15/2/2021

Plasma iperimmune per il trattamento di Covid-19


Il plasma iperimmune è il plasma ottenuto da persone con una elevata quantità di anticorpi (immunoglobuline iperimmuni) contro uno specifico microrganismo o antigene (sostanza riconosciuta dal sistema immunitario che provoca la formazione di anticorpi). È presente in persone sottoposte a vaccinazione nei confronti dello specifico microrganismo o convalescenti dalla malattia che esso determina... Leggi la definizione nel glossario ISS salute


Trattamento precoce con plasma convalescente contro l'infezione da SARS-CoV-2
30 marzo 2022. NEJM. Early Outpatient Treatment for Covid-19 with Convalescent Plasma
#NOVITÁ In questo studio multicentrico in doppio cieco sul plasma convalescente contro l'infezione precoce e sintomatica da SARS-CoV-2, 1225 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere plasma convalescente o plasma di controllo entro 9 giorni dall'insorgenza dei sintomi. Significativamente pochi riceventi plasma convalescente hanno avuto una progressione della malattia che ha portato al ricovero in ospedale.

Immunoglobuline per via endovenosa contro SARS-CoV-2: i risultati di uno studio di fase 3
27 gennaio 2022. Lancet. Hyperimmune immunoglobulin for hospitalised patients with COVID-19 (ITAC): a double-blind, placebo-controlled, phase 3, randomised trial.
Le immunoglobuline per via endovenosa (IVIG) sono farmaci costituiti da anticorpi (immunoglobuline G) estratti dal plasma di donatori volontari sani. Se somministrate con terapia standard incluso remdesivir, le IVIG non hanno mostrato efficacia nei pazienti ricoverati in ospedale con COVID-19 senza insufficienza d'organo. La sicurezza delle IVIG potrebbe variare in base alla presenza di anticorpi neutralizzanti endogeni all'ingresso.

Nessuna associazione tra plasma convalescente ed esiti clinici
4 gennaio 2022. JAMA. Association of Convalescent Plasma Treatment With Clinical Status in Patients Hospitalized With COVID-19: A Meta-analysis
Vi sono prove raccolte in studi clinici randomizzati di alta qualità sulla sicurezza e il potenziale beneficio del plasma convalescente per il trattamento di pazienti ospedalizzati con COVID-19?
In questa meta-analisi di 8 studi clinici randomizzati che hanno arruolato 2341 partecipanti, i dati dei singoli pazienti sono stati monitorati in tempo reale e analizzati utilizzando un solido framework bayesiano e modelli statistici avanzati. Non è stata trovata alcuna associazione tra plasma convalescente ed esiti clinici.
Questi risultati suggeriscono che la condivisione dei dati dei singoli pazienti in tempo reale e studi di meta-analisi durante una pandemia sono fattibili, offrendo un modello per la ricerca futura e fornendo una ricca risorsa di dati.

L'OMS sconsiglia l'uso del plasma convalescente nei pazienti COVID-19 non gravi
7 dicembre 2021. WHO recommends against the use of convalescent plasma to treat COVID-19
L'OMS ha aggiornato le linee guida living sulle terapie contro COVID-19, per includere anche il plasma convalescente, ovvero una trasfusione di plasma sanguigno da qualcuno che si è ripreso da COVID-19.
L'evidenza attuale mostra che il plasma convalescente non migliora la sopravvivenza né riduce la necessità di ventilazione meccanica, mentre ha costi significativi.
Per i pazienti COVID-19 non gravi, l'OMS ne sconsiglia l'uso, mentre dovrebbe essere utilizzato solo all'interno di studi clinici per pazienti COVID-19 gravi e critici. Per questi sottogruppi di pazienti quindi gli studi clinici randomizzati dovrebbero continuare.

