicron nelle settimane successive alla vaccinazione con BNT162b2.

Outcome clinici del vaccino Pfizer-BioNTech in bambini e adolescenti

20 luglio 2022. Health Sci Rep. Clinical outcomes of Pfizer-BioNTech COVID-19 vaccine in children and adolescents: A systematic review.
Sono stati inclusi nella revisione 6 studi per un un totale di 78 tra bambini e adolescenti vaccinati. La maggior parte dei bambini con sintomi vaccinati erano maschi (71%). L'età media era di 15,6 anni e il BMI era di 24,1. I sintomi più comuni riscontrati sono stati: dolore toracico (35%), febbre (32%) e mialgia (17%). Il sintomo cardiaco più comune ai risultati dell'ECG era l'aumento del tratto ST e il 35% dei bambini vaccinati presentava un aumento della troponina sierica. Il ricovero, compreso il ricovero in terapia intensiva, è stato inferiore rispetto ai gruppi non vaccinati. Associazioni statisticamente significative (p ≤ 0,05) sono state trovate in due sintomi (febbre e cefalea) tra i gruppi pediatrici vaccinati e non vaccinati. Sebbene siano stati riscontrati risultati migliori nel gruppo vaccinato rispetto al gruppo pediatrico non vaccinato, sono ancora cruciali ulteriori studi per comprendere ulteriormente l'eziologia specifica postvaccinazione, in particolare per la miocardite, l'impatto psicologico e altri sintomi clinici cardiaci nei bambini e negli adolescenti dopo il vaccino BioNTech-Pfizer.

Efficacia del vaccino Pfizer contro le varianti Delta e Omicron negli adolescenti

16 giugno 2022. Pediatrics. Vaccine Effectiveness of BNT162b2 Against Delta and Omicron Variants in Adolescents
Durante Omicron, il 91% dei soggetti testati aveva ricevuto 2 dosi e l'1,3% ne aveva ricevute 3. L'efficacia del vaccino era inferiore contro l'infezione sintomatica da Omicron rispetto a Delta e diminuiva maggiormente e più rapidamente nel tempo, dal 51% 7-59 giorni dopo una seconda dose al 29% dopo 180 giorni, rispetto al 97% e al 90% per gli stessi intervalli contro l'infezione Delta sintomatica. Complessivamente, l'efficacia del vaccino a 2 dosi contro esiti gravi dovuti a Omicron era dell'85% ≥7 giorni dopo una seconda dose e le stime erano simili nel tempo. Anche se non siamo stati in grado di valutare l'efficacia a 3 dosi rispetto a gravi esiti di Omicron o qualsiasi esito Delta a causa di numeri ridotti (con zero eventi Delta gravi tra gli individui vaccinati), l'efficacia del vaccino contro l'infezione da Omicron sintomatica è stata del 62% ≥7 giorni dopo la terza dose. L'efficacia del vaccino contro l'infezione sintomatica di Omicron diminuisce nel tempo negli adolescenti a cui sono state somministrate 2 dosi di BNT162b2 ed era più alto subito dopo la terza dose. Sebbene inferiore a quanto osservato contro Delta, la protezione contro gli esiti gravi sembra essere mantenuta nel tempo.

Sicurezza ed efficacia dei vaccini anti COVID-19 nei bambini e negli adolescenti

15 giugno 2022. J Med Virol. Safety and Efficacy of COVID-19 Vaccines in Children and Adolescents: a Systematic Review of Randomized Controlled Trials
I vaccini COVID-19 sono stati valutati in un totale di 10.950 bambini e adolescenti in 7 studi pubblicati e oltre 49.530 partecipanti in 26 studi randomizzati controllati in corso. I risultati degli studi pubblicati inclusi sono stati stratificati per tipo di vaccino. Gli eventi avversi complessivi, locali e sistemici dopo l'immunizzazione (AEFI) riportati nella maggior parte degli studi sono stati simili tra il gruppo vaccino e quello placebo. La maggior parte delle reazioni riportate sono state da lievi a moderate, mentre alcune sono state gravi. Gli eventi avversi comuni erano dolore al sito di iniezione, febbre, cefalea, tosse, affaticamento e dolore muscolare. Pochi studi clinici hanno riportato eventi avversi gravi, ma la maggior parte di essi non erano correlati alla vaccinazione. In termini di efficacia, il vaccino a mRNA studiato è risultato efficace dal 90,7% al 100% nella prevenzione di COVID-19 in bambini e adolescenti, rivelando buoni profili di efficacia in questa fascia di età.

