16/9/2022

Che cosa sappiamo sulle varianti COVID-19


Articolo IN CONTINUO AGGIORNAMENTO data la costante evoluzione delle informazioni.  

Sul tema una selezione di notizie dalle principali istituzioni italiane e internazionali, articoli scientifici di riviste prestigiose e i provvedimenti normativi italiani. 

#NOVITÁ
Il punto sulle novità
• ISS, flash survey (16 sett)
• Sensibilità di neutralizzazione di Omicron BA.2.75 (6 sett)
• Protezione contro Omicron BA.5 da precedenti infezioni (31 ago)
• Tempi di incubazione delle varianti: con Omicron si accorciano (22 ago)
• Che sappiamo di Omicron 4 e 5 (9 ago)
• Omicron meno letale di Delta? (2 ago)
• Metodi per il rilevamento e la caratterizzazione delle varianti (WHO, 29 lug)
• Immunità contro SARS-CoV-2 dopo vaccini e le varianti Delta e Omicron (27 lug)
• Precedente infezione protegge contro Omicron 4 e 5 (21 lug)
• Effetto varianti su malattia grave in gravidanza ed esiti perinatali avversi (19 lug)
• L'infezione di una variante protegge dalla reinfezione di una seconda variante simile (14 lug)
• Omicron, quanti asintomatici tra gli infetti: una revisione sistematica e meta-analisi (30 giu)
• Infezioni da Omicron dopo vaccino non a mRNA (30 giu)

Le circolari del Ministero della salute
• Circolare del Ministero della salute. Stima della prevalenza delle varianti VOC e di altre varianti in Italia (2 sett)


Cosa trovi in questo approfondimento:



Varianti Covid: il punto sulle novità

A seguire una selezione di notizie dalle principali istituzioni italiane e internazionali, articoli scientifici da riviste prestigiose e alcuni interessanti provvedimenti normativi sul tema.


ISS, flash survey.Omicron al 100%, sottovariante BA.5 predominante (16 sett)

Sensibilità di neutralizzazione del sottolignaggio Omicron BA.2.75
6 settembre 2022. The Lancet Infectious Diseases. Neutralisation sensitivity of the SARS-CoV-2 omicron BA.2.75 sublineage
#NOVITÁ Le varianti di SARS-CoV-2 con sensibilità ridotta agli anticorpi neutralizzanti possono rappresentare una sfida all'immunità indotta dalla vaccinazione o dall'infezione e possono rendere inefficaci gli anticorpi monoclonali terapeutici. I risultati dello studio suggeriscono che le mutazioni nella proteina spike del sottolignaggio BA.2.75 diminuiscono la suscettibilità all'attività neutralizzante indotta dal vaccino rispetto a BA.2, anche se in misura minore rispetto alle mutazioni presenti in BA.4/5. Inoltre, BA.2.75 ha mostrato una sensibilità complessiva più elevata agli anticorpi monoclonali neutralizzanti SARS-CoV-2 in fase di sviluppo avanzato, compresi gli anticorpi attualmente in uso clinico. Sebbene l'analisi dei sieri dei vaccinati fosse limitata a una singola dose post-richiamo, i risultati di questo e altri studi suggeriscono che la fuga dagli anticorpi è una caratteristica complessivamente meno pronunciata di BA.2.75 rispetto a BA.4/5.

Protezione contro Omicron BA.5 da precedenti infezioni
31 agosto 2022. N engl J Med. Risk of BA.5 Infection among Persons Exposed to Previous SARS-CoV-2 Variants
#NOVITÁ L'opinione comune è che l'infezione precedente con la sottovariante di omicron BA.1 o BA.2 non protegga da BA.5, ma i dati del Portogallo mostrano una protezione considerevole contro l'infezione da BA.5 in caso di precedenti infezioni da BA.1 o BA.2.

Tempi di incubazione delle varianti: con Omicron si accorciano
22 agosto 2022. Jama Network Open. Incubation Period of COVID-19 Caused by Unique SARS-CoV-2 Strains. A Systematic Review and Meta-analysis
#NOVITÁ Il periodo di incubazione medio del COVID-19 è risultato di 5 giorni per i casi causati dalla variante Alfa, 4,50 giorni per la variante Beta, 4,41 giorni per la variante Delta, infine 3,42 giorni per la variante Omicron. L'incubazione media è stata di 7,43 giorni tra i pazienti più anziani (cioè di età superiore ai 60 anni), 8,82 giorni tra i bambini (di età pari o inferiore a 18 anni), 6,99 giorni tra i pazienti con malattia non grave e 6,69 giorni tra i pazienti con malattia grave.
ISS, flash survey.Omicron al 100%, sottovariante BA.5 predominante al 90,8%  (2 ago)

Che sappiamo di Omicron 4 e 5
9 agosto 2022. BMJ.
Covid-19: What we know about the BA.4 and BA.5 omicron variants
Due sottovarianti di Omicron sono arrivate a dominare le infezioni in tutto il mondo. Elisabeth Mahase, dalle pagine del BMJ, riassume ciò che sappiamo finora su di loro in termini di differenza tra BA.4 e BA.5, aumento dei ricoveri ospedalieri e decessi, dell'efficacia degli attuali vaccini contro BA.5

Omicron meno letale di Delta?
2 agosto 2022. BMJ. Covid-19: is Omicron less lethal than Delta?
I dati delle certificazioni di morte supportano un tasso di mortalità molto inferiore per Omicron. Sebbene si stia formando un consenso sul fatto che le infezioni da Omicron siano associate a tassi di mortalità più bassi (compresi i dati preliminari su BA.4 e BA.5), rimangono diverse considerazioni. In primo luogo, non è ancora chiaro perché il rischio di morte sia inferiore. Ciò è dovuto alla maggiore capacità di Omicron di evitare il richiamo immunitario, che porta a una minore attivazione immunitaria, a un trofismo virale alterato, a cambiamenti nella localizzazione anatomica, a miglioramenti nell'assistenza clinica o a una combinazione di questi e altri fattori? Comprendere le cause è fondamentale per valutare i rischi poiché le varianti continuano ad emergere.
29 luglio 2022.WHO Europe. Methods for the detection and characterisation of SARS-CoV-2 variants: second update

Immunità contro SARS-CoV-2 nella popolazione generale dopo una campagna di richiamo e le varianti Delta e Omicron
27 luglio 2022. Euro Surveill. Functional immunity against SARS-CoV-2 in the general population after a booster campaign and the Delta and Omicron waves, Switzerland, March 2022
L'immunità funzionale (qui definita come capacità di neutralizzazione del siero) contribuisce in modo critico a conferire protezione contro l'infezione da SARS-CoV-2 e COVID-19 grave. Questa analisi trasversale di uno studio di coorte prospettico basato sulla popolazione ha incluso 1.894 partecipanti selezionati casualmente di età compresa tra 16 e 99 anni da due cantoni svizzeri nel marzo 2022. Di questi, il 97,6% (95% CI: 96,8–98,2%) aveva anticorpi IgG anti-spike e la capacità neutralizzante è stata osservata rispettivamente per il 94%, 92% e 88% contro le varianti SARS-CoV-2 wild-type, Delta e Omicron.

Precedente infezione protegge contro Omicron 4 e 5
21 luglio 2022. Nature. Prior Omicron infection protects against BA.4 and BA.5 variants
Esser stati infettati da una versione precedente di SARS-CoV-2, in particolare Omicron, fornisce una certa immunità contro i due lignaggi a rapida diffusione, BA.4 e BA.5.

Effetto varianti su malattia grave in gravidanza ed esiti perinatali avversi
19 luglio 2022. Obstet Gynecol. Maternal and Perinatal Outcomes Associated With the Omicron Variant of Severe Acute Respiratory Syndrome Coronavirus 2 (SARS-CoV-2) Infection
Studio di coorte retrospettivo di tutte le pazienti in gravidanza con COVID-19 presso l'University of Alabama at Birmingham dal 22 marzo 2020 al 26 febbraio 2022, per valutare la gravità della malattia e i diversi esiti perinatali tra le varianti. Le pazienti sono stati classificate come pre-Delta (22 marzo 2020-31 maggio 2021), Delta (1 luglio 2021-15 dicembre 2021) o Omicron (16 dicembre 2021-26 febbraio 2022) in base al tracciamento delle varianti da parte dei Centers for Disease Control and Prevention e il sequenziamento del genotipo presso l'istituto. Si sono osservati meno casi di malattia grave-critica (1,8% Omicron vs 13,3% pre-Delta e 24,1% Delta) ed esiti avversi perinatali durante Omicron rispetto alle ondate pre-Delta e Delta.
La variante Omicron è stata associata a una frequenza inferiore di malattie critiche e esiti perinatali avversi rispetto alle varianti pre-Delta e Delta.

ISS, flash survey.Il 5 luglio Omicron al 100%, sottovariante BA.5 predominante al 75,5% (15 lug)
L'infezione di una variante protegge dalla reinfezione di una seconda variante simile
14 luglio 2022. Nature. One coronavirus infection wards off another — but only if it’s a similar variant
L'immunità naturale indotta dall'infezione da SARS-CoV-2 fornisce un forte scudo contro la reinfezione da parte di una variante pre-Omicron per 16 mesi o più, secondo uno studio. Ma gli scienziati avvertono anche che i risultati dello studio non suggeriscono che le persone infette possono evitare la vaccinazione. Coloro che avevano sia l'immunità naturale che l'immunità da vaccino erano sostanzialmente più protetti contro il virus rispetto alle persone che avevano solo l'immunità naturale o la sola immunità da vaccino.

Neutralizzazione di Omicron con i vaccini in Cina
6 luglio 2022. NEJM. Omicron SARS-CoV-2 Neutralization from Inactivated and ZF2001 Vaccines
In questo studio, la neutralizzazione contro le sottovarianti di Omicron è stata ridotta sia con il vaccino inattivato che con quello ZF2001. Tuttavia, il potenziamento eterologo e un intervallo più lungo tra le dosi hanno portato a livelli di neutralizzazione più elevati.
Evasione delle sottovarianti Omicron BA.2.12.1, BA.4 e BA.5
5 luglio 2022. Nature. Preprint. Antibody evasion by SARS-CoV-2 Omicron subvariants BA.2.12.1, BA.4, & BA.5
BA.2.12.1 è solo leggermente (1,8 volte) più resistente ai sieri di individui vaccinati e potenziati con booster rispetto a BA.2. Tuttavia, BA.4/5 sono sostanzialmente (4,2 volte) più resistenti e quindi hanno maggiori probabilità di aggirare il vaccino.

Omicron, quanti asintomatici tra gli infetti: una revisione sistematica e meta-analisi
30 giugno 2022. Vaccines (Basel). Percentage of Asymptomatic Infections among SARS-CoV-2 Omicron Variant-Positive Individuals: A Systematic Review and Meta-Analysis
La meta-analisi include 8 studi per un totale di 7640 individui positivi alla variante Omicron con 2190 infezioni asintomatiche. La percentuale cumulativa di infezioni asintomatiche era del 32,40% tra gli individui positivi a Omicron. Inoltre, nelle persone vaccinate, nei giovani (età media < 20 anni), in coloro che avevano una storia di viaggio e negli individui che sono stati infettati al di fuori di un contesto clinico (infezione comunitaria) le percentuali di infezioni asintomatiche erano più elevate.

Infezioni da Omicron dopo vaccino non a mRNA
30 giugno 2022. Front Microbiol. Clinical Characteristics of Omicron SARS-CoV-2 Variant Infection After Non-mRNA-Based Vaccination in China
Sono stati arruolati 380 pazienti che dopo il vaccino a virus inattivato ​​e ricombinante sono stati infettati dalla variante Omicron SARS-CoV-2. L'età mediana era 18 anni, 219 (57,6%) casi erano donne e 247 (65,0%) casi erano studenti. Prima della conferma dell'infezione della variante SARS-CoV-2 di Omicron, i pazienti avevano 3 giorni di tosse secca (40,3%), congestione nasale (26,3%) e mal di gola (26,3%). Al momento del ricovero, 294 (77,4%) casi presentavano una normale tomografia computerizzata del torace. Durante il ricovero, 308 (81,1%) e 72 (18,9%) sono stati identificati rispettivamente come casi lievi e moderati e nessuno è diventato grave e critico, con un periodo di diffusione di SARS-CoV-2 e una durata della degenza ospedaliera di 17 (IQR 12-22) e 19 (IQR 15-24) giorni rispettivamente.

Efficacia dei vaccini contro SARS-CoV-2 nel mondo reale
24 giugno 2022. Expert Rev Vaccines. Expert Review on global real-world vaccine effectiveness against SARS-CoV-2
I vaccini COVID-19 più studiati forniscono una protezione costantemente elevata (>90%) contro esiti clinici gravi come ricoveri e decessi, indipendentemente dalla variante. Inoltre, questa protezione sembra equivalente per i vaccini a mRNA e a vettori come AZD1222, come supportato dall'analisi dei dati locali asiatici e internazionali pertinenti e dalle intuizioni degli esperti.

Cosa significano Omicron 4 e 5 per la pandemia
23 giugno 2022. Nature. What Omicron's BA.4 and BA.5 variants mean for the pandemic
L'ascesa dei lignaggi sembra derivare dalla loro capacità di infettare le persone che erano immuni alle forme precedenti di Omicron e ad altre varianti.

Dinamica virale di Omicron e Delta
23 giugno 2022. Clin Infect Dis. Viral dynamics of Omicron and Delta SARS-CoV-2 variants with implications for timing of release from isolation: a longitudinal cohort study
Tra i 92 partecipanti positivi a SARS-CoV-2 in seguito a test PCR, tutti hanno completato la serie iniziale di vaccini, 17 (18,5%) sono stati infettati da Delta e 75 (81,5%) da Omicron. Il 17% dei partecipanti aveva colture positive oltre il giorno 5 dall'inizio dei sintomi fino al giorno 12. Non c'era differenza nel tempo di conversione della cultura per variante o stato di vaccinazione. Per 14 partecipanti la sensibilità e la specificità del giorno 4-6 erano rispettivamente del 100% e dell'86%. La maggior parte delle colture della coorte infetta da Delta e Omicron è stata convertita entro il giorno 6, senza alcun ulteriore impatto della vaccinazione di richiamo su sterilizzazione o sul decadimento della soglia del ciclo. Il test rapido dell'antigene può fornire rassicurazione sulla mancanza di infettività, sebbene per i giorni 6-10 il 17% dei partecipanti è rimasto positivo alla coltura dopo l'isolamento.

Neutralizzazione dei sieri di vaccinati con BNT162b2 (raccolti 1 mese dopo la dose 3) contro Omicron 1, 2 e 3
23 giugno 2022. Nat Commun. Neutralization of Omicron BA.1, BA.2, and BA.3 SARS-CoV-2 by 3 doses of BNT162b2 vaccine
Nonostante la ridotta neutralizzazione dei lignaggi di Omicron, i linfociti T e gli anticorpi non neutralizzanti, che mediano la citotossicità anticorpo-dipendente, contribuiscono alla protezione contro COVID-19 grave. La maggior parte degli epitopi delle cellule T dopo la vaccinazione o l'infezione naturale sono preservati contro i picchi di Omicron. Infatti, 3 dosi di BNT162b2 hanno conferito efficacia contro la malattia da Omicron. Tuttavia, i recenti dati sull'efficacia nel mondo reale hanno mostrato un calo della protezione contro le infezioni sintomatiche causate da Omicron. La diminuzione della protezione è stata più modesta contro le malattie gravi causate da Omicron, con un'efficacia complessiva che è rimasta elevata 3-6 mesi dopo la dose 3.