Efficacia e sicurezza delle terapie anticorpali e degli emoderivati ​​per il trattamento di covid-19
23 settembre 2021. BMJ
Antibody and cellular therapies for treatment of covid-19: a living systematic review and network meta-analysis
Nei pazienti con Covid-19 non grave, gli anticorpi monoclonali casirivimab-imdevimab probabilmente riducono il rischio di ricovero; bamlanivimab, bamlanivimab-etesevimab e sotrovimab possono ridurre il ricovero. I bassi tassi di eventi avversi che portano all'interruzione, al danno polmonare acuto correlato alla trasfusione (TRALI) e al sovraccarico circolatorio associato alla trasfusione (TACO) rendono difficile trarre conclusioni sulla sicurezza degli anticorpi monoclonali antivirali e del plasma convalescente. Sono necessari ulteriori dati di alta qualità per valutare l'efficacia e la sicurezza degli anticorpi monoclonali antivirali e degli emoderivati ​​per il trattamento di Covid-19.
Conclusioni:
  • Casirivimab-imdevimab probabilmente riducono l'ospedalizzazione nei pazienti con Covid-19 non grave
  • Casirivimab-imdevimab possono ridurre la mortalità nei pazienti con malattia grave o critica che non hanno anticorpi rilevabili
  • Bamlanivimab, bamlanivimab-etesevimab e sotrovimab possono ridurre l'ospedalizzazione
  • Il plasma convalescente e le immunoglobuline per via endovenosa potrebbero non conferire alcun beneficio significativo.

Revisione sull'uso del plasma iperimmune
11 settembre 2021. Diagnostics (Basel)Safety and Efficacy of Convalescent Plasma in COVID-19: An Overview of Systematic Reviews.
Complessivamente, 29 revisioni sitematiche hanno soddisfatto i criteri di inclusione, basate su 53 studi primari unici (17 RCT e 36 non RCT). Limitazioni alla qualità metodologica delle revisioni sono state più comunemente per assenza di un protocollo (11/29) e per le fonti di finanziamento degli studi primari (27/29). Delle 89 analisi su cui sono stati espressi i giudizi GRADE, le stime degli effetti sono state giudicate di alta/moderata certezza in 4 analisi, moderata in 38, bassa in 38, molto bassa in 9. Nonostante la variabilità nella certezza delle evidenze, per lo più correlata al rischio di bias e incoerenza, i risultati di questa revisione a ombrello evidenziano una riduzione della mortalità con plasma di convalescenza rispetto alla terapia standard, quando somministrata precocemente e ad alto titolo, senza aumento di reazioni avverse.

Plasma convalescente in pazienti ricoverati in ospedale: non migliora sopravvivenza o altri esiti clinici (studio RECOVERY)
14 maggio 2021. The LancetConvalescent plasma in patients admitted to hospital with COVID-19 (RECOVERY): a randomised controlled, open-label, platform trial
Nei pazienti ospedalizzati con COVID-19, il plasma convalescente ad alto titolo non ha migliorato la sopravvivenza o altri esiti clinici prespecificati. 11558 (71%) dei 16287 pazienti arruolati in RECOVERY erano idonei a ricevere plasma convalescente e sono stati assegnati al gruppo plasma convalescente o al gruppo di cure standard. Non vi è stata alcuna differenza significativa nella mortalità a 28 giorni tra i due gruppi. Il tasso di mortalità a 28 giorni era simile anche in tutti i sottogruppi di pazienti, inclusi i pazienti senza anticorpi SARS-CoV-2 rilevabili alla randomizzazione. Inoltre, l'assegnazione al gruppo plasma convalescente non ha avuto effetti significativi sulla percentuale di pazienti dimessi dall'ospedale entro 28 giorni. Tra coloro che non erano sottoposti a ventilazione meccanica invasiva al momento della randomizzazione, non vi è stata alcuna differenza significativa nella proporzione di pazienti che raggiungevano l'endpoint composito di progressione verso ventilazione meccanica invasiva o morte.