Molto rari i casi di sindrome iperinfiammatoria in seguito a vaccino a mRNA nei bambini di 12-17 anni

29 aprile 2022. Lancet Reg Health Eur. Hyper inflammatory syndrome following COVID-19 mRNA vaccine in children: A national post-authorization pharmacovigilance study
L'obiettivo dello studio è valutare il rischio di sindrome iper-infiammatoria dopo il vaccino a mRNA nei bambini. Una sorveglianza nazionale post-autorizzazione sulla popolazione è stata condotta utilizzando il sistema di sorveglianza di farmacovigilanza francese per i vaccini COVID-19. Sono stati segnalati tutti i casi di sospetta sindrome iperinfiammatoria a seguito del vaccino mRNA nei bambini tra 12 e 17 anni tra il 15 giugno 2021 e il 1 gennaio 2022. Il tasso di segnalazione di questa sindrome è stato confrontato con il tasso di MIS-C per 1.000.000 di bambini della stessa fascia di età infettati da SARS-CoV-2. Fino a gennaio 2022, 8.113.058 dosi di vaccino a mRNA sono state somministrate a 4.079.234 bambini tra 12 e 17 anni. Tra questi, 12 presentavano una sindrome iperinfiammatoria con coinvolgimento multisistemico. In 8 casi non è stata trovata alcuna prova di una precedente infezione da SARS-CoV-2. Il tasso di segnalazione era 1,5 (IC 95% [0,8; 2,6]) per 1.000.000 di dosi iniettate, cioè 2,9 (IC 95% [1,5; 5,1]) per 1.000.000 di bambini di età compresa tra 12 e 17 anni vaccinati. A titolo di confronto, si sono verificate 113 MIS-C (IC al 95% [95; 135]) ogni 1.000.000 di bambini infetti da SARS-CoV-2 di età compresa tra 12 e 17 anni. Pochissimi casi di sindrome iperinfiammatoria con coinvolgimento multiorgano si sono verificati in seguito al vaccino a mRNA nei bambini di 12-17 anni. Il basso tasso di segnalazione di questa sindrome, rispetto al tasso di MIS-C post-SARS-CoV-2 nella stessa fascia di età, supporta ampiamente la vaccinazione in un contesto di importante circolazione di SARS-CoV-2.

Efficacia del vaccino Pfizer contro Omicron nei bambini e adolescenti
30 marzo 2022. NEJM. BNT162b2 Protection against the Omicron Variant in Children and Adolescents
In questo studio su BNT162b2, tra gli adolescenti dai 12 ai 18 anni l'efficacia del vaccino contro il ricovero per Covid-19 nel periodo con prevalenza della variante Delta era superiore al 90%; durante il periodo Omicron, l'efficacia del vaccino è stata del 40% contro il ricovero e del 79% contro la malattia grave. Inoltre, l'efficacia del vaccino contro il ricovero è stata del 68% tra i bambini di età compresa tra 5 e 11 anni.

Valutazione rischio-beneficio del vaccino Comirnaty per i giovani 16-29enni
28 marzo 2022. Vaccine. Benefit-risk assessment of COVID-19 vaccine, mRNA (Comirnaty) for age 16-29 years.
Sebbene le evidenze del mondo reale abbiano indicato che i vaccini sono efficaci nella prevenzione dei casi di COVID-19 e dei relativi ricoveri e decessi, negli Stati Uniti è stato riportato un aumento dei casi di miocardite/pericardite associati alla vaccinazione, in particolare negli adolescenti e nei giovani adulti. Questo studio di simulazione con analisi dei benefici e rischi del vaccino attraverso possibili scenari pandemici investiga sui benefici per tutti gli individui di età compresa tra 16 e 29 anni, incluso il sottogruppo ad alto rischio, i maschi di età compresa tra 16 e 17 anni. Considerando le diverse implicazioni cliniche dell'ospedalizzazione dovuta all'infezione da COVID-19 rispetto ai casi di miocardite/pericardite attribuibili al vaccino, gli autori concludono che i benefici superano ancora i rischi anche per questo sottogruppo ad alto rischio.