Omicron 4 e 5 e diminuzione della neutralizzazione
22 giugno 2022. NEJM. Neutralization of the SARS-CoV-2 Omicron BA.4/5 and BA.2.12.1 Subvariants
In un piccolo studio che ha coinvolto 54 partecipanti, i dati mostrano che le sottovarianti BA.2.12.1, BA.4 e BA.5 sfuggono agli anticorpi neutralizzanti indotti sia dalla vaccinazione che da un'infezione precedente, rispetto alle precedenti sottovarianti di omcron BA.1 e BA.2. Inoltre, i titoli anticorpali neutralizzanti contro la sottovariante BA.4 o BA.5 e (in misura minore) contro la sottovariante BA.2.12.1 erano inferiori ai titoli contro le sottovarianti BA.1 e BA.2, il che suggerisce che Omicron ha continuato ad evolversi, incrementando la fuga immunitaria.

Varianti di SARS-CoV-2 nei bambini durante le quattro ondate COVID-19 e correlazione con la presentazione clinica delle infezioni
17 giugno 2022. Sci Rep. Epidemiological characterization of SARS-CoV-2 variants in children over the four COVID-19 waves and correlation with clinical presentation.
Correlando le dinamiche di trasmissione di SARS-CoV-2 con le caratteristiche cliniche e virologiche di 612 pazienti positivi a SARS-CoV-2 di età ≤ 12 anni, gli autori hanno dimostrato una circolazione considerevole di diversi lignaggi di SARS-CoV-2 nella popolazione pediatrica nelle quattro ondate pandemiche. Età < 5 anni, carica virale più alta, gamma e delta clade influenzano positivamente la trasmissione locale. Non si osservano correlazioni tra manifestazioni e lignaggi o catene di trasmissione, ad eccezione di una correlazione negativa tra B.1.1.7 e ricovero.

ISS, flash surveyIl 7 giugno Omicron al 100%, sottovariante BA.2 predominante ma in aumento BA.5 al 23,15% (17 giu)
Precedenti infezioni e vaccinazioni contro infezioni da Omicron
15 giugno 2022. NEJM. Effects of Previous Infection and Vaccination on Symptomatic Omicron Infections
Uno studio in Qatar ha valutato l'efficacia di precedenti infezioni, vaccinazioni sia contro COVID-19 sintomatico causato da Omicron BA.1 e BA.2, sia contro Covid-19 grave, critico o fatale. Non sono state osservate differenze distinguibili nella protezione contro l'infezione sintomatica da BA.1 e BA.2 con precedenti infezioni, vaccinazioni e immunità ibrida. La vaccinazione ha migliorato la protezione tra le persone che avevano avuto un'infezione precedente. L'immunità ibrida risultante da una precedente infezione e da una recente vaccinazione di richiamo ha conferito la protezione più forte.

Infezione da Omicron non rafforza l'immunità
15 giugno 2022. BMJ. Omicron infection is poor booster to immunity, study finds
I ricercatori hanno scoperto che le persone infettate dalla variante Omicron mostrano una scarsa immunità contro una futura infezione da COVID-19. Questo potrebbe spiegare perché le infezioni ripetute sono state una caratteristica comune dell'ondata di Omicron, anche tra le persone che sono state vaccinate con tre dosi, ha affermato il team di ricerca. Gli autori hanno sottolineato che la vaccinazione rimane efficace contro le malattie gravi, ma avvertono che l'impatto di molteplici reinfezioni sulla salute a lungo termine, incluso il long COVID, non è noto.

Neutralizzazione di Omicron (4, 5 e BA.2.12.1) dopo il vaccino contro Covid-19
15 giugno 2022. NEJM. Neutralization of the SARS-CoV-2 Omicron BA.4/5 and BA.2.12.1 Subvariants
Dopo due dosi di vaccino a mRNA, gli operatori sanitari hanno mostrato un'attività anticorpale neutralizzante virale minore contro le sottovarianti Omicron BA.4/5 e BA.2.12.1 (quest'ultima è in aumento negli Stati Uniti, ha due mutazioni in più rispetto a BA.2) rispetto alle sottovarianti BA.1 e BA.2, ma i titoli sono aumentati significativamente con un dose di richiamo.
Implicazioni della diffusione delle varianti Omicron 4 e 5 in Europa
13 giugno 2022. ECDC. Implications of the emergence and spread of the SARS-CoV-2 variants of concern BA.4 and BA.5 for the EU/EEA
La maggior parte dei paesi dell'UE/SEE ha rilevato basse percentuali delle varianti Omicron 4 e 5, tuttavia si è assistito a un aumento di casi nelle ultime settimane. In Portogallo, Omicron 5 è diventata la variante dominante e le proporzioni crescenti di BA.5 sono state accompagnate da un aumento dei casi di COVID-19. Il vantaggio di crescita di BA.4 e BA.5 suggerisce che queste varianti diventeranno dominanti in tutta Europa, probabilmente con conseguente aumento dei casi di COVID-19 nelle prossime settimane. L'entità dell'aumento dei casi dipenderà da vari fattori, tra cui la protezione immunitaria contro l'infezione influenzata dai tempi e dalla copertura delle vaccinazioni e dall'estensione, dai tempi e dal panorama delle varianti delle ondate precedenti. Sulla base di dati limitati, non ci sono prove che BA.4 e BA.5 siano associate a una maggiore gravità di infezione rispetto alle varianti circolanti BA.1 e BA.2. Tuttavia, come nelle ondate precedenti, un aumento complessivo dei casi di COVID-19 può comportare un aumento dei ricoveri, dei ricoveri in terapia intensiva e dei decessi.

Aggiornare i vaccini COVID-19 contro le varianti, la nuova sfida
1 giugno 2022. JAMA. Challenges of Deciding Whether and How to Update COVID-19 Vaccines to Protect Against Variants
Alcune considerazioni di Rita Rubin sulle sfide nel decidere se e come aggiornare i vaccini COVID-19 per proteggere dalle varianti.
Lo sviluppo di vaccini basati sulle varianti potrebbe sembrare il gioco acchiappa la talpa: prendere di mira Omicron con un vaccino presuppone che ci sarà una nuova ondata di infezioni da Omicron, ma quando un tale vaccino sarà pronto per essere utilizzato, la variante circolante potrebbe essere Beta o Delta, entrambe significativamente diverse da Omicron e Alpha. Un vaccino spray potrebbe fermare SARS-CoV-2 e un vaccino pan-SARS-CoV-2 o pan-sarbecovirus potrebbe generare una risposta immunitaria alle attuali varianti e a quelle future.

Efficacia del vaccino contro Omicron 2 in Inghilterra
24 maggio 2022. The Lancet Infectious Diseases. COVID-19 vaccine effectiveness against the omicron (BA.2) variant in England
L'efficacia del vaccino contro la malattia grave è maggiore e conservata più a lungo dell'efficacia contro la malattia lieve. Da quando la variante Omicron è diventata dominante, è sempre più probabile che COVID-19 sia accidentale piuttosto che motivo principale di ammissione in ospedale. L'efficacia del vaccino contro il ricovero è stata simile per BA.1 e BA.2 dopo la vaccinazione di richiamo, sebbene l'efficacia potrebbe diminuire più rapidamente per BA.2 che per BA.1. L'analisi dei casi di BA.2 potrebbe essere più suscettibile a bias di classificazione errata, a causa di casi accidentalmente ricoverati in ospedale con COVID-19 per tassi di infezione più elevati durante i periodi successivi al richiamo nel periodo in cui BA.2 era predominante; questi bias potrebbero spiegare le stime di efficacia del vaccino inferiori per BA.2 rispetto a BA.1 in questi periodi.

Omicron sfugge alle risposte immunitarie indotte dal vaccino ma è contrastato dalla vaccinazione di richiamo
17 maggio 2022 Vaccines. The SARS-CoV-2 Variant Omicron Is Able to Escape Vaccine-Induced Humoral Immune Responses, but Is Counteracted by Booster Vaccination
Sebbene i sieri di individui immunizzati con vaccini a vettore virale (Vaxzevria e COVID-19 Janssen) siano stati in grado di legare e neutralizzare la variante wilde type (WT) e Delta, hanno mostrato scarsa efficacia verso Omicron. Al contrario, i vaccini a mRNA (Comirnaty) o eterologhi (AZ/BNT) hanno indotto risposte deboli, ma rilevabili contro Omicron. I livelli di anticorpi sono diminuiti in modo significativo sei mesi dopo la vaccinazione completa e ciò ha coinciso con una significativa diminuzione dell'attività di neutralizzazione contro tutte le varianti. Una terza vaccinazione di richiamo con BNT ha aumentato significativamente le risposte immunitarie umorali contro tutte le varianti testate, incluso Omicron. In conclusione, solo i programmi di vaccinazione che includevano almeno una dose di vaccino mRNA e in particolare una vaccinazione di richiamo con vaccino a mRNA hanno indotto livelli di anticorpi sufficienti con capacità di neutralizzazione contro più varianti, incluso Omicron.

Omicron: una revisione di letteratura
13 maggio 2022. Medicine (Baltimore). Omicron SARS-CoV-2 variant of concern: A review on its transmissibility, immune evasion, reinfection, and severity
Sebbene non aggiornata con gli ultimi studi, la revisione può servire come base utile per una visione complessiva sulla variante. Omicron si è diffusa più velocemente di qualsiasi altra variante. Questa maggiore trasmissibilità può essere attribuita alla sua straordinaria capacità di eludere l'immunità sviluppata sia dalle vaccinazioni che da precedenti infezioni. Tuttavia, si è scoperto che le infezioni da Omicron sono significativamente meno gravi di quelle causate da Delta e dalle altre varianti precedenti. E' stata osservata un'incidenza significativamente più bassa di ospedalizzazione, ricovero in unità di terapia intensiva e ricorso alla ventilazione meccanica. Nelle infezioni da Omicron sono stati osservati anche una degenza ospedaliera mediana sostanzialmente più breve e un tasso di mortalità inferiore. Nonostante il maggiore potenziale di Omicron di eludere l'immunità, i vaccini e le dosi di richiamo sono risultati ancora significativamente efficaci nella protezione contro gravi infezioni da Covid-19.

ISS, flash surveyOmicron al 100%, sottovariante BA.2 predominante, presenti anche BA.4 e BA.5 (13 mag)
ECDC. Aggiornamento sull'epidemiologia di BA.4 e BA.5
13 maggio 2022. ECDC. Epidemiological update: SARS-CoV-2 Omicron sub-lineages BA.4 and BA.5
Studi preliminari suggeriscono un cambiamento significativo nelle proprietà antigeniche di BA.4 e BA.5 rispetto a BA.1 e BA.2 e soprattutto rispetto a BA.1. Si è inoltre notata una tendenza all'aumento della predominanza della variante BA.5, come è stato osservato in Portogallo nelle ultime settimane, accompagnata da un alto numero di casi COVID-19 e dal tasso di positività ai test. BA.5 rappresentava già circa il 37% dei casi positivi l'8 maggio scoso. La crescita attualmente osservata per BA.4 e BA.5 è probabilmente dovuta alla loro capacità di eludere la protezione immunitaria indotta da una precedente infezione e/o vaccinazione, in particolare se quest'ultima è diminuita nel tempo. I limitati dati disponibili provenienti da studi in vitro che valutano sieri di soggetti non vaccinati con precedente infezione da BA.1 indicano che sia BA.4 che BA.5 sono in grado di sfuggire alla protezione immunitaria indotta dall'infezione da BA.1.Al momento non vi è alcuna indicazione di alcun peggioramento della gravità di BA.4/BA.5 rispetto ai precedenti lignaggi Omicron.

Le caratteristiche di Omicron XE
9 maggio 2022. Canadian Medical Association Journal. XE, XD & XF: what to know about the Omicron hybrid variants.
Il Canada ha recentemente segnalato i suoi primi casi della sottovariante Omicron XE, una delle numerose varianti ibride di SARS-CoV-2 emerse dall'inizio di quest'anno. Rilevata per la prima volta nel Regno Unito a gennaio, XE ha materiale genetico dalle sottovarianti Omicron BA.1 e BA.2, insieme a tre nuove mutazioni che non sono presenti in nessuno dei ceppi preesistenti.
Secondo Maria Van Kerkhove dell'OMS, l'XE sembra essere circa il 10% più trasmissibile della sua variante madre BA.2, in precedenza il ceppo più infettivo di SARS-CoV-2. E nelle ultime settimane, il Regno Unito ha riportato tassi di crescita di XE fino al 20% superiori rispetto a BA.2, anche se con grandi fluttuazioni. Al 5 aprile, in Inghilterra erano stati segnalati più di 1000 casi di XE, quasi il doppio del numero segnalato il 25 marzo.
È troppo presto per sapere se XE o le altre varianti ibride causano malattie più gravi rispetto ad altri ceppi di SARS-CoV-2.
Secondo Grace Roberts, virologa e ricercatrice presso la Queen's University di Belfast, l'XE probabilmente condivide caratteristiche simili a BA.2 perché la maggior parte della sua composizione, inclusa la sua proteina spike, proviene da quel ceppo. Ciò significa che le vaccinazioni (che prendono di mira la proteina spike) possono offrire livelli di protezione contro l'XE simili a quelli del BA.2.
E sebbene sia BA.1 che BA.2 sembrino essere più trasmissibili dei precedenti ceppi di SARS-CoV-2, nessuno dei due ha dimostrato di causare malattie più gravi.

30 aprile 2022. Ipotesi sull’origine di Omicron e sua evoluzione. L'approfondimento della Società Italiana di Medicina Generale e delle Cure Primarie (SIMG).

ISS flash survey: Omicron prevalente, sottovariante Omicron 2 predominante
14 aprile 2022.Covid19: flash survey Iss, il 4 aprile Omicron al 100%, sottovariante BA.2 predominante: leggi il comunicato stampa.

Infezione da Omicron in bambini e adolescenti
11 aprile 2022. Clin Infect Dis. COVID-19 Disease Severity in Children Infected with the Omicron Variant.
Le infezioni della variante Omicron nei bambini/adolescenti sono associate a una malattia meno grave rispetto alla variante Delta, misurata dai tassi di ospedalizzazione e dalla necessità di cure in terapia intensiva o ventilazione meccanica. I ragazzi di età compresa tra 6 e <18 anni presentavano anche una malattia meno grave rispetto ai bambini di età inferiore a 6 anni.

Prevalenza dei sintomi, durata e rischio di ricovero ospedaliero con Omicron e Delta
7 aprile 2022. The Lancet. Symptom prevalence, duration, and risk of hospital admission in individuals infected with SARS-CoV-2 during periods of omicron and delta variant dominance: a prospective observational study from the ZOE COVID Study
La prevalenza dei sintomi che caratterizzano l'infezione da Omicron differisce da quella della variante Delta di SARS-CoV-2, apparentemente con un minor coinvolgimento delle basse vie respiratorie e una ridotta probabilità di ricovero ospedaliero. I dati dello studio osservazionale prospettico indicano un periodo più breve di malattia e potenzialmente infettivo. Tra il 1 giugno 2021 e il 17 gennaio 2022, sono stati identificati 63.002 partecipanti positivi a SARS-CoV-2, che hanno segnalato sintomi nell'app ZOE. Questi pazienti sono stati abbinati 1:1 per età, sesso e dose di vaccinazione in due periodi (dal 1 giugno al 27 novembre 2021, prevalenza di Delta; n=4990 e dal 20 dicembre 2021 al 17 gennaio 2022, prevalenza di Omicron; n=4990). La perdita dell'olfatto era meno comune nei partecipanti infettati durante la prevalenza di Omicron. Il mal di gola era più comune durante la prevalenza di Omicron. Il tasso di ricoveri ospedalieri era più basso durante la prevalenza di Omicron rispetto a Delta.