8 aprile 2021. Studio Tsunami: il plasma non riduce il rischio di peggioramento respiratorio o morte
Lo studio ha confrontato l’effetto del plasma convalescente ad alto titolo di anticorpi neutralizzanti (³1:160), associato alla terapia standard, rispetto alla sola terapia standard in pazienti con COVID-19 e polmonite con compromissione ventilatoria da lieve a moderata (definita da un rapporto PaO2/FiO2 tra 350 e 200). Nel complesso Tsunami non ha quindi evidenziato un beneficio del plasma in termini di riduzione del rischio di peggioramento respiratorio o morte nei primi trenta giorni. Leggi il comunicato ISS e il comunicato di AIFA
10 marzo 2021. L'ECDC pubblica un aggiornamento della sua guida sulla raccolta e trasfusione di plasma COVID-19 convalescente

Plasma convalescente non significativamente associato a esiti clinici rilevanti
26 febbraio 2021. JAMA. Association of Convalescent Plasma Treatment With Clinical Outcomes in Patients With COVID-19: A Systematic Review and Meta-analysis
Il trattamento con plasma convalescente rispetto al placebo o allo standard di cura non è stato significativamente associato a una diminuzione della mortalità per tutte le cause o ad alcun beneficio per altri esiti clinici. La certezza dell'evidenza è stata da bassa a moderata per la mortalità per tutte le cause e bassa per altri outcome.
Fonti di dati: PubMed, Cochrane COVID-19 trial registry e la piattaforma Living Overview of Evidence sono stati cercati fino al 29 gennaio 2021.
Selezione dello studio: gli RCT selezionati hanno confrontato qualsiasi tipo di plasma convalescente vs placebo o standard di cura per i pazienti con COVID-19 confermato o sospetto in qualsiasi contesto di trattamento. Sintesi dei dati: due revisori hanno estratto in modo indipendente i dati sui risultati clinici rilevanti, sulle caratteristiche dello studio e sulle caratteristiche dei pazienti e hanno utilizzato lo strumento di valutazione del rischio di bias di Cochrane. L'analisi primaria includeva solo pubblicazioni peer-reviewed di RCT, mentre l'analisi secondaria includeva tutti i dati RCT pubblicamente disponibili (pubblicazioni peer-reviewed, preprints e comunicati stampa). Sono state condotte meta-analisi ponderate in base alla varianza inversa per riassumere gli effetti del trattamento.a

13 gennaio 2021NEJMConvalescent Plasma Antibody Levels and the Risk of Death from Covid-19
Tra gli oltre 3000 pazienti ospedalizzati con Covid-19, i destinatari di plasma convalescente ad alto titolo (ovvero alti livelli di anticorpi neutralizzanti) avevano una mortalità inferiore a 30 giorni rispetto ai destinatari di plasma a basso titolo. L'effetto del plasma ad alto titolo era maggiore nel sottogruppo dei pazienti che non ricevevano ventilazione meccanica.
Per approfondire leggi

5 dicembre 2020Convalescent plasma may be a possible treatment for COVID-19: A systematic review.
Lo studio ha esaminato gli ultimi articoli sulla terapia con plasma di convalescenza per COVID-19. Sono stati analizzati in dettaglio l'efficacia, i titoli anticorpali, i tempi di infusione, la popolazione e la sicurezza della terapia con plasma di convalescenza.
Sebbene i risultati di RCT limitati abbiano mostrato che la terapia con plasma convalescente (CP) non può ridurre significativamente la mortalità, alcuni studi non RCT e case report (serie) hanno scoperto che la CP può aiutare i pazienti a migliorare i sintomi clinici, eliminare il virus e ridurre la mortalità, specialmente entro dieci giorni dallinizio della malattia. Gli autori ipotizzano che la CP possa essere una possibile opzione di trattamento, ma sottolineano che sono necessari studi di alta qualità per stabilire una maggiore qualità delle prove.

24 novembre 2020. Transfusion. A retrospective study assessing the characteristics of COVID-19 convalescent plasma donors and donations
Gli autori lamentano una scarsità di studi in corso e pubblicati che valutino il lato dei donatori di plasma convalescente. Questo studio retrospettivo riporta la prima esperienza italiana sulla selezione dei donatori e sulle donazioni di PC. Questo studio dimostra la fattibilità e la sicurezza di un programma pilota sul plasma convalescente condotto in Italia. L'identificazione di fattori (come età e gravità della malattia) associati positivamente a titoli anticorpali neutralizzanti più elevati al momento della donazione può aiutare a ottimizzare la selezione dei donatori di plasma convalescente.