Efficacia della vaccinazione negli adolescenti britannici

21 marzo 2022. The Lancet Infectious Diseases. Effectiveness of BNT162b2 against COVID-19 in adolescents
Poiché i bambini e gli adolescenti hanno un basso rischio di COVID-19 grave e a causa delle preoccupazioni per lo sviluppo di miocardite rara, ma potenzialmente grave dopo la vaccinazione con vaccini a mRNA, principalmente dopo la seconda dose nei giovani maschi adulti, il Comitato congiunto per la vaccinazione e l'immunizzazione (JCVI) del Regno Unito ha inizialmente raccomandato una dose per i ragazzi di età compresa tra 16 e 17 anni dal 4 agosto 2021 e contro la vaccinazione dei giovani di età compresa tra 12 e 15 anni a causa dei benefici marginali rispetto al rischio. I ministri del Regno Unito hanno successivamente raccomandato di vaccinare questo gruppo con BNT162b2 (Comirnaty, Pfizer-BioNTech) o mRNA-1273 (Spikevax, Moderna) dal 13 settembre 2021, per prevenire l'interruzione della presenza scolastica. Contrariamente all'intervallo di 3 settimane autorizzato, il Regno Unito raccomanda 8–12 settimane tra le dosi, a causa dell'elevata protezione fornita dalla prima dose e delle risposte anticorpali più elevate dopo una seconda dose successiva.
Dopo una dose nei ragazzi di 12-15 anni, l'efficacia del vaccino contro la malattia sintomatica causata dalla variante Delta ha raggiunto il picco a 14-20 giorni dopo la vaccinazione e poi è diminuita gradualmente, raggiungendo il 45,9% a 70–83 giorni. Per la variante Omicron, l'efficacia del vaccino era significativamente inferiore in questi momenti, raggiungendo un picco del 49,6% nei giorni 14–20 dopo la prima dose prima di scendere al 16,1% a 70–83 giorni. Dopo due dosi, l'efficacia del vaccino è aumentata e ha raggiunto il picco a 7–13 giorni dopo al 93,2% per la variante Delta e all'83,1% per Omicron.
Per i ragazzi di età compresa tra 16 e 17 anni, l'efficacia del vaccino dopo la prima dose contro la malattia sintomatica durante la variante Delta ha raggiunto il picco a 14-20 giorni ed è diminuita gradualmente fino a 29,3% nei giorni 84–104. Per Omicron, il picco di efficacia del vaccino è stato significativamente inferiore al 52,7% tra i giorni 21–27 ed è sceso al 12,5% dal giorno 105 in poi. Dopo la dose due, l'efficacia del vaccino ha raggiunto il picco a 14–34 giorni per la variante Delta e a 7–13 giorni per Omicron. L'efficacia è diminuita rapidamente durante Omicron dopo il giorno 34, raggiungendo il 22,6% 70 giorni dopo la dose due, rispetto all'83,7% durante la predominanza della variante Delta.

Efficacia di due dosi di vaccino BNT162b2 negli adolescenti
1 marzo 2022. JAMA. Assessment of Clinical Effectiveness of BNT162b2 COVID-19 Vaccine in US Adolescents
Un totale di 6901 adolescenti sono stati testati per SARS-CoV-2. Il campione finale comprendeva 186 partecipanti e 356 controlli abbinati. L'età media era di 14 anni (IQR, 13-16), 262 (48%) femmine, 81 (15%) nere, 82 (15%) ispaniche e 297 (55%) bianche. Complessivamente, 134 (25%) sono stati i soggetti completamente immunizzati (partecipanti 10 [5%]; partecipanti di controllo 124 [35%]). Il tempo mediano tra l'immunizzazione e il test SARS-CoV-2 è stato di 62 giorni (intervallo, 17-129 giorni). Entro 4 mesi dalle 2 dosi, l'efficacia del vaccinp contro qualsiasi infezione è stata stimata al 91% (IC 95%, 80%-96%); contro l'infezione asintomatica 85% (IC 95%, 57%-95%). L'efficacia dopo una singola dose è stata stimata 74% (IC al 95%, 18%-92%). CONCLUSIONI E RILEVANZA: In questo studio caso-controllo retrospettivo su adolescenti statunitensi, 2 dosi di vaccino BNT162b2 sembravano fornire un'eccellente protezione per almeno 4 mesi dopo l'immunizzazione contro le infezioni SARS-CoV-2 sintomatiche e asintomatiche.