Il programma SAVE per identificare il rischio delle nuove varianti
31 marzo 2022: Nature. Defining the risk of SARS-CoV-2 variants on immune protection.
Per affrontare la minaccia per la salute pubblica della crescente diversità genomica di SARS-CoV-2, il National Institute of Allergy and Infectious Diseases (NIAID) all'interno dell'NIH ha progettato il programma SARS-CoV-2 Assessment of Viral Evolution (SAVE) per fornire una valutazione del rischio in tempo reale delle varianti SARS-CoV-2 che potenzialmente influiscono su trasmissione, virulenza e resistenza all'immunità convalescente e indotta dal vaccino.
Nello studio sono descritti l'approccio utilizzato per identificare e curare i dati sulle varianti emergenti, il loro impatto sull'immunità e gli effetti sulla protezione del vaccino. Il programma funge da modello per la risposta contro la rapida evoluzione della pandemia monitorando l'evoluzione del virus nella popolazione umana per identificare varianti che potrebbero erodere l'efficacia delle contromisure.a

Variante Covid XE, il documento della Health security agency del Regno Unito
25 marzo 2022. UK Health security agency. SARS-CoV-2 variants of concern and variants under investigation in England
La nuova variante XE sarebbe il risultato di una ricombinazione tra le due varianti al momento più diffuse a livello globale, omicron e omicron 2. Nel Regno Unito sono state confermate più di 600 sequenze di questo lignaggio. Da stime iniziali sembrerebbe che la variante XE abbia un tasso di crescita superiore a omicron 2 di circa il 10%, ma per avere la certezza occorrono più dati e l'attenta sorveglianza sull'andamento delle varianti.

Coinfezioni Delta + Omicron
20 marzo 2022. medRxiv. Preprint. Evidence for SARS-CoV-2 Delta and Omicron co-infections and recombination
Tra novembre 2021 e febbraio 2022, le varianti Delta e Omicron sono circolate negli Stati Uniti, consentendo co-infezioni e possibili eventi di ricombinazione. Sono stati sequenziati 29.719 campioni positivi durante questo periodo ed è stata analizzata la presenza di mutazioni specifiche della variante Delta o Omicron. 18 co-infezioni sono state scoperte, due casi indipendenti di infezione da virus ricombinante Delta-Omicron. I virus ricombinanti Delta-Omicron erano rari e attualmente non ci sono prove che essi siano più trasmissibili rispetto ai lignaggi Omicron circolanti.

I vaccini proteggono dalla sottovariante Omicron 2, ma non per molto
18 marzo 2022. Nature. Vaccines protect against infection from Omicron subvariant — but not for long
La sottovariante Omicron BA.2 sta sostituendo la sua versione sorella, BA.1, come forma dominante in molti paesi, il che ha portato gli scienziati a chiedersi se la pandemia stia per gettare queste regioni nel caos ancora una volta. Ma uno studio pubblicato il 13 marzo, non ancora sottoposto a revisione paritaria, mostra che i vaccini a mRNA offrono un livello simile di protezione contro i due ceppi, sebbene la protezione contro l'infezione da SARS-CoV-2 e le malattie sintomatiche diminuisca entro pochi mesi dalla terza dose. I ricercatori sanno da mesi che la sottovariante BA.1 elude gran parte della protezione offerta dai vaccini a mRNA contro le malattie da lievi a moderate. Abu-Raddad e colleghi hanno condotto un massiccio studio osservazionale utilizzando i registri delle vaccinazioni e i risultati dei test SARS-CoV-2 in Qatar. Hanno scoperto che i residenti del Qatar che hanno ricevuto due dosi del vaccino a mRNA Pfizer-BioNTech o Moderna hanno goduto di diversi mesi di protezione sostanziale contro le malattie sintomatiche causate da BA.1 o BA.2. Ma la protezione è scesa a circa il 10% dopo soli 4-6 mesi.

18 marzo 2022. Flash survey: in Italia variante Omicron al 99,9%, BA.2 al 44,1%
Leggi il comunicato stampa ISS

16 marzo 2022. The Lancet. Comparative analysis of the risks of hospitalisation and death associated with SARSCoV-2 omicron (B.1.1.529) and delta (B.1.617.2) variants in England: a cohort study
Nyberg e colleghi hanno condotto il primo studio su larga scala basato su 1.516.702 individui con COVID-19, di cui 1.067.859 sono stati infettati dalla variante Omicron, utilizzando un mix di dati epidemiologici e genetici. Lo studio riporta sia risultati incoraggianti che scoraggianti relativi rispettivamente alla diminuzione della gravità della malattia (rispetto a Delta) e alla fuga parziale dal vaccino.
Per saperne di più, leggi il commento: Omicron: fewer adverse outcomes come with new dangers. I coronavirus in generale hanno un'immunità in diminuzione significativa che richiede dosi di richiamo, anche nelle infezioni precedenti. Allo stesso modo, gli individui immunizzati o quelli con precedenti infezioni documentate da SARS-CoV-2 avevano poca protezione contro la variante Omicron, sollevando la questione se fosse arrivato il momento di sviluppare un nuovo vaccino più efficace. Tuttavia, Nyberg e colleghi mostrano che il rischio individuale di Omicron rispetto a Delta per esiti gravi (come ricoveri e morte) è significativamente inferiore. Questo studio evidenzia che, sebbene i vaccini non possano prevenire infezioni o re-infezioni con la variante Omicron, i richiami dei vaccini a mRNA offrono comunque un elevato livello di protezione contro ricoveri e decessi.

Neutralizzazione delle varianti Omicron BA.1 e BA.2
16 marzo 2022. NEJM. Neutralization of the SARS-CoV-2 Omicron BA.1 and BA.2 Variants
Sebbene due dosi di vaccino BNT162b2 producano un'immunità che diminuisce nel tempo, la somministrazione di una dose di richiamo aumenta sostanzialmente il livello di anticorpi neutralizzanti contro entrambe le varianti BA.1 e BA.2.

Efficacia del vaccino contro Omicron (B.1.1.529): uno studio su 800mila persone in UK
2 marzo 2022. NEJM. Covid-19 Vaccine Effectiveness against the Omicron (B.1.1.529) Variant
Tra il 27 novembre 2021 e il 12 gennaio 2022, sono state identificate 886.774 persone idonee infettate dalla variante Omicron, 204.154 dalla variante Delta e 1.572.621 controlli negativi al test idonei. L'efficacia del vaccino è stata calcolata dopo l'immunizzazione primaria con due dosi di vaccino BNT162b2 (Pfizer–BioNTech), ChAdOx1 nCoV-19 (AstraZeneca) o mRNA-1273 (Moderna) e dopo una dose di richiamo di BNT162b2, ChAdOx1 nCoV-19 o mRNA- 1273. L'immunizzazione primaria con due dosi di vaccino ChAdOx1 nCoV-19 o BNT162b2 ha fornito una protezione limitata contro la malattia sintomatica causata dalla variante Omicron. Un booster BNT162b2 o mRNA-1273 dopo il corso primario ChAdOx1 nCoV-19 o BNT162b2 ha aumentato sostanzialmente la protezione, ma tale protezione è poi diminuita nel tempo.

La variante Omicron e gli interrogativi degli scienziati
28 febbraio 2022. Nature. Omicron's lasting mysteries: four questions scientists are racing to answer
I tassi di infezione con la variante Omicron stanno precipitando in molti paesi del mondo. Ma gli scienziati stanno ancora cercando di capire come si sia diffusa così rapidamente e cosa potrebbe fare dopo, soprattutto perché la sottovariante nota come BA.2 sta crescendo in alcuni paesi. Omicron è meno grave. I tassi di ospedalizzazione e mortalità sembrano suggerire che si tratti di un ceppo più debole. Ma poiché molte persone hanno un certo livello di immunità, attraverso la vaccinazione COVID-19 o una precedente infezione, è difficile districare quanto di quella ridotta gravità derivi dal fatto che il sistema immunitario delle persone è precondizionato ad assumere il virus e quanto da alcune caratteristiche intrinseche del virus stesso. Qual è la risposta immunitaria di Omicron? Le varianti precedenti erano in grado di evitare o disabilitare molti degli effetti dell'interferone, una delle principali difese dell'organismo contro gli agenti patogeni. Alcune ricerche, ma non tutte, suggeriscono che Omicron abbia perso parte di questo vantaggio.

Effetto della vaccinazione Covid-19 sulla trasmissione delle varianti Alfa e Delta
24 febbraio 2022. NEJM. Effect of Covid-19 Vaccination on Transmission of Alpha and Delta Variants
In questo studio, il 37% dei 146.000 contatti di persone infette testati con PCR in Inghilterra erano positivi per SARS-CoV-2. La trasmissione della variante Alfa da pazienti vaccinati due volte era più rara di quella da pazienti non vaccinati (rapporto di frequenza aggiustato con BNT162b2, 0,32). La protezione vaccinale è diminuita nel tempo ed è risultata più efficace contro Alfa che contro Delta.
alfa delta vaccinazione
OMS, dichiarazione su Omicron BA.2
22 febbraio 2022. WHO. Statement on Omicron sublineage BA.2
Il Gruppo di consulenza tecnica sull'evoluzione del virus SARS-CoV-2 (TAG-VE) dell'OMS si è riunito ieri per discutere sugli ultimi risultati relativi alla variante Omicron, inclusi i suoi sotto-lignaggi BA.1 e BA.2, in linea con il proprio compito di tracciamento delle varianti.
Sulla base dei dati disponibili sulla trasmissione, gravità, reinfezione, diagnosi, terapia e impatto dei vaccini, il Gruppo ha ribadito che il sotto-lignaggio BA.2 debba ancora essere considerato come una variante da tenere sotto osservazione, da continuare a classificarsi come Omicron. Ha inoltre sottolineato che il BA.2 debba continuare ad essere monitorato dalle autorità sanitarie pubbliche in quanto sotto-lignaggio distinto di Omicron.
Per saperne di più: leggi anche la nostra news Varianti e sottovarianti: Omicron 2 può reinfettare chi si è già ammalato di Omicron 1?

Omicron e COVID grave
18 febbraio 2022. The Lancet. Decoupling of Omicron variant infections and severe COVID-19
Sebbene le prove preliminari suggeriscano che le dosi di richiamo potrebbero aumentare la protezione contro Omicron, sono in corso studi per determinare completamente l'efficacia del vaccino contro la variante. Nel frattempo, l'Istituto nazionale sudafricano per le malattie trasmissibili ha condiviso dati preliminari, che indicano una perdita di correlazione dei tassi di infezione da quelli di ricoveri e decessi con Omicron. Ciò suggerisce risposte immunitarie post infezione e che la vaccinazione primaria e di richiamo potrebbe attenuare il decorso della malattia.
Omicron si sta diffondendo in popolazioni in cui molti individui sono stati precedentemente infettati da SARS-CoV-2 e vengono vaccinati, o dove molti hanno ricevuto due o tre dosi di vaccino COVID-19. Ci si potrebbe aspettare che queste popolazioni abbiano una maggiore risposta anticorpale e una risposta dei linfociti T più ampia e profonda per superare parte dell'evasione anticorpale prevista. La maggior parte dei casi di malattia grave e ricovero in ospedale con Omicron sono infatti tra i non vaccinati.

Flash survey ISS, il 31 gennaio il 99,1% dei campioni era positivo a Omicron
11 febbraio 2022. In Italia il 31 gennaio scorso la variante Omicron era predominante, con una prevalenza stimata al 99,1%, con una variabilità regionale tra il 95% e il 100%. Leggi il comunicato stampa ISS

Protezione contro Omicron da una precedente infezione
9 febbraio 2022. NEJM. Protection against the Omicron Variant from Previous SARS-CoV-2 Infection
Utilizzando un database nazionale di Covid-19 in Qatar, i ricercatori hanno scoperto che la precedente infezione da SARS-CoV-2 forniva protezione contro la successiva reinfezione che variava dall'85% al ​​92% per i ceppi alfa, beta e delta ed era circa il 60% protettivo contro il variante omicron. Anche la precedente infezione sembrava proteggere da malattie gravi, ospedalizzazione e morte.

Anticorpi nel latte umano dopo vaccino BNT162b2 mostrano un risposta immunitaria ridotta contro le varianti
31 gennaio 2022. Vaccines (Basel). Human Milk Antibodies after BNT162b2 Vaccination Exhibit Reduced Binding against SARS-CoV-2 Variants of Concern
Le risposte anticorpali sono presenti nel latte umano dopo la vaccinazione con BNT162b2. Tuttavia, l'emergere di varianti solleva preoccupazioni sulla specificità e sulla potenziale protezione mediata dalle risposte anticorpali del latte, che sono cruciali per l'immunità passiva trasferita dalle madri che allattano ai loro bambini. In questo studio, sono stati raccolti campioni di latte in tre diversi momenti prima e dopo la vaccinazione ed è stato misurato il legame degli anticorpi IgA del latte al dominio di legame del recettore (RBD) del ceppo Wuhan-Hu-1 originale e alle quattro varianti Alfa, Beta, Gamma e Delta. E' riportato un livello significativo di IgA anti-RBD nel latte raccolto a 4-6 settimane dopo la seconda dose di vaccinazione rispetto al momento pre-vaccinazione. Una riduzione di circa il 30% del legame con la maggior parte delle varianti, inclusa la principale variante Delta circolante, è stata osservata rispetto al ceppo Wuhan-Hu-1 originale. Poiché i vaccini COVID-19 possono richiedere del tempo per essere approvati per i bambini, essi rimangono a rischio di malattie gravi e si basano principalmente sull'immunità passiva trasferita. I risultati supportano le attuali raccomandazioni per la vaccinazione delle donne che allattano con l'obiettivo di trasferire l'immunità ai bambini.

Omicron 2, l'indagine dell'Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito
31 gennaio 2022. BMJ.
Omicron sub-lineage BA.2 may have “substantial growth advantage,” UKHSA reports
Più di 1000 casi di BA.2, un sotto-lignaggio della variante SARS-CoV-2 Omicron, sono stati identificati in Inghilterra, ha riferito l'Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA). L'agenzia ha avvertito che BA.2 ha un tasso di crescita più alto rispetto alla variante originale di Omicron (BA.1) in tutte le regioni d'Inghilterra dove c'erano abbastanza casi da valutare. L'agenzia ha aggiunto che mentre i tassi di crescita possono essere sovrastimati nelle prime analisi, "l'apparente vantaggio di crescita è attualmente sostanziale". leggi anche la nostra news Omicron 2 sembra diffondersi velocemente secondo i dati inglesi. Primi casi accertati anche in Italia (1 febbraio 2022)

Cross-reattività delle cellule T a Omicron
31 gennaio 2022. Nature. T cell responses to SARS-CoV-2 spike cross-recognize Omicron
E' stata valutato la capacità delle cellule T di reagire con Spike di Omicron nei partecipanti vaccinati con Ad26.CoV2.S, BNT162b2 o in pazienti convalescenti per COVID-19 non vaccinati (n = 70). Il 70-80% della risposta delle cellule T CD4+ e CD8+ per Spike è stata mantenuta tra i gruppi di studio.