24 novembre 2020. NEJM. A Randomized Trial of Convalescent Plasma in Covid-19 Severe Pneumonia
Il plasma di convalescenza viene spesso somministrato ai pazienti con Covid-19 ed è stato segnalato, in gran parte sulla base di dati osservazionali, per migliorare i risultati clinici. Nel trial non sono state osservate differenze significative nello stato clinico o nella mortalità complessiva tra i pazienti trattati con plasma iperimmune e quelli che hanno ricevuto placebo (Il numero PlasmAr ClinicalTrials.gov, NCT04383535).

Per approfondire, leggi il nostro approfondimentoTerapia con plasma iperimmune: non un medicinale, ma un emocomponente. Cura ancora sperimentale, consentito l’uso compassionevole (10 novembre)
L'obiettivo degli studi sull’uso del plasma dei pazienti convalescenti da COVID-19 è verificare e valutare se può favorire lo sviluppo di anticorpi per neutralizzare il virus e/o ridurne la carica virale. La terapia con plasma iperimmune è ancora sperimentale e il suo uso si configura come appropriato in condizioni di necessità ed urgenza.

22 ottobre 2020BMJConvalescent plasma in the management of moderate covid-19 in adults in India: open label phase II multicentre randomised controlled trial (PLACID Trial)
#NOVITÁ Dei 464 adulti (≥ 18 anni) ricoverati in ospedale (sottoposti a screening dal 22 aprile al 14 luglio 2020) con malattia covid-19 moderata confermata: 235 sono stati assegnati al braccio di intervento con somministrazione di plasma convalescente con il miglior standard di cura e 229 solo al miglior standard di cura (braccio di controllo). Il plasma convalescente non è stato associato a una riduzione della progressione verso la malattia grave o della mortalità per tutte le cause. Questo studio ha un'elevata generalizzabilità e approssima l'uso del plasma convalescente in contesti di vita reale con capacità di laboratorio limitate. La misurazione a priori dei titoli anticorpali neutralizzanti nei donatori e nei partecipanti potrebbe chiarire ulteriormente il ruolo del plasma convalescente nella gestione di Covid-19.
Per approfondire leggi anche l'editoriale Convalescent plasma is ineffective for covid-19
Lo studio PLACID è stato uno studio controllato randomizzato rigoroso su un argomento di enorme importanza globale, progettato e implementato eticamente dato lo stato contemporaneo delle conoscenze scientifiche sulla SARS-CoV-2. Nello studio i ricercatori non hanno riscontrato alcun beneficio netto associato al plasma convalescente nei pazienti ricoverati in ospedale con covid-19 moderato.

25 settembre 2020. Ann Intern MedConvalescent Plasma for the Treatment of COVID-19: Perspectives of the National Institutes of Health COVID-19 Treatment Guidelines Panel
Una revisione da parte dei membri del National Institutes of Health COVID-19 Treatment Guidelines Panel ha rilevato dati insufficienti per raccomandare o meno il plasma convalescente per il trattamento di COVID-19.
La Food and Drug Administration (FDA) ha approvato il plasma convalescente come trattamento contro la malattia con un'autorizzazione all'uso di emergenza (EUA) ad agosto. Un EUA non conferisce l'approvazione della FDA, ma consente l'uso di trattamenti non approvati durante un'emergenza di salute pubblica, a condizione che la terapia si mostri promettente, che i benefici superino i rischi e che non siano disponibili alternative.
Esistono però pochi studi randomizzati controllati che dimostrano la sicurezza e l'efficacia del plasma convalescente nella malattia virale da SARS-Cov-2.