8 Feb 2022. ECDC. Technical report.
COVID-19 vaccine effectiveness in adolescents aged 12–17 years and interim public health considerations for administration of a booster dose
Al 30 gennaio 2022, il 70,9% degli adolescenti di età compresa tra 15 e 17 anni e il 34,8% di quelli di 10-14 anni hanno completato il ciclo primario di vaccinazione anti COVID-19, sebbene con un'ampia eterogeneità tra i paesi UE/SEE. Più della metà degli adolescenti di età compresa tra 10 e 17 anni nell'UE/SEE non ha ancora completato un corso primario.

Efficacia del vaccino Pfizer negli adolescenti
12 gennaio 2022. NEJM. Effectiveness of BNT162b2 Vaccine against Critical Covid-19 in Adolescents
I ricercatori hanno utilizzato uno studio caso-controllo, negativo al test, per valutare l'efficacia del vaccino BNT162B2 negli adolescenti per la prevenzione del ricovero in ospedale correlato a Covid-19, del ricovero in terapia intensiva o del ricorso a supporto vitale. Tra 445 pazienti e 777 controlli, dei 180 pazienti ricoverati in terapia intensiva, solo 2 erano stati vaccinati completamente; tutti e 7 i decessi si sono verificati in pazienti non vaccinati. Per approfondire, l'editoriale Sparing of Severe Covid-19 in Vaccinated Adolescents

Vaccino e adolescentisintomi clinici, decorso della malattia e fattori che contribuiscono ai ricoveri
31 dicembre 2021. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. Characteristics and Clinical Outcomes of Children and Adolescents Aged <18 Years Hospitalized with COVID-19 - Six Hospitals, United States, July-August 2021
Ad oggi, segni e sintomi clinici, decorso della malattia e fattori che contribuiscono ai ricoveri durante il periodo di predominanza della variante Delta non sono stati pienamente descritti nei pazienti pediatrici. I CDC hanno collaborato con 6 ospedali pediatrici per rivedere i dati delle cartelle cliniche dei pazienti di età <18 anni con ricoveri correlati a COVID-19 durante luglio-agosto 2021. Tra i 915 pazienti identificati, 713 (77,9%) sono stati ricoverati per COVID-19 (COVID-19 acuto come ragione primaria o contribuente al ricovero), 177 (19,3%) hanno avuto risultati positivi accidentali al test SARS-CoV-2 (infezione asintomatica o lieve non correlata al motivo del ricovero) e 25 (2,7%) presentavano sindrome infiammatoria multisistemica (MIS-C), una condizione infiammatoria rara ma grave associata a COVID-19. Tra i 713 pazienti ricoverati per COVID-19, il 24,7% aveva un'età <1 anno, il 17,1% aveva tra 1 e 4 anni, il 20,1% aveva 5-11 anni e il 38,1% 12-17 anni. Circa due terzi dei pazienti (67,5%) avevano una o più condizioni mediche, con l'obesità che era la più comune (32,4%); tra i pazienti di età compresa tra 12 e 17 anni, il 61,4% era l'obeso. Tra i pazienti ricoverati per COVID-19, il 15,8% ha avuto una coinfezione virale (il 66,4% dei quali aveva un'infezione da virus respiratorio sinciziale [RSV]). 



Per saperne di più, torna all'approfondimento:

quadratino Vaccini COVID, le risposte a domande generali o specifiche per patologie e condizioni particolari
L' approfondimento contiene le ultime indicazioni di letteratura e le raccomandazioni delle società scientifiche sulla vaccinazione contro COVID per coloro che soffrono di condizioni particolari e patologie preesistenti.