Ospedalizzazione per Omicron BA.1 vs. Delta in Norvegia
27 gennaio 2022. ECDC. Reduced risk of hospitalisation among reported COVID-19 cases infected with the SARS-CoV-2 Omicron BA.1 variant compared with the Delta variant, Norway, December 2021 to January 2022

Rischio di infezione per Omicron BA.1 vs. Delta in Olanda nei soggetti non vaccinati e nei precedentemente infetti
27 gennaio 2022. ECDC. Increased risk of infection with SARS-CoV-2 Omicron BA.1 compared with Delta invaccinated and previously infected individuals, the Netherlands, 22 November 2021 to19 January 2022.

16 dicembre 2021Eurosurveillance dedica alla variante Omicron una valutazione rapida del rischio:

Anticorpi monoclonali e farmaci antivirali contro Omicron
26 gennaio 2022. NEJM. Efficacy of Antibodies and Antiviral Drugs against Covid-19 Omicron Variant
I ricercatori hanno valutato le attività in vitro di sette anticorpi monoclonali e tre farmaci antivirali contro le varianti di preoccupazione di SARS-CoV-2. Tutti gli anticorpi hanno mostrato un'attività neutralizzante nulla o debole contro la variante Omicron; due agenti che prendono di mira l'RNA polimerasi e un inibitore della proteasi si sono invece dimostrati efficaci nella neutralizzazione della variante Omicron.

20 gennaio 2022. EMA, vaccini efficaci anche contro Omicron
Sebbene Omicron appaia più contagiosa di altre varianti, studi dimostrano che l'efficacia dei vaccini contro COVID sintomatico è inferiore per Omicron rispetto ad altre varianti e diminuisce nel tempo, ma anche che la vaccinazione continua a fornire un elevato livello di protezione contro la malattia grave e il ricovero per Omicron. Leggi il comunicato stampa di AIFA

Molti anticorpi monoclonali perdono efficacia contro Omicron
19 gennaio 2022. Nat Med. An infectious SARS-CoV-2 B.1.1.529 Omicron virus escapes neutralization by therapeutic monoclonal antibodies.
In questo studio, è stato testato un gruppo di anticorpi monoclonali in uso clinico da Vir Biotechnology (S309, sotrovimab), AstraZeneca (COV2-2196 e COV2-2130), Regeneron (REGN10933 e REGN10987), Eli Lilly (LY-CoV555 e LY-CoV016) e Celltrion (CT-P59) per la loro capacità di neutralizzare la variante B.1.1.529 Omicron. Diversi anticorpi monoclonali (LY-CoV555, LY-CoV016, REGN10933, REGN10987 e CT-P59) hanno perso completamente l'attività neutralizzante contro Omicron, mentre in altri si è ridotta (COV2- 2196 e combinazione COV2-2130, diminuzione di circa 12 volte) o influenzata minimamente (S309). I risultati suggeriscono che molti, ma non tutti, gli anticorpi in uso clinico potrebbero perdere efficacia contro la variante B.1.1.529 Omicron.

L'OMS sischiera contro i falsi miti su Omicron
19 gennaio 2022. WHO. The Omicron variant: sorting fact from myth
In un linguaggio semplice, l'OMS abbatte alcuni dei miti che circondano Omicron, fornendo maggiori spiegazioni sui fatti reali. Per esempio:
Mito: Omicron provoca solo una malattia lieve.
Fatto: Omicron sembra essere meno grave della variante Delta, ma non dovrebbe essere considerata "debole".
Oppure
Mito: Poiché Omicron è meno grave, vedremo meno ricoveri e i nostri sistemi sanitari reggeranno.
Fatto: Omicron presenta ancora un rischio elevato per i nostri sistemi sanitari.
Per ciascun tema seguono le evidenze scientifiche note ad oggi.

Variante omicron, trasmissibilità ed efficacia dei vaccini
12 gennaio 2022. J Med Virol. Omicron variant of SARS-CoV-2: Genomics, transmissibility, and responses to current COVID-19 vaccines
Questa revisione si focalizza sulla genomica, trasmissione ed efficacia dei vaccini contro la variante Omicron.

7 gennaio 2022. Omicron: OMS aggiorna la scheda di valutazione con i dati più recenti provenienti da Danimarca, Sud Africa, Regno Unito, Canada e USA
Omicron presenta un sostanziale vantaggio di trasmissibilità rispetto a Delta e nello stesso tempo un rischio minore di ospedalizzazione. Ma la rapida diffusione del virus nella comunità e il rapido aumento dei casi porterà comunque ad un aumento dei ricoveri che potrà mettere sotto pressione significativa i sistemi sanitari. Apri il Tecnical Brief dell'OMS

L'immunità contro Omicron potrebbe essere una questione di tempo dalla vaccinazione
7 gennaio 2022. Nature. Immunity against Omicron from breakthrough infection could be a matter of timing
Il tempismo è alla base del successo anche contro Omicron. Uno studio svolto in Giappone suggerisce che la vaccinazione seguita mesi dopo da una infezione da SARS-CoV-2 offre una maggiore protezione contro la variante Omicron rispetto alla vaccinazione e all'infezione ravvicinate.
Il team ha raccolto in Giappone anticorpi da persone che avevano ricevuto due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech e successivamente erano state infettate con la variante Alpha o Delta. I ricercatori hanno testato la capacità di questi anticorpi di proteggere le cellule in coltura dall'infezione da SARS-CoV-2 e hanno scoperto che il periodo di tempo tra la vaccinazione e l'infezione era fortemente correlato al modo in cui gli anticorpi dell'individuo proteggevano le cellule dall'infezione, in particolare con Omicron.
Se una persona viene infettata subito dopo la vaccinazione, gli anticorpi che probabilmente stanno ancora circolando nel sangue, si legheranno al virus e lo elimineranno rapidamente. Ma quando una persona viene infettata mesi dopo la vaccinazione, gli anticorpi che rispondono sono composti da cellule longeve che portano un ricordo dell'agente patogeno. Quando il corpo incontra di nuovo l'agente patogeno, queste cellule della memoria sono richiamate al servizio e hanno la possibilità di raffinare gli anticorpi, fornendo una migliore protezione contro le infezioni successive.

4 gennaio 2022. Nuova variante Covid scoperta in Francia meridionale
Preprint. MedRxiv. Emergence in Southern France of a new SARS-CoV-2 variant of probably Cameroonian origin harbouring both substitutions N501Y and E484K in the spike protein
Al momento rilevata in pochi pazienti, la variante è stata depositata sulla rete di condivisione scientifica Gisaid come B.1.640.2. I ricercatori che l'hanno scoperta l'hanno chiamata IHU, mentre l'Oms non le ha ancora dato un nome ufficiale. Presenta 46 mutazioni, tra cui la mutazione E484K, associata ad una maggiore resistenza ai vaccini e la mutazione N501Y, come nella variante Alfa, che secondo gli esperti potrebbe favorire una maggiore trasmissibilità. Ciò però non significa automaticamente che essa sia più trasmissibile ed elusiva, anche perché più mutazioni in uno stesso patogeno possono annullarsi o comunque non essere vantaggiose. Saranno comunque necessari ulteriori studi.

Neutralizzazione di Omicron dopo la terza dose di vaccino
30 dicembre 2021. NEJM. Plasma Neutralization of the SARS-CoV-2 Omicron Variant
I test di neutralizzazione degli pseudovirus di SARS-CoV-2 che esprimono il wild-type, Omicron o una proteina sintetica resistente a spike nel plasma prelevato da 47 persone hanno mostrato una neutralizzazione di Omicron molto più bassa rispetto alla neutralizzazione di Wuhan-hu-1 dopo due dosi di un vaccino a mRNA. Tuttavia, i campioni di persone vaccinate dopo la guarigione dall'infezione e coloro che hanno ricevuto un vaccino di richiamo avevano alti tassi di neutralizzazione per Omicron.

Dati preliminari sulla protezione vaccinale contro Omicron
29 dicembre 2021. NEJM. Effectiveness of BNT162b2 Vaccine against Omicron Variant in South Africa
Utilizzando un disegno di studio negativo al test incentrato sul periodo di dominanza della variante B.1.1.529 (Omicron) in Sud Africa, i ricercatori hanno scoperto che due dosi del vaccino BNT162b2 avevano un'efficacia dal 50 al 70% contro l'ospedalizzazione causata da Omicron nella provincia di Gauteng.

Neutralizzazione di Omicron con la terza dose di vaccino
29 dicembre 2021. NEJM. Third BNT162b2 Vaccination Neutralization of SARS-CoV-2 Omicron Infection
Campioni di siero di 20 partecipanti che avevano ricevuto due dosi di vaccino BNT162b2 e di 20 che avevano ricevuto tre dosi sono stati valutati per la capacità di neutralizzare la variante Omicron di SARS-CoV-2 in vitro. L'attività di neutralizzazione era scarsa dopo due dosi di vaccino. Tuttavia, è stata rilevata una sostanziale neutralizzazione della variante Omicron in campioni di partecipanti che avevano ricevuto tre dosi.

Anticorpi monoclonali e variante Omicron
23 dicembre 2021. I dati mostrano che è improbabile che bamlanivimab ed etesevimab somministrati insieme o REGEN-COV siano efficaci contro Omicron. Sulla base dei dati attualmente disponibili, sotrovimab sembra invece mantenere l'efficacia contro la variante Omicron. L'FDA ha aggiornato le schede informative di bamlanivimab ed etesevimab somministrati insieme, REGEN-COV e sotrovimab con informazioni specifiche sull'attività prevista contro la variante di Omicron (B.1.1.529 / BA.1). Sulla base di queste informazioni, ASPR (Assistant Secretary for Preparedness and Response) sospenderà ogni ulteriore assegnazione di bamlanivimab ed etesevimab insieme, etesevimab da solo e REGEN-COV in attesa di dati aggiornati dai CDC. Le spedizioni di sotrovimab sono riprese. Leggi il comunicato stampa

23 dicembre 2021. WHO. Enhancing Readiness for Omicron (B.1.1.529): Technical Brief and Priority Actions for Member States
Omicron si sta diffondendo significativamente più velocemente della variante Delta nei paesi con trasmissione comunitaria documentata. I dati sulla gravità clinica dei pazienti infettati con la variante Omicron sono in crescita, ma sono ancora limitati. I primi dati provenienti da Sudafrica, Regno Unito e Danimarca suggeriscono un rischio ridotto di ospedalizzazione per Omicron rispetto a Delta. Tuttavia, il rischio di ospedalizzazione è solo un aspetto della gravità, che può essere alterato dalle pratiche di ricovero. Sono necessari più dati di diversi paesi per capire come altri marcatori clinici di gravità siano associati a Omicron, come l'uso di ossigeno, ventilazione meccanica e decessi. Ad oggi, i dati disponibili sono limitati e nessuna evidenza sull'efficacia del vaccino è stata sottoposta a revisione paritaria.

23 dicembre 2021. ISS. In crescita la percentuale di Omicron in Italia
Da una stima basata sulle analisi preliminari dei tamponi raccolti per l’indagine rapida del 20 dicembre potrebbe essere intorno al 28%. Leggi il comunicato stampa dell'ISS

Omicron e terza dose omologa o eterologa
22 dicembre 2021. Emerging Microbes & Infections. Omicron variant showed lower neutralizing sensitivity than other SARS-CoV-2 variants to immune sera elicited by vaccines after boost
La protezione immunitaria indotta dal vaccino potrebbe più probabilmente sfuggire alla variante Omicron rispetto ai prototipi e ad altre varianti di preoccupazione. Dopo due dosi di vaccino a virus intero inattivato ​​come "priming", una terza dose di vaccino a subunità proteica eterologo e un richiamo omologo potrebbero migliorare la neutralizzazione di Omicron.
Fuga immunitaria delle varianti da terapie a base di anticorpi contro COVID-19: una revisione sistematica
21 dicembre 2021. Int J Mol Sci. Analysis of Immune Escape Variants from Antibody-Based Therapeutics against COVID-19: A Systematic Review
Sono esaminati i dati sulla fuga immunitaria documentata dopo il trattamento con anticorpi monoclonali e plasma convalescente COVID-19 (CCP). Mentre il primo è principalmente associato a specifiche mutazioni di singoli amminoacidi in corrispondenza dei residui del dominio legante il recettore, alcuni casi di evasione immunitaria dopo CCP erano associati a delezioni ricorrenti all'interno del dominio N-terminale della proteina Spike.

Immunizzazione ridotta e variante Omicron
20 dicembre 2021. The Lancet. Reduced neutralisation of SARS-CoV-2 omicron B.1.1.529 variant by post-immunisation serum
Sono riportati i risultati delle prove di immunizzazione utilizzando un isolato di omicron ottenuto da un caso infetto nel Regno Unito. Le prove sono state eseguite su sieri di individui della coorte immunologica dello studio Com-COV2, che erano sieronegativi al momento dell'arruolamento. I partecipanti sono stati vaccinati con due dosi di ChAdOx1 nCoV-19 di Oxford–AstraZeneca (ChAd; n = 22) o due dosi di BNT162b2 di Pfizer–BioNTech (BNT; n = 21). Una sostanziale diminuzione della risposta anticorpale è stata osservata nei destinatari delle vaccinazioni primarie omologhe con ChAd e BNT, con alcuni soggetti che non si sono affatto immunizzati. Questa riduzione dei titoli di neutralizzazione sarà probabilmente più pronunciata in tempi successivi. Questi dati, sebbene derivati ​​da un dimensioni del campione relativamente piccola, sono coerenti con i dati pubblicati da set di dati di dimensioni simili. I risultati suggeriscono che Omicron sia più distante dal punto di vista antigenico dal ceppo di SARS-CoV-2 originale, rispetto ai ceppi precedentemente più distanti, Beta e Delta. Altri aspetti della risposta immunitaria, come gli anticorpi non neutralizzanti e l'immunità cellulare, che non dovrebbero essere così gravemente colpiti da questa variante, potrebbero forse conferire un grado di protezione contro la malattia grave. Tuttavia, va notato che una maggiore trasmissione comporterà inevitabilmente un aumento del numero di casi e un maggiore onere per i sistemi sanitari, anche senza variazioni proporzionali di gravità.

20 dicembre 2021. Respiratory Medicine. Investigating the aggressiveness of the COVID-19 Omicron variant and suggestions for possible treatment options
Lo scopo di questo studio è cercare le evidenze attualmente disponibili sulla variante Omicron rispondendo ad alcune domande:
1. Cosa sappiamo della variante Omicron?
2. La capacità di trasmissione di Omicron è superiore a quella della variante Delta?
3. Quali test usare per la variante Omicron?
4. Finora sono state identificate terapie potenzialmente efficaci contro Omicron?
5. Omicron influisce sulla gravità di COVID-19 nei pazienti oncologici?
6. I booster sono efficaci contro Omicron?
7. Quali sintomi sono associati a questa variante?
8. I ricercatori hanno qualche suggerimento su come ridurne la gravità?

17 dicembre 2021Omicron elude l'immunità da infezioni pregresse o da due dosi di vaccino
La variante Omicron sembra eludere in gran parte l'immunità conferita da una passata infezione o da due dosi di vaccino, secondo l'ultimo modello dell'Imperial College di Londra.
Utilizzando i dati dell'UKHSA e dell'NHS per tutti i casi di SARS-CoV-2 confermati da PCR in Inghilterra tra il 29 novembre e l'11 dicembre 2021, i ricercatori hanno stimato la crescita e l'evasione immunitaria della variante Omicron in Inghilterra. Il nuovo rapporto (Report 49) del team stima che il rischio di reinfezione con la variante Omicron è 5,4 volte maggiore di quello della variante Delta. Ciò implica che la protezione contro la reinfezione da Omicron offerta da una pregressa infezione può raggiungere il 19%. Leggi il comunicato stampa dell'Imperial College di Londra

16 dicembre 2021. Eurosurveillance dedica alla variante Omicron due Rapid communication:

15 dicembre 2021. ISS indagine epidemiologica: variante Delta largamente dominante, 0,19% dei campioni positivo a Omicron. Leggi il comunicato stampa dell'ISS

Efficacia dei vaccini a mRNA-1273 contro la variante Delta, Mu e altre emergenti
15 dicembre. BMJ. Effectiveness of mRNA-1273 against delta, mu, and other emerging variants of SARS-CoV-2: test negative case-control study
Due dosi di vaccino a mRNA-1273 sono risultate altamente efficaci contro tutte le varianti SARS-CoV-2, in particolare contro il ricovero ospedaliero per Covid-19. Tuttavia, l'efficacia del vaccino contro l'infezione della variante delta è moderatamente diminuita con l'aumentare della distanza temporale dalla vaccinazione. Lo studio ha incluso 8153 casi e i relativi controlli abbinati. L'efficacia di due dosi è stata dell'86,7% (intervallo di confidenza 95% da 84,3% a 88,7%) contro l'infezione della variante delta, 98,4% (da 96,9% a 99,1%) contro alfa, 90,4% ( dal 73,9% al 96,5%) contro mu, 96-98% contro altre varianti identificate e 79,9% (dal 76,9% all'82,5%) contro varianti non identificate (ovvero campioni che non sono stati sequenziati). L'efficacia contro il ricovero per la variante delta è stata del 97,5% (da 92,7% a 99,2%), ma è diminuita dal 94,1% (da 90,5% a 96,3%) 14-60 giorni dopo la vaccinazione all'80,0% (da 70,2% all'86,6%) 151-180 giorni dopo la vaccinazione. Il calo è stato meno pronunciato per le varianti non Delta. L'efficacia del vaccino contro Delta era inferiore tra le persone di età ≥65 anni (75,2%, dal 59,6% all'84,8%) rispetto a quelle di età compresa tra 18 e 64 anni (87,9%, dall'85,5% all'89,9%). L'efficacia di una dose è stata del 77,0% (dal 60,7% all'86,5%) contro Delta.

15 dicembre 2021. ECDC. Assessment of the further emergence of the SARS-CoV-2 Omicron VOC in the context of the ongoing Delta VOC transmission in the EU/EEA, 18th update
In questo aggiornamento ECDC valuta il rischio per la salute pubblica rappresentato dalla diffusione della variante Omicron nel contesto della trasmissione in corso della variante Delta in UE/SEE. Delta rimane la variante prevalente, ma Omicron diventerà predominante agli inizi del 2022, in base a modelli matematici. ECDC ritiene quindi MOLTO ALTA la probabilità di un'ulteriore diffusione della variante Omicron nella regione UE/SEE.
ECDC ritiene necessaria la rapida reintroduzione o il rafforzamento degli interventi non farmacologici per ridurre la trasmissione in corso della variante VOC Delta, rallentarne la diffusione e mantenere gestibile il carico sui servizi sanitari e il peso globale della malattia correlata a COVID-19. Queste misure includono evitare grandi assembramenti pubblici o privati, incoraggiare l'uso di mascherine, ridurre i contatti tra gruppi o individui in ambienti sociali e lavorativi, favorire il lavoro da remoto, ampliare tracciamento e test. Le autorità dovrebbero prendere in considerazione la possibilità di consigliare una riduzione del mescolamento interfamiliare e di esercitare ulteriore cautela durante i viaggi e/o laddove sia previsto il mescolamento intergenerazionale durante le festività natalizie.
La vaccinazione rimane una componente chiave per ridurre l'impatto di Omicron e la circolazione in corso di Delta. Gli sforzi dovrebbero convergere per aumentare la piena diffusione della vaccinazione negli individui che non sono attualmente vaccinati o in coloro che lo sono parzialmente. Le dosi di richiamo aumenteranno la protezione contro gli esiti gravi della variante Delta e valutazioni preliminari suggeriscono anche che i booster potrebbero aumentare la protezione contro Omicron.

Omicron e terza dose, il punto del BMJ
14 dicembre 2021. BMJ. Covid-19: Omicron and the need for boosters
Nel mondo sono state somministrate oltre 365 milioni di dosi di richiamo o terzo vaccino, ma quale protezione offrono contro l'ultima variante del covid?

Variante Omicron, ultime novità sulla situazione globale
14 dicembre 2021. WHO. 
Update on SARS-CoV-2 variant of concern Omicron
Preprint non ancora sottoposto a revisione: Neutralizzazione ridotta della variante Omicron da parte di vaccini e anticorpi monoclonali
8 dicembre 2021Reduced Neutralization of SARS-CoV-2 Omicron Variant by Vaccine Sera and monoclonal antibodies
Utilizzando autentiche varianti SARS-CoV-2, i risultati dello studio in vitro indicano che, contrariamente alla variante Delta attualmente in circolazione, la neutralizzazione provocata dal vaccino contro Omicron pare gravemente ridotta, evidenziando l'immunità mediata dalle cellule T come barriera essenziale per prevenire COVID-19 grave.
Poiché Omicron era resistente a casirivimab e imdevimab, gli autori suggeriscono che potrebbe essere necessaria la genotipizzazione di SARS-CoV-2 prima di iniziare un trattamento con anticorpi monoclonali e che potrebbero essere necessari vaccini e agenti monoclonali specifici per trattare Omicron e altre varianti di preoccupazione emergenti. 
Preprint non ancora sottoposto a revisione: Omicron sembra evadere ma non completamente l'immunità data dal vaccino Pfizer
8 dicembre 2021SARS-CoV-2 Omicron has extensive but incomplete escape of Pfizer BNT162b2 elicited neutralization and requires ACE2 for infection
I ricercatori hanno valutato se Omicron sfugga alla neutralizzazione dell'anticorpo provocata dal vaccino Pfizer e se il virus richieda ancora il legame al recettore ACE2 per infettare le cellule. I risultati mostrano che la variante sfugge all'immunità anticorpale indotta dal vaccino, tuttavia l'evasione è stata incompleta nei partecipanti con precedente infezione. La guarigione dall'infezione, seguita da vaccinazione o richiamo può aumentare il livello di neutralizzazione e probabilmente conferire protezione da COVID-19 grave. I preprint non sono peer review
Preprint non ancora sottoposto a revisione: i dati del Sud Africa suggeriscono che, a differenza di Beta e Delta, la variante Omicron pare evadere l'immunità causata da una precedente infezione
2 dicembre 2021. Increased risk of SARS-CoV-2 reinfection associated with emergence of the Omicron variant in South Africa
L'evidenza a livello di popolazione suggerisce che la variante Omicron è associata a una sostanziale capacità di eludere l'immunità da una precedente infezione.Al contrario, non ci sono prove epidemiologiche a livello di popolazione di fuga immunitaria associata alle varianti Beta o Delta.
Non sono state trovate prove di un aumento del rischio di reinfezione associato alla circolazione delle varianti Beta o Delta rispetto al ceppo ancestrale nei dati epidemiologici di routine dal Sud Africa. Al contrario, sono emerse prove chiare che suggeriscono una sostanziale "evasione immunitaria" da parte della variante Omicron. I preprint non sono peer review

2 dicembre 2021. Variante B.1.1.529 Omicron: ECDC, aggiornamento sulla valutazione del rischio
ECDC. Updated Threat Assessment Brief on the SARS-CoV-2 variant B.1.1.529, known as Omicron. Leggi la nostra segnalazione

1 dicembre 2021. UK Health Security Agency. COVID-19 variants identified in the UK
Ultimi aggiornamenti sulle varianti SARS-CoV-2 rilevate nel Regno Unito.
1 dicembre 2021. CDC. Primo caso confermato di variante Omicron rilevato negli Stati Uniti. Leggi il comunicato stampa dei CDC
Per rimanere aggiornati sulla situazione USA, consulta la sezione del sito web CDC sulla sorveglianza delle varianti negli Stati Uniti

30 novembre 2021. FDA.  Coronavirus (COVID-19) Update: FDA Actively Working to Investigate, Address Potential Impacts of Omicron Variant; Urges Vaccination and Boosters
L'FDA monitora attivamente la possibile comparsa di varianti di SARS-CoV-2 sin dall'inizio della pandemia e sta lavorando con gli sviluppatori di vaccini per capire se la nuova variante Omicron possa influire sulle loro prestazioni. 

30 novembre 2021. Istituto Superiore di SanitàVariante Omicron, cosa sappiamo

OMS, classificazione della variante di preoccupazione Omicron (B.1.1.529)
26 novembre 2021.Classification of Omicron (B.1.1.529): SARS-CoV-2 Variant of Concern

Variante Omicron (SARS-CoV-2 B.1.1.529), ECDC pubblica valutazione del rischio 
26 novembre 2021.ECDC pubblica un Threat assessment brief sulla nuova variante di preoccupazione (VOC) B.1.1.529 o Omicron. Sulla base delle informazioni genetiche attualmente disponibili e secondo i dati preliminari, i rischi di questa variante VOC sono elevati.
La variante B.1.1.529, rilevata per la prima volta nell'Africa meridionale, è la variante più divergente che è stata rilevata in un numero significativo di casi durante la pandemia fino ad oggi, sollevando serie preoccupazioni sul fatto che possa ridurre significativamente l'efficacia dei vaccini e aumentare il rischio di reinfezione .
Sebbene vi sia notevole incertezza relativa alla trasmissibilità, all'efficacia dei vaccini, al rischio di reinfezione e ad altre caratteristiche, il direttore dell'ECDC ribadisce le tre raccomandazioni chiave della valutazione rapida del rischio del 24 novembre scorso. In primo luogo, è imperativo colmare il divario di immunizzazione. In secondo luogo, le dosi di richiamo dovrebbero essere prese in considerazione per tutti gli individui adulti, dando priorità alle persone di età superiore ai 40 anni. Infine, a causa delle incertezze legate a questa situazione, l'attuazione tempestiva e rafforzata di interventi non farmaceutici è ora più importante che mai. Segui il discorso di Andrea Ammon, direttore ECDC su Omicron.

La nuova variante B.1.1.529
26 novembre 2021. Il National Institute for Communicable Diseases (NICD) sudafricano ha rilevato una nuova variante per adesso denominata B.1.1.529, che possiede un numero elevato di mutazioni nella proteina spike precedentemente osservato in altre varianti di interesse (VOI) o di preoccupazione (VOC) di SARS-CoV-2, ma anche altre mutazioni nuove.
L'Italia chiude le frontiere ai voli provenienti da Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia ed Eswatini. Si chiudono anche Austria, Germania, Francia, Pasi Bassi e Repubblica Ceca, come già Regno Unito e Israele hanno fatto ieri.
Nelle prossime ore anche l'Organizzazione mondiale della Sanità si riunirà per determinare se la nuova variante debba essere classificata come "preoccupante". Anche se pare più pericolosa, al momento non si hanno ancora prove della sua maggiore trasmissibilità o capacità di eludere i vaccini. Leggi il comunicato stampa del Ministro Speranza: Nuova ordinanza vieta ingresso in Italia da Sudafrica, Lesotho, Botswana, Zimbabwe, Mozambico, Namibia, Eswatini

Diffusione, alta prevalenza di SARS-CoV-2 ed efficacia del vaccino associate alla variante Delta
2 novembre 2021. Science. Exponential growth, high prevalence of SARS-CoV-2, and vaccine effectiveness associated with the Delta variant
All'inizio dell'estate 2021 sono stati valutati i tamponi RT-PCR positivi a SARS-CoV-2 nello studio REal-time Assessment of Community Transmission-1 (REACT-1) in Inghilterra. I ricercatori hanno osservato una crescita esponenziale sostenuta con un tempo medio di raddoppio (giugno-luglio 2021) di 25 giorni guidato dalla sostituzione completa della variante Alpha di Delta e dall'elevata prevalenza nelle età più giovani e meno vaccinate. Le persone non vaccinate avevano 3 volte più probabilità di risultare positive, rispetto alle persone con doppia vaccinazione. Tuttavia, dopo aggiustamento per età e altre variabili, l'efficacia del vaccino per le persone con doppia vaccinazione è stata stimata tra ~ 50% e ~ 60% durante questo periodo in Inghilterra. Il rilascio delle misure di distanziamento sociale in presenza di Delta ha generato una crescita sostenuta delle infezioni, anche con alti livelli di vaccinazione.

ISS, le varianti in Italia  
ISS, 1 ottobreNegli ultimi 45 giorni il 98,4% dei tamponi sequenziati positivo a variante Delta
ISS. 3 settembre.
 COVID-19, confermata la predominanza della variante delta
ISS. 20 agosto
Negli ultimi 45 giorni l’82,4% dei tamponi sequenziati positivo a variante Delta
ISS. 6 agosto
Covid-19: negli ultimi 45 giorni il 69,2% dei tamponi sequenziati positivo a variante Delta
ISS. 30 luglio. Covid-19: in Italia la ‘variante Delta’ oltre il 90%, sostituita la ‘Alfa’

ECDC, valutazione rapida del rischio: circolazione virus, varianti, interventi non farmacologici e vaccino in UE
30 settembre 2021. ECDC. Rapid Risk Assessment: Assessing SARS-CoV-2 circulation, variants of concern, non-pharmaceutical interventions and vaccine rollout in the EU/EEA, 16th update
Sebbene oltre il 99% dei nuovi casi segnalati sia attribuito alla variante Delta, la vaccinazione completa rimane protettiva contro esiti gravi come il ricovero in ospedale, in terapia intensiva o il decesso. I vaccini attualmente disponibili hanno svolto un ruolo cruciale limitando la circolazione virale e, in particolare, l'impatto delle infezioni da parte della variante Delta.
Nonostante finora siano state somministrate milioni di dosi di vaccino, solo il 61,1% (intervallo: 18,4–79,4%) della popolazione totale è stato completamente vaccinato. La popolazione globale include infatti anche bambini e adolescenti per i quali il vaccino non è ancora disponibile o che non sono ancora inclusi nei gruppi target di vaccinazione.
Alcuni modelli di scenari, che considerano la copertura vaccinale, l'efficacia del vaccino, l'immunità naturale e i tassi di contatto della popolazione, nel contesto della continua circolazione della variante Delta, indicano che il potenziale rischio di malattia nell'UE/SEE è elevato da qui alla fine di novembre, a meno che la copertura vaccinale non sia aumentata rapidamente nelle prossime settimane.

23 settembre 2021. ECDC. SARS-CoV-2 variants of concern
L'ECDC valuta regolarmente nuove prove sulle varianti rilevate. Se viene presa la decisione di aggiungere, rimuovere o modificarne la categoria, le tabelle vengono aggiornate di conseguenza.
Rischio di morte per variante Delta 11 volte maggiore nei non vaccinati, dicono i dati CDC
16 settembre. BMJ. Covid-19: Unvaccinated face 11 times risk of death from delta variant, CDC data show
Il tasso di mortalità negli americani non vaccinati è stato 11 volte superiore che nei completamente vaccinati da quando la variante delta è diventata il ceppo dominante, indicano i dati di sorveglianza raccolti durante l'estate dai Centri statunitensi per il controllo delle malattie. Le persone vaccinate avevano 10 volte meno probabilità di essere ricoverate in ospedale e 5 volte meno probabilità di essere infettate rispetto alle persone non vaccinate, ha scoperto uno studio che ha monitorato gli adulti in 13 stati e città. Lo studio ha rilevato che i livelli di protezione erano inferiori a quelli conferiti dai vaccini offerti alla fine della primavera, l'efficacia del vaccino è diminuita da quando la variante delta è diventata dominante.

9 settembre 2021. ECDC. SARS-CoV-2 variants of concern
Tolta variante alpha tra le VOC, aggiunta variante Mu tra le VOI.

9 agosto 2021. WHO. Implementazione della guida per la sorveglianza delle varianti di SARS-CoV-2
Il documento riassume le attività di sorveglianza raccomandate a livello nazionale per rilevare e monitorare la prevalenza delle varianti di SARS-CoV-2, delineare un insieme di attività per la caratterizzazione e valutazione del rischio e uniformare il monitoraggio e la rendicontazione della loro circolazione.

27 luglio 2021. J Med Virol. Introduction of SARS-COV-2 C.37 (WHO VOI lambda) from Peru to Italy. Epub ahead of print
 L'articolo delinea l'introduzione della variante di interesse (VOI) C.37, recentemente ribattezzata dall'OMS "Lambda", dal Perù all'Italia. Gli autori discutono di eventuali mutazioni di questa variante e della riduzione della potenza di neutralizzazione degli anticorpi indotti dai vaccini.
26 luglio 2021. Curr Biol. The origins and potential future of SARS-CoV-2 variants of concern in the evolving COVID-19 pandemic
A un anno dall'inizio della pandemia, l'attenzione si è spostata sull'emergenza e la diffusione delle varianti di preoccupazione (COV) di SARS-CoV-2 che hanno effetti dannosi sostanziali sulla trasmissione del virus. Funzionari di sanità pubblica, medici, scienziati e la comunità in generale si sono affannati a capire cosa significano queste varianti per la diagnosi, il trattamento e il controllo della pandemia attraverso vaccini e interventi non farmaceutici. La review esplora i processi evolutivi che sono coinvolti nell'emergere di nuove varianti, cosa possiamo aspettarci in termini di futura comparsa di VOC e cosa possiamo fare per minimizzare il loro impatto.
24 luglio 2021. Clin Infect Dis. Neutralizing antibodies against SARS-CoV-2 variants induced by natural infection or vaccination: a systematic review and pooled meta-analysis 
Le varianti SARS-CoV-2 emerse di recente possono rappresentare una minaccia per l'immunità. È necessario monitorare sistematicamente gli anticorpi neutralizzanti contro le varianti emergenti. I ricercatori hanno selezionato studi che valutassero i titoli degli anticorpi neutralizzanti indotti da precedenti infezioni o vaccinazioni contro le varianti di SARS-CoV-2 e raccolto dati individuali.
23 luglio 2021. ECDC. SARS-COV-2 Delta variant now dominant in much of the European Region and efforts must be reinforced to prevent transmission, warn WHO/Europe and ECDC
 I dati di sorveglianza riportati all'OMS/Europa e al Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) mostrano che tra il 28 giugno e l'11 luglio 2021 la variante Delta era dominante nella maggior parte (19 paesi) dei 28 paesi che hanno riportato informazioni sul sequenziamento genetico sufficientemente complete.
22 luglio 2021. WHO. Guidance on conducting vaccine effectiveness evaluations in the setting of new SARS-CoV-2 variants: Interim guidance. Addendum to Evaluation of COVID-19 vaccine effectiveness

Efficacia dei vaccini contro la variante Delta
21 luglio 2021. NejmEffectiveness of Covid-19 Vaccines against the B.1.617.2 (Delta) Variant
La variante B.1.617.2 (delta) dall'India si è diffusa in tutto il mondo. In uno studio caso-controllo, l'efficacia di due dosi del vaccino BNT162b2 Pfizer-BioNTech è stata del 94% contro la variante alfa B.1.1.7 e dell'88% contro la variante delta; con il vaccino ChAdOx1 nCoV-19 di AstraZeneca-Oxford, l'efficacia è stata rispettivamente del 74% e del 67%. Inoltre, la protezione dopo una singola iniezione di vaccino era bassa, quindi due dosi sono necessarie.
Per approfondire, leggi anche l'editoriale Vaccine Effectiveness Studies in the Field

9 luglio 2021 ISS, Sorveglianza Integrata Covid-19: Prevalenza e distribuzione delle varianti
Sebbene la variante alfa sia ancora la variante prevalente in Italia, la sua prevalenza sta diminuendo. La frequenza e diffusione di casi dovuti alle varianti kappa (lignaggio B.1.617.1) e delta (lignaggio B.1.617.2) sono in aumento, principalmente associati a focolai circoscritti. In base ai dati attualmente disponibili, la percentuale dei casi di varianti kappa e delta in Italia riportati alla Sorveglianza Integrata COVID-19 è aumentata dal 5,2% nel mese di maggio 2021 al 27,7% nel mese di giugno; la quasi totalità dei quali ascrivibili alla variante delta. Leggi il comunicato stampa dell'ISS

ISS, Indagine rapida su varianti in Italia
2 luglio 2021L'indagine rapida, condotta dall’Iss e dal Ministero della salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler, integra le attività di monitoraggio di routine e non contiene quindi tutti i casi di varianti rilevate, ma solo quelle relative alla giornata presa in considerazione.
La cosiddetta ‘variante Kappa’, ad esempio, uno dei sottotipi di B.1.617 (B.1.617.1), non è stata trovata nella flash survey, ma diversi casi sono stati segnalati sulla piattaforma integrata che raccoglie le analisi giorno per giorno. In Italia al 22 giugno scorso la prevalenza della cosiddetta ‘variante Alfa’ (B.1.1.7) di SARS-CoV-2 era del 57,8%, in calo rispetto all’88,1% del 18 maggio. La cosiddetta ‘variante Delta’ (B.1.167.2) aveva una prevalenza pari al 22,7%ed è stata identificata in 16 Regioni/PA. Leggi il comunicato stampa dell'ISS

25 giugno 2021. ISS, Sorveglianza Integrata Covid-19: Prevalenza e distribuzione delle varianti
In Italia la variante inglese è la più diffusa (74,92%), la variante Delta in aumento nel mese di giugno con una percentuale del 16,8%. Sono queste le prime segnalazioni delle ultime settimane, monitorate dal Sistema di Sorveglianza Integrata Covid-19 dell’ISS, in attesa della flash survey che fotograferà la situazione nel nostro Paese poiché garantirà la rappresentatività del campione. Leggi il comunicato stampa dell'ISS

23 giugno 2021. ECDC. Threat Assessment Brief: Implications for the EU/EEA on the spread of the SARS-CoV-2 Delta ( B.1.617.2 ) variant of concern
Lo scopo di questo report è valutare le potenziali implicazioni per la salute pubblica della diffusione della variante SARS-CoV-2 Delta (B.1.617.2) in Unione Europea e nello Spazio Economico Europeo (UE/SEE). Sulla base delle evidenze disponibili, la variante di preoccupazione (VOC) SARS-CoV-2 Delta (B.1.617.2) risulta essere più trasmissibile del 40-60% rispetto alla VOC Alpha (Β.1.1.7) e può essere associata a un rischio più elevato di ospedalizzazione. Inoltre, vi sono prove che coloro che hanno ricevuto solo la prima dose di un ciclo di vaccinazione a due dosi sono meno protetti contro l'infezione della variante Delta rispetto ad altre varianti, indipendentemente dal tipo di vaccino. Tuttavia, la vaccinazione completa fornisce una protezione quasi equivalente contro la variante Delta.
Analisi del numero di riproduzione e della diffusione globale delle varianti (dati al 3 giugno 2021)
17 giugno 2021. Eurosurveillance. Increased transmissibility and global spread of SARS-CoV-2 variants of concern as at June 2021
Gli ultimi mesi hanno visto la rapida diffusione di numerose varianti di SARS-CoV-2 associate a una maggiore trasmissibilità, comprese le varianti VOC stabilite dall'OMS (denominate secondo the Phylogenetic Assignment of Named Global Outbreak (Pango) Alpha (B.1.1.7), Beta (B.1.351), Gamma (P.1) e Delta (B.1.617.2), nonché più varianti di interesse (VOI). Al 3 giugno 2021, B.1.1.7 era stato segnalato in almeno 160 paesi, B.1.351 in 113, P.1 in 64 paesi e B.1.617.2 in 62.
15 giugno 2021. BMJVariante delta in UK. Delta variant: What is happening with transmission, hospital admissions, and restrictions?
Nel Regno Unito sono state somministrate più di 71 milioni di dosi di vaccino contro il covid-19 e in molte aree il lockdown è stato allentato. Ma, mentre domina la variante delta, gli esperti si chiedono: c'è il pericolo di una nuova ondata di casi all'orizzonte?

14 giugno 2021. PHE. Vaccini altamente efficaci contro ospedalizzazione per variante Delta (B.1.617.2), la cosiddetta variante indiana
Una nuova analisi di Public Health England (PHE), ancora preprint, mostra per la prima volta che 2 dosi di vaccini COVID-19 sono altamente efficaci contro l'ospedalizzazione per la variante Delta (B.1.617.2). L'analisi suggerisce:
  • il vaccino Pfizer-BioNTech è efficace al 96% contro il ricovero dopo 2 dosi
  • il vaccino Oxford-AstraZeneca è efficace al 92% contro l'ospedalizzazione dopo 2 dosi
Lo studio ha incluso 14.019 casi di variante Delta – 166 dei quali sono stati ricoverati in ospedale – tra il 12 aprile e il 4 giugno, prendendo in esame i ricoveri ospedalieri di emergenza in Inghilterra. Leggi il comunicato stampa di Public Health England con il link allo studio preprint e la nostra segnalazione Studio UK, i vaccini riducono i ricoveri anche per la variante Delta

10 giugno 2021. ECDC. Rapid risk assessment: Assessing SARS-CoV-2 circulation, variants of concern, non-pharmaceutical interventions and vaccine rollout in the EU/EEA, 15th update
Il report di ECDC riporta alcuni dati sulle varianti predominanti in EU. Per monitorare la situazione varianti, vedi anche SARS-CoV-2 variants of concern as of 3 June 2021

9 giugno 2021. Nature. Immunogenicity of Ad26.COV2.S vaccine against SARS-CoV-2 variants in humans
Il vaccino Ad26.COV2.S ha dimostrato efficacia clinica contro COVID-19 sintomatico, anche contro la variante B.1.351, che è parzialmente resistente agli anticorpi neutralizzanti. Tuttavia, l'immunogenicità di questo vaccino negli esseri umani contro le varianti di SARS-CoV-2 rimane poco chiara. Lo studio riporta le risposte immunitarie umorali e cellulari di 20 individui vaccinati con Ad26.COV2.S dello studio clinico di fase 1/2 COV1001 contro il ceppo SARS-CoV-2 originale WA1/2020 e contro le varianti di interesse B.1.1.7, CAL.20C, P.1. e B.1.351. Ad26.COV2.S ha indotto titoli anticorpali neutralizzanti che erano 5,0 e 3,3 volte inferiori contro le varianti B.1.351 e P.1, rispettivamente, rispetto a WA1/2020 al giorno 71 dopo la vaccinazione.
4 giugno 2021Variante indiana si sta diffondendo rapidamente in UK soprattutto nelle scuole
BMJCovid-19: Delta variant is now UK’s most dominant strain and spreading through schools
La variante Delta di Covid-19 (B.1.617.2), che è stata rilevata per la prima volta in India, ha superato la variante Alfa, meglio conosciuta come variante del Regno Unito o Kent (B.1.1.7), così da diventare il ceppo più dominante in circolazione nel Regno Unito. I dati indicano anche che la variante si sta diffondendo rapidamente nelle scuole inglesi.

28 maggio 2021.Survey ISS, in Italia casi di variante inglese 88,1%, 7,3% quella brasiliana
In Italia al 18 maggio scorso la prevalenza della cosiddetta ‘variante inglese’ (B.1.1.7) del virus Sars-CoV-2 era dell’88,1%, in calo rispetto al 91,6% del 15 aprile), con valori oscillanti tra le singole regioni tra il 40% e il 100%. Per quella ‘brasiliana’ (P.1) la prevalenza era del 7,3% (0%-60%, mentre era il 4,5% nella scorsa survey), mentre le altre monitorate sono sotto l’1%, tranne la cosiddetta ‘variante indiana’ (B.1.167.1 e B.1.167.2) che è all’1%. Leggi il report dell'indagine rapida condotta da ISS, Ministero della salute e fondazione Kessler
28 maggio. PreprintJ Travel Med. Pfizer-BioNTech mRNA BNT162b2 Covid-19 vaccine protection against variants of concern after one versus two doses.
Messaggi chiave:
• Lo studio di popolazione documenta la protezione del vaccino BNT162b2 settimana per settimana dopo la prima dose.
• Il 75% della protezione contro infezione e malattia viene raggiunto 15-21 giorni dopo la prima dose
• La protezione aumenta più rapidamente contro ospedalizzazione e morte e più lentamente contro l'infezione per la variante B.1.351
• Sebbene non sia stato possibile valutare la protezione di una dose oltre i 21 giorni, i risultati supportano il ritardo della seconda dose di vaccino in situazioni di scorte di vaccini limitate e alta incidenza

25 maggio 2021. È online il primo bollettino ISS su prevalenza e distribuzione delle varianti di interesse in Italia
Nel periodo dal 28 dicembre 2020 al 19 maggio 2021 sono stati segnalati al Sistema di Sorveglianza Integrata COVID-19 un totale di 23.170 casi di infezione da virus SARS-CoV-2 con genotipizzazione tramite sequenziamento su un totale di 2.083.674 di casi riportati (pari quindi a 1,11%). La variante del virus SARS-CoV-2 prevalentemente circolante in Italia è la variante VOC-202012/01 (cosiddetta variante inglese) - lignaggio B.1.1.7, caratterizzata da una elevata trasmissibilità. Leggi il comunicato stampa dell'ISS

Vaccini efficaci contro la variante B.1.617.2 dopo 2 dosi
22 maggio 2021. Un nuovo studio di Public Health England mostra per la prima volta che 2 dosi di vaccino sono altamente efficaci contro la variante B.1.617.2 identificata per la prima volta in India.
Lo studio ha rilevato che, per il periodo dal 5 aprile al 16 maggio:
  • il vaccino Pfizer-BioNTech era efficace all'88% contro la malattia sintomatica dovuta alla variante B.1.617.2 due settimane dopo la seconda dose, rispetto al 93% di efficacia contro la variante B.1.1.7
  • 2 dosi del vaccino Oxford-AstraZeneca erano efficaci al 60% contro la malattia sintomatica per la variante B.1.617.2 rispetto all'efficacia del 66% contro la variante B.1.1.7
  • entrambi i vaccini erano efficaci al 33% contro la malattia sintomatica per B.1.617.2 tre settimane dopo la prima dose e circa al 50% contro la variante B.1.1.7

Immunità di gregge e variante inglese B.1.1.7
20 maggio 2021. ECDC.
The potential for vaccination-induced herd immunity against the SARS-CoV-2 B.1.1.7 variant
Lo studio vuol valutare la fattibilità del raggiungimento della soglia di immunità di gregge contro SARS-CoV-2 attraverso la vaccinazione, considerando l'efficacia del vaccino (VE), la trasmissibilità del virus e il livello di immunità preesistente nelle popolazioni, nonché la struttura per età. Se varianti VOC altamente trasmissibili diventano dominanti in aree con bassi livelli di immunità acquisita naturalmente e/o in popolazioni con grandi proporzioni di giovani <15 anni, il controllo dell'infezione senza interventi non farmaceutici può essere possibile solo con un VE ≥ 80 % e copertura estesa ai bambini.
ECDC, dashboard per una panoramica sulla diffusione delle varianti in Europa
18 maggio 2021. ECDC ha realizzato una nuova dashboard per fornire una panoramica della percentuale di varianti VOC e varianti di interesse tra i campioni sequenziati nei paesi dell'Unione europea e dello Spazio economico europeo, così come i volumi di sequenziamento.

ECDC18 maggio 2021. Public health impact of SARS-CoV-2 variants of concern: scoping review protocol
L'ECDC condurrà una scoping review sulle varianti VOC di SARS-CoV-2, per identificare i dati emergenti più rilevanti e supportare le valutazioni del rischio.

11 maggio. WHO. Weekly epidemiological update on COVID-19 - 11 May 2021
Focus speciale: aggiornamento su quattro varianti VOC di SARS-CoV-2 [B.1.1.7 (VOC202012 / 01); B.1.351 (501Y.V2); P.1; B.1.617] e sei varianti di interesse, inclusa la distribuzione geografica e l'impatto su trasmissibilità, vaccini, terapie e diagnostica.
ECDC, le varianti SARS-CoV-2 B.1.617 in India e la situazione in Europa
11 maggio 2021
. Threat Assessment Brief: Emergence of SARS-CoV-2 B.1.617 variants in India and situation in the EU/EEA
Segnalate per la prima volta in India nel dicembre 2020, i lineage B.1.617.1, B.1.617.2 e B.1.617.3 sono stati rilevati sempre più in altri paesi. Lo scopo di questo report è valutare le potenziali implicazioni per la salute pubblica dei lineage B.1.617 per i paesi dell'UE/SEE, con particolare attenzione al lineage B.1.617.2.
Nelle ultime otto settimane infatti l'India e alcuni paesi circostanti hanno registrato un forte aumento del numero di casi e decessi di SARS-CoV-2 segnalati. Ciò è stato associato a una percentuale crescente di virus sequenziati appartenenti ai lineage B.1.617.1 e B.1.617.2.
Il Regno Unito ha registrato un rapido aumento nel rilevamento del lineage B.1.617.1 e, in misura maggiore, B.1.617.2, associato ai viaggi in India e alla successiva trasmissione nella comunità. Il 6 maggio, il Regno Unito (UK) ha designato il lineage B.1.617.2 come VOC (variant of concern).
Efficacia del vaccino BNT162b2 contro la variante B.1.1.7: uno studio italiano
6 maggio 2021. J Infect.
Effectiveness of BNT162b2 vaccine against the B.1.1.7 variant of SARS-CoV-2 among healthcare workers in Brescia, Italy
I risultati confermano gli effetti protettivi di BNT162b2. La campagna vaccinale è stata efficace non solo nel ridurre la comparsa dei sintomi, ma anche nel diminuire l'incidenza delle infezioni tra gli operatori sanitari vaccinati. Abbiamo osservato un tasso di infezione ridotto anche tra gli operatori sanitari ancora non vaccinati.

Efficacia del vaccino Novavax contro la variante B.1.351 in Sud Africa
5 maggio 2021. NEJM Efficacy of NVX-CoV2373 Covid-19 Vaccine against the B.1.351 Variant
Uno studio randomizzato di fase 2 in Sud Africa ha confrontato il vaccino NVX-CoV2373 a base proteica contenente nanoparticelle con placebo nei partecipanti con infezione da SARS-CoV-2 confermata, incluso il 30% che era sieropositivo al basale. L'efficacia complessiva del vaccino è stata del 49,4% e la variante B.1.351 è stata identificata in oltre il 90% degli isolati.

ECDC. 3 maggio 2021Guidance for representative and targeted genomic SARS-CoV-2 monitoring
Guida pratica per gli Stati membri dell'UE/SEE sull'implementazione della sorveglianza genomica di SARS-CoV-2. Il report include anche consigli su come stimare il numero di campioni sequenziati necessari per raggiungere vari obiettivi, compresa la diagnosi precoce di nuove varianti.
La sorveglianza genomica è essenziale per rilevare, monitorare e valutare le varianti virali che possono comportare una maggiore trasmissibilità, gravità della malattia o altri effetti negativi sulla salute pubblica e sulle misure di controllo sociale.

ISS. 30 aprile 2021. Prevalenza delle varianti in Italia. Indagine del 15/4/2021
In Italia al 15 aprile scorso la prevalenza della variante inglese (B.1.1.7) era del 91,6% (in crescita rispetto all’86,7% del 18 marzo), con valori oscillanti tra le regioni tra il 77,8% e il 100%. Per quella ‘brasiliana’ (P.1) la prevalenza era del 4,5% (0%-18,3%, mentre era il 4,0% nella scorsa survey), mentre le altre monitorate sono sotto lo 0,5%, con un singolo caso della cosiddetta variante indiana (B.1.617.2) e 11 di quella nigeriana (B.1.525). Leggi il comunicato stampa di ISS

Caratteristiche delle varianti B.1.1.7, B.1.351 o P.1 in sette paesi UE/SEE
Characteristics of SARS-CoV-2 variants of concern B.1.1.7, B.1.351 or P.1: data from seven EU/EEA countries, weeks 38/2020 to 10/2021
22 aprile 2021. La Rapid Communication di Eurosurveillance analizza i casi di malattia da coronavirus infetti con una qualsiasi delle tre varianti di preoccupazione (VOC) della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2: B.1.1.7/S gene target failure (SGTF), B.1.351 o P.1. Nell'articolo vengono confrontati con i casi segnalati come infetti da virus non VOC con particolare attenzione alla gravità della malattia.
E' evidente un aumento del rischio di ricoveri e ricoveri in terapia intensiva associati alle varianti SARS-CoV-2 B.1.1.7/SGTF, B.1.351 e P.1, anche negli individui di mezza età, il che sottolinea la necessità di raggiungere rapidamente livelli elevati di copertura vaccinale e non alleggerire le misure di sanità pubblica per ridurre l'incidenza di SARS-CoV-2 e prevenire casi gravi. Anche i test avanzati e la tracciabilità dei contatti implementati con un'attenzione particolare ai casi con VOC sono finalizzati a ridurre la diffusione di Covid-19.

14 aprile 2021. Il punto di Lancet sulla variante B.1.1.7, la cosiddetta variante ingleseleggi la nostra news di approfondimento
Efficacia del vaccino AstraZeneca contro la variante B.1.1.7
30 marzo 2021. Lancet. Efficacy of ChAdOx1 nCoV-19 (AZD1222) vaccine against SARS-CoV-2 variant of concern 202012/01 (B.1.1.7): an exploratory analysis of a randomised controlled trial
ChAdOx1 nCoV-19 ha mostrato una ridotta attività di neutralizzazione contro la variante B.1.1.7 rispetto a una variante non B.1.1.7 in vitro, ma il vaccino ha mostrato efficacia clinica contro la variante B.1.1.7 di SARS-CoV-2. L'efficacia clinica del vaccino contro l'infezione sintomatica positiva al test è stata del 70,4% (95% CI 43,6-84,5) per B.1.1.7 e dell'81,5% (67,9-89,4) per la variante non-B.1.1.7.

ISS. 30 marzo 2021. Prevalenza delle varianti in Italia. Indagine del 18/3/2021
In Italia al 18 marzo scorso la prevalenza della variante lineage B.1.1.7, la cosiddetta variante inglese del virus Sars-CoV-2 era dell'86,7%, per quella brasiliana del 4,0%, mentre le altre monitorate sono sotto lo 0,5%. Questi sono i risultati della nuova indagine rapida condotta dall’Iss e dal Ministero della Salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler. La rilevazione della variante inglese nella totalità delle Regioni/PPAA partecipanti è indicativa di una sua ampia diffusione sul territorio nazionale. 
Efficacia del vaccino AstraZeneca contro la variante B.1.351
NEJM. 16 marzo 2021. Efficacy of the ChAdOx1 nCoV-19 Covid-19 Vaccine against the B.1.351 Variant
Studio multicentrico, in doppio cieco, randomizzato e controllato per valutare la sicurezza e l'efficacia del vaccino ChAdOx1 nCoV-19 (AZD1222) in persone HIV-negative in Sud Africa.
Tra giugno e novembre 2020, sono stati arruolati 2026 adulti (età media, 30 anni); 1010 e 1011 partecipanti hanno ricevuto rispettivamente almeno una dose di placebo o vaccino. I test hanno mostrato una maggiore resistenza alla variante B.1.351 nei campioni di siero ottenuti da soggetti vaccinati rispetto ai campioni di soggetti trattati con placebo. Nell'analisi dell'end-point primario, il Covid-19 da lieve a moderato si è sviluppato in 23 dei 717 destinatari del placebo (3,2%) e in 19 dei 750 destinatari del vaccino (2,5%), per un'efficacia del 21,9% (intervallo di confidenza del 95% [CI], da −49,9 a 59,8). Tra i 42 partecipanti con Covid-19, 39 casi (92,9%) sono stati causati dalla variante B.1.351; l'efficacia del vaccino contro questa variante, analizzata come end point secondario, è stata del 10,4% (95% CI, da -76,8 a 54,8). L'incidenza di eventi avversi gravi è stata bilanciata tra i gruppi vaccino e placebo. 
Gli autori concludono che la somministrazione di due dosi del vaccino ChAdOx1 nCoV-19 non ha mostrato protezione contro Covid-19 da lieve a moderato causato dalla variante B.1.351

Rapporto ISS COVID-19 n. 4/2021
Indicazioni ad interim sulle misure di prevenzione e controllo delle infezioni da SARS-CoV-2 in tema di varianti e vaccinazione anti COVID-19. Versione del 13 marzo 2021
Gruppo di Lavoro ISS Prevenzione e Controllo delle Infezioni.
Il documento risponde a diversi quesiti sulle misure farmacologiche e non farmacologiche nell’area di prevenzione e controllo delle infezioni da SARS-CoV-2 sorti con il progredire della campagna di vaccinazione contro COVID-19 e la comparsa delle varianti VOC di SARS-CoV-2.

Tasso di mortalità con la variante inglese B117
BMJ. 10 marzo 2021. Secondo uno studio condotto nel Regno Unito, il rischio di morte a 28 giorni per la variante B117 COVID-19 era del 64% superiore a quello dei ceppi circolanti in precedenza nelle persone di età superiore ai 30 anni. Lo studio, condotto dai ricercatori dell'Università di Exeter e pubblicato su BMJ, ha implicato test di comunità e dati sulla morte di 54.906 coppie di partecipanti che sono risultati positivi per COVID-19 dal 1 ottobre 2020 al 29 gennaio 2021. Dei 109.812 partecipanti totali, 367 (0,3%) sono morti. Dei 54.906 partecipanti infetti da B117, 227 (0,4%) sono morti, rispetto a 141 (0,3%) infetti con altri ceppi. L'hazard ratio (HR) per la morte entro 28 giorni dalla diagnosi era 1,64 (intervallo di confidenza al 95% [CI], da 1,32 a 2,04) per i pazienti infetti con la variante B117, rispetto ai ceppi di SARS-CoV-2 circolanti in precedenza.

Il rischio assoluto rimane basso. Le persone con diagnosi di infezione da B117 avevano cariche virali più elevate al momento della diagnosi rispetto a quelle infettate con altre varianti, che secondo gli autori potrebbe essere attribuito alla tendenza di questi partecipanti a cercare cure quando erano più contagiosi.
I ricercatori hanno avvertito che i loro risultati potrebbero non essere applicabili ad altri gruppi di età, perché il loro studio includeva solo circa l'8% dei decessi per COVID-19 in Inghilterra durante il periodo di studio. Solo il 26% dei decessi per COVID si è verificato durante quel periodo e i dati sullo stato di B117 erano disponibili solo per il 30% di quei decessi.
Science. 3 marzo 2021Estimated transmissibility and impact of SARS-CoV-2 lineage B.1.1.7 in England
La nuova variante SARS-CoV-2, VOC 202012/01 (B.1.1.7), emersa nel sud-est dell'Inghilterra nel novembre 2020, si sta rapidamente diffondendo. Utilizzando approcci di modellazione statistici e dinamici, stimiamo che questa variante abbia un numero di riproduzione superiore del 43-90% rispetto alle varianti preesistenti. Un modello di trasmissione dinamica mostra che VOC 202012/01 porterà a una grande recrudescenza di casi. Senza rigorose misure di controllo, inclusa la chiusura limitata delle scuole e una rapida diffusione del vaccino, i ricoveri e i decessi di COVID-19 in Inghilterra nel 2021 supereranno quelli del 2020. Inoltre, VOC 202012/01 si è diffusa a livello globale e mostra una trasmissione in aumento (59-74%) anche in Danimarca, Svizzera e Stati Uniti.

ECDC. 3 marzo 2021. Methods for the detection and identification of SARS-CoV-2 variants
Questo documento tecnico fornisce una guida ai laboratori, agli esperti di microbiologia e alle parti interessate nel prendere decisioni su come stabilire e migliorare la capacità di rilevamento e identificazione delle varianti SARS-CoV-2 circolanti, su quali tecnologie utilizzare e per quale obiettivo.
ISS. 2 marzo 2021. Italia, nuove varianti: 54% variante inglese, 4,3% brasiliana e 0,4% sudafricana
In Italia al 18 febbraio scorso la prevalenza della cosiddetta ‘variante inglese’ del virus Sars-CoV-2 era del 54,0%, con valori oscillanti tra le singole regioni tra lo 0% e il 93,3%, mentre per quella ‘brasiliana’ era del 4,3% (0%-36,2%) e per la ‘sudafricana’ dello 0,4% (0%-2,9%). La stima viene dalla nuova ‘flash survey’ condotta dall’Iss e dal ministero della Salute insieme ai laboratori regionali e alla Fondazione Bruno Kessler.
Queste le principali riflessioni emerse dalla survey
  • La cosiddetta ‘variante inglese’ sta diventando quella prevalente nel paese, e in considerazione della sua maggiore trasmissibilità occorre rafforzare/innalzare le misure di mitigazione in tutto il Paese nel contenere e ridurre la diffusione del virus mantenendo o riportando rapidamente i valori di Rt a valori <1 e l’incidenza a valori in grado di garantire la possibilità del sistematico tracciamento di tutti i casi.
  • Dai dati emerge una chiara espansione geografica dall’epicentro umbro a regioni quali Lazio e Toscana della cosiddetta ‘variante brasiliana’, che deve essere contrastata con le massime misure di mitigazione.

EMA: una guida per adattare i vaccini alle varianti
25 febbraio 2021EMA, Adattare i vaccini anti-COVID-19 alle varianti del SARS-CoV-2: orientamenti per i produttori di vaccini
L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha pubblicato una guida che illustra i requisiti previsti per i produttori che intendano modificare i loro vaccini anti-COVID-19 per far fronte alle varianti del coronavirus SARS-CoV-2.

FDA, emergenza varianti: nuove linee guida per gli sviluppatori di vaccini, test e terapie
22 febbraio 2021La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha pubblicato nuove linee guida per gli sviluppatori di prodotti medici, in particolare vaccini, prodotti diagnostici e terapeutici, per affrontare l'emergenza e la potenziale futura comparsa di varianti di SARS-CoV-2.
  • L'FDA ha aggiornato la sua guida dell'ottobre 2020 Emergency Use Authorization for Vaccines to Prevent COVID-19 per fornire raccomandazioni agli sviluppatori di vaccini, compresi coloro che hanno già ricevuto l'autorizzazione all'uso di emergenza (EUA) e stanno cercando di modificare la loro EUA per affrontare le nuove varianti
  • E' uscita una nuova linea guida per gli sviluppatori di test Policy for Evaluating Impact of Viral Mutations on COVID-19 Tests che fornisce informazioni sulla valutazione dell'impatto sui test COVID-19 delle mutazioni genetiche virali emergenti e future alla base delle varianti virali, comprese le considerazioni sulla progettazione e il monitoraggio continuo
  • Per affrontare l'impatto delle varianti emergenti sullo sviluppo di prodotti a base di anticorpi monoclonali mirati al virus, l'FDA ha pubblicato una nuova guida Development of Monoclonal Antibody Products Targeting SARS-CoV-2, Including Addressing the Impact of Emerging Variants, During the COVID-19 Public Health Emergency. L'FDA ha anche rivisto una seconda guida che copre farmaci e prodotti biologici in modo più ampio COVID-19: Developing Drugs and Biological Products for Treatment or Prevention. La nuova guida fornisce raccomandazioni per gli sviluppatori di anticorpi monoclonali anti-SARS-CoV-2. Gli anticorpi monoclonali sono proteine ​​prodotte in laboratorio che imitano la capacità del sistema immunitario di combattere i patogeni dannosi come i virus. L'FDA è a conoscenza del fatto che alcuni degli anticorpi monoclonali autorizzati risultano meno attivi contro alcune delle varianti SARS-CoV-2 emerse. Questa guida fornisce raccomandazioni su approcci efficienti alla generazione di dati che potrebbero potenzialmente supportare una autorizzazione all'uso di emergenza per anticorpi monoclonali che possano essere efficaci contro le varianti emergenti.

Vaccini a mRNA e nuove varianti
18 febbraio 2021. NEJM. I vaccini Pfizer-BioNTech e Moderna potrebbero essere meno efficaci contro la variante B1351 identificata per la prima volta in Sud Africa, ma offrire una buona protezione contro la variante B117, la cosiddetta variante inglese, secondo due lettere pubblicate sul New England Journal of Medicine:

Il nuovo piano europeo per la difesa biologica contro le varianti
17 febbraio 2021
. Commissione Europea: per un'Europa pronta alla crescente minaccia delle varianti
La Commissione Europea propone un'azione immediata per preparare l'Europa alla crescente minaccia delle varianti del coronavirus mediante il nuovo piano europeo di preparazione alla difesa biologica contro le varianti di COVID-19, denominato "HERA Incubator". La Commissione avvierà una collaborazione con ricercatori, aziende di biotecnologie, produttori e autorità pubbliche nell'UE e a livello mondiale per individuare le nuove varianti, incentivare lo sviluppo di vaccini adattati e nuovi, accelerarne il processo di approvazione e aumentare la capacità produttiva. Le azioni chiave elencate andranno a integrare la cooperazione globale nell'ambito dell'Organizzazione mondiale della sanità e altre iniziative di scala mondiale in tema di vaccini:
  • Individuazione, analisi e valutazione delle varianti
  • Velocizzazione delle procedure di approvazione dei vaccini adattati
  • Aumento della produzione dei vaccini contro la COVID-19.

Varianti: non preoccupa da dove provengono, ma le mutazioni che contengono
16 febbraio 2021. BMJ
. What makes new variants of SARS-CoV-2 concerning is not where they come from, but the mutations they contain
Sembra che una nuova variante covid, B1525, sia stata identificata nel Regno Unito. A dicembre, la scoperta di quella che è diventata popolarmente conosciuta come la "variante Kent", o per darle il nome proprio B.1.1.7, ha portato a una massiccia diffusione del virus in tutto il Regno Unito per l'elevata trasmissibilità. Questa è stata seguita dalla variante "sudafricana" B.1.351 che contiene una mutazione che pare ridurre l'efficacia del vaccino ChAdOx tanto che il Sud Africa sta rimuovendo il vaccino dal proprio programma di vaccinazione. La variante "Brasile" P.1 si sta diffondendo anche in altri paesi causando preoccupazioni per la sua propensione a provocare re-infezioni.
ECDC: capacità e protocolli di sequenziamento negli stati europei
16 febbraio 2021. 
Detection and characterisation capability and capacity for SARS-CoV-2 variants within the EU/EEA
Messaggi chiave
  • nella maggior parte degli Stati membri, la capacità di sequenziamento per l'identificazione delle varianti SARS-CoV-2 è inferiore alla raccomandazione stabilita dalla Commissione europea ovvero sequenziare il 5-10% dei campioni positivi a SARS-CoV-2
  • sebbene la maggior parte dei paesi dell'UE / SEE stia attivamente studiando l'emergere di varianti di SARS-CoV-2, ci sono paesi che non lo stanno facendo
  • molti paesi stanno aumentando o pianificando di aumentare la capacità di sequenziamento, ma hanno indicato la necessità di sostegno da parte dell'ECDC
  • le esigenze specifiche includono il supporto con capacità e protocolli di sequenziamento e in particolare con la bioinformatica
  • per molti paesi, il tempo di risposta per i risultati dello screening preliminare del test PCR condivisi con le autorità sanitarie pubbliche è superiore a 48 ore.

ECDC: aggiornata la valutazione del rischio
15 febbraio 2021
. Risk assessment: SARS-CoV-2 - increased circulation of variants of concern and vaccine rollout in the EU/EEA, 14th update
A causa delle varianti il rischio associato a un'ulteriore diffusione del Covid nell'UE è "attualmente valutato come alto/molto alto per la popolazione complessiva e molto alto per gli individui vulnerabili". Lo scrive l'Ecdc nella sua analisi del rischio aggiornata. Le varianti presentano "maggiore trasmissibilità" e potrebbero "determinare una maggiore gravità della malattia", e "i vaccini con licenza esistenti" potrebbero essere "solo parzialmente o in gran parte meno efficaci".
Per approfondire: la FAQ ISS Le varianti provocano forme cliniche più gravi o più letali?

Variante inglese: la prima indagine di prevalenza dell'ISS
15 febbraio 2021
Relazione tecnica della prima indagine sulla variante inglese del virus SARS-CoV-2
E' stata pubblicata dall'Istituto Superiore di Sanità lo studio di prevalenza sulla variante inglese del virus SARS-CoV-2. Il risultato dell'indagine, condotta da ISS e Ministero della Salute insieme ai laboratori regionali, ci dice che nel nostro paese, così come nel resto d’Europa (in Francia la prevalenza è del 20-25%, in Germania è sopra il 20%), c’è una circolazione sostenuta della variante VOC 202012/01, lineage B.1.1.7, che probabilmente è destinata a diventare quella prevalente nei prossimi mesi. A livello nazionale la stima di prevalenza della cosiddetta "variante inglese" del virus Sars-CoV-2 è pari a 17,8%.

ECDC: i primi report sulle nuove varianti di Covid-19
Sui primi report ECDC, consulta le nostre news:
22 gennaio 2021. ECDC aggiorna il report sui rischi delle nuove varianti di Covid-19
9 gennaio 2021. Le varianti di SARS-CoV-2 osservate nel Regno Unito e in Sud Africa: i report ECDC   

vai all'indice

Faq sulle varianti di Covid

Quando un virus si replica o crea copie di se stesso può cambiare leggermente e va incontro a "mutazioni". Un virus con una o più nuove mutazioni viene definito come "variante" del virus originale. Alcune mutazioni possono portare a cambiamenti nelle caratteristiche del virus, come la trasmissione (ad esempio, può diffondersi più facilmente) o la gravità (ad esempio, può causare una malattia più grave). Finora sono state identificate in tutto il mondo centinaia di varianti di questo virus. 

Per saperne di più:
vai all'indice

Varianti Covid: le circolari del Ministero della salute

2 settembre 2022. #NOVITÁ Circolare Ministero Salute. Stima della prevalenza delle varianti VOC (Variant Of Concern) e di altre varianti di SARS-CoV-2 in Italia

29 luglio 2022. Circolare Ministero Salute. Stima della prevalenza delle varianti VOC (Variant Of Concern) e di altre varianti di SARS-CoV-2 in Italia

1 luglio 2022. Circolare Ministero Salute. Stima della prevalenza delle varianti VOC (Variant Of Concern) e di altre varianti di SARS-CoV-2 in Italia
1 giugno 2022. Circolare Ministero Salute. Stima della prevalenza delle varianti VOC (Variant Of Concern) e di altre varianti di SARS-CoV-2 in Italia

1 aprile 2022. Circolare Ministero della salute. Stima della prevalenza delle varianti VOC (Variant Of Concern) e di altre varianti di SARS-CoV-2 in Italia

4 marzo 2022. Circolare Ministero della Salute. Stima della prevalenza delle varianti VOC (Variant Of Concern) e di altre varianti di SARS-CoV-2 in Italia. Stima della prevalenza delle varianti VOC (Variant Of Concern) e di altre varianti di SARS-CoV-2 in Italia

28 gennaio 2022. Circolare Ministero della Salute. Stima della prevalenza delle varianti VOC (Variant Of Concern) e di altre varianti di SARS-CoV-2 in Italia. Stima della prevalenza delle varianti VOC (Variant Of Concern) e di altre varianti di SARS-CoV-2 in Italia
30 dicembre 2021Circolare del Ministero della salute. Stima della prevalenza delle varianti VOC (Variant Of Concern) e di altre varianti di SARS-CoV-2 in Italia

17 dicembre 2021Circolare del Ministero della Salute. Stima della prevalenza delle varianti VOC (Variant Of Concern) in Italia: beta, gamma, delta, omicron e altre varianti di Sars-CoV-2

3 dicembre 2021.Circolare Ministero della salute. Stima della prevalenza delle varianti VOC (Variant Of Concern) in Italia: beta, gamma, delta, omicron e altre varianti di SARS-CoV-2

26 novembre 2021. Circolare del Ministero della Salute Diffusione nuova variante VOC B.1.1.529 (Omicron)

20 agosto 2021.Circolare del Ministero della Salute. Stima della prevalenza delle varianti VOC (Variants Of Concern) in Italia: B.1.1.7, B.1.351, P.1, B.1.617.2 e altre varianti di SARS-CoV-2
16 luglio 2021.  Circolare del Ministero della salute. Stima della prevalenza delle varianti VOC in Italia B.1.1.7, B.1.351, P.1., B.1.617.2 e altre varianti di Sars-CoV-2
Per stimare la diffusione delle varianti citate in oggetto è stata disegnata un’indagine rapida coordinata dall’Istituto Superiore di Sanità in collaborazione con le Regioni e PPAA.

25 giugno 2021.Circolare del Ministero della salute. Aggiornamento della classificazione delle nuove varianti SARS-CoV-2, loro diffusione in Italia e rafforzamento del tracciamento, con particolare riferimento alla variante Delta

18 giugno 2021
. Circolare del Ministero della Salute. Stima della prevalenza delle varianti VOC (Variant Of Concern) in Italia: lineage B.1.1.7, P.1, B.1.617.(1,2 o 3) e B.1.351, e altre varianti del virus SARS-CoV-2

21 maggio 2021Circolare del Ministero della Salute. Aggiornamento sulla definizione di caso COVID-19 sospetto per variante VOC 202012/01 e sulle misure di quarantena e di isolamento raccomandate alla luce della diffusione in Italia delle nuove varianti SARS-CoV-2

14 maggio 2021.Circolare del Ministero della Salute. Indagine rapida per la valutazione della prevalenza in Italia delle varianti VOC (Variant Of Concern): lineage B.1.1.7, P.1, B.1.617 e B.1.351 e altre varianti (Variant Of Interest, VOI) tra cui lineage P.2 e lineage B.1.525
16 aprile 2021. Circolare del Ministero della Salute. Indagine rapida per la valutazione della prevalenza delle varianti VOC (Variant Of Concern) in Italia - lineage B.1.1.7, P.1 e lineage B.1.351, e di altre varianti VOI (Variant Of Interest) - lineage P.2 e lineage B.1.525

17 marzo 2021. Circolare Ministero della Salute. Indagine rapida per la valutazione della prevalenza delle varianti VOC 202012/01 lineage B.1.1.7, P.1, P.2, lineage B.1.351, lineage B.1.525, in Italia

15 marzo 2021. Circolare Ministero Salute. Trasmissione Rapporto ISS COVID-19 n. 4/2021 “Indicazioni ad interim sulle misure di prevenzione e controllo delle infezioni da SARS-CoV-2 in tema di varianti e vaccinazione anti-COVID-19

17 febbraio 2021. Circolare Ministero Salute. Indagine rapida per la valutazione della prevalenza delle varianti VOC 202012/01 (ovvero lineage B.1.1.7-Regno Unito), P1 (ovvero Brasiliana), e 501.V2 (ovvero lineage B.1.351-Sud Africana) in Italia

15 febbraio 2021. Circolare Ministero Salute. Aggiornamento sull’uso dei test antigenici e molecolari per la rilevazione di SARS-CoV-2
Circolare sui test antigenici rapidi alla luce della circolazione delle nuove varianti del virus.
In contesti a bassa prevalenza i campioni positivi a test antigenici necessitano di conferma con un test molecolare o, in caso di mancata disponibilità di tali test molecolari, con un test antigenico differente. La circolare consiglia di confermare la negatività di test antigenici eseguiti su pazienti sintomatici o contatti di casi confermati. Questa necessità è rafforzata dalla possibile circolazione di varianti virali con mutazioni della proteina N, che è il principale antigene target utilizzato in questo tipo di test. Per quanto riguarda l’esecuzione di test su persone asintomatiche e in genere per gli screening di popolazione, la circolare ribadiscedi usare test antigenici ad elevata sensibilità e specificità per ridurre il rischio di risultati falsi-negativi e/o falsi-positivi.
8 febbraio 2021. Circolare Ministero Salute. Ulteriori indicazioni operative relative al rischio di diffusione di nuove varianti SARS-CoV2: integrazione dei dati di genotipizzazione e indagine rapida per la valutazione della prevalenza della variante SARS-CoV-2 VOC202012/01

31 gennaio 2021. Circolare Ministero Salute. Aggiornamento sulla diffusione a livello globale delle nuove varianti SARSCoV2, valutazione del rischio e misure di controllo

27 gennaio 2021. Istituzione del Tavolo tecnico per la la sorveglianza viro-immunologica e nascita della Rete Italiana per la genotipizzazione e fenotipizzazione di SARS-CoV-2 e per il monitoraggio della risposta immunitaria alla vaccinazione
L’efficacia dell’attuale campagna di vaccinazione per COVID-19 dipenderà dalle risposte immunitarie che il vaccino riuscirà a indurre nei soggetti vaccinati, dalla loro durata e dalla sensibilità delle varianti di SARS-CoV-2 circolanti alla neutralizzazione. Sono informazioni di grande importanza per le implicazioni nella protezione da infezioni contro le diverse varianti del virus e nel potenziale futuro decorso della pandemia. La Rete, promossa e sostenuta dal Ministero della Salute e coordinata dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS), sarà costituita da una serie di laboratori sull’intero territorio nazionale che provvederà a fornire su larga scala e rapidamente le sequenze del genoma SARS-CoV-2 circolanti in Italia, permettendo all’Istituto Superiore di Sanità di monitorare l’evoluzione genetica del virus e la durata dell’immunità indotta dai vaccini.

8 gennaio 2021. Circolare Ministero Salute. Indicazioni operative relative al rischio di diffusione di nuove varianti SARS-CoV- 2 in Unione europea/Spazio Economico Europeo (UE/SEE): misure di prevenzione per i viaggiatori e sorveglianza di laboratorio