Studio SUPPORT-E: SUPPORTing high quality evaluation of COVID-19 convalescent Plasma throughout Europe

La Commissione europea sta collaborando con gli Stati membri, l'European Blood Alliance (EBA), il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) e altri professionisti competenti in materia per sostenere lo studio “SUPPORTing high quality evaluation of COVID-19 convalescent Plasma throughout Europe”. L’obiettivo dello studio è quello di fornire supporto per una valutazione clinica di alta qualità del plasma da convalescente COVID-19 e per raggiungere un consenso sull'uso appropriato del plasma convalescente nel trattamento del COVID-19 negli Stati membri dell'Unione Europea.
Il progetto SUPPORT-E, che sarà finanziato nell'ambito del programma di ricerca europeo Horizon 2020, durerà 24 mesi e vedrà la partecipazione di 12 partner provenienti da 9 paesi. Nel documento Guidance on collection, testing, processing, storage, distribution and monitored use vengono riportati i criteri di eleggibilità dei donatori che si aggiungono ai criteri standard per la donazione di sangue o plasma.

Che cos'è l'immunoterapia?

Il sangue si compone essenzialmente di due parti: la parte solida e la parte liquida. La parte solida è composta da tutte le cellule che si trovano nel sangue, ossia i globuli rossi, i globuli bianchi e le piastrine. La parte liquida del sangue è invece chiamata plasma e svolge la funzione di trasportare una vasta gamma di molecole, fra cui le immunoglobuline (anticorpi), prodotte dall’organismo in risposta ad un agente patogeno, per esempio un virus, che possono rimanere a lungo nel flusso ematico della persona dopo la guarigione. Il trasferimento di plasma da una persona guarita da COVID-19 potrebbe, quindi, aiutare a neutralizzare il virus nel sangue dei pazienti malati e/o ridurre le probabilità che l'infezione peggiori.

Uno dei primi studi sull’uso del plasma nel trattamento di pazienti affetti da infezione da SARS-CoV-2, è stato pubblicato il 24 marzo da JAMA al quale sono seguiti molti altri, per la maggior parte effettuati su un numero esiguo di pazienti. Tutti gli studi concludevano che tale trattamento sembrava diminuire la mortalità, per cui ad essi sono poi seguiti studi clinici randomizzati.

Una prima revisione sistematica ha analizzato gli studi disponibili al 19 aprile 2020: in tutto sono cinque. Le conclusioni, che gli autori stessi definiscono basate su evidenze limitate, si possono riassumere nei seguenti punti:
  • in quasi tutti i pazienti si è avuto la clearance del SARS-CoV-2
  • l'infusione di plasma donato da soggetti guariti può ridurre la mortalità nei pazienti critici.
A questo proposito, il 14 maggio 2020 la Cochrane, una delle più importanti organizzazioni internazionali di validazione di documenti scientifici e pubblicazione di documenti di sintesi, “revisioni sistematiche, ha pubblicato una revisione dal titolo “Convalescent plasma or hyperimmune immunoglobulin for people with COVID‐19: a rapid review”.
La revisione prende in esame sia studi svolti su un numero limitato di pazienti che disegni di ricerca più complessi, come i trial randomizzati e controllati (RCT) ancora in corso. Fra questi, il recente trial di Bennett-Guerrero et al. (numero identificativo del trial su Trials.gov: NCT04344535) ha lo scopo di valutare se la trasfusione di plasma sanguigno contenente anticorpi contro COVID-19 (anti-SARS-CoV-2), donati da pazienti guariti dall'infezione, è sicura e può essere efficace nel trattamento dei pazienti ospedalizzati con COVID -19. Questo studio prevede l’arruolamento di 500 pazienti con un gruppo di controllo.
Il breve periodo intercorso fra l’inizio della pandemia e il trattamento preso in esame fa sì che le prove attualmente disponibili sulla sicurezza ed efficacia dell’utilizzo del plasma e delle immunoglobuline iperimmuni nel trattamento delle persone con infezione da SARS-CoV-2 abbiano ancora un grado di certezza molto limitato. Tuttavia, i risultati principali, inclusi gli studi che hanno riferito la sopravvivenza di tutti i pazienti al termine dell’intervento supplementare, hanno riportato un miglioramento clinico.

Negli Stati Uniti

La Food and Drug Administration (FDA) indica 3 percorsi regolatori che possono facilitare l’accesso al plasma di convalescenti per il trattamento di COVID-19 al fine di determinare, attraverso studi clinici, l’efficacia e la somministrazione del plasma:
  • accedere al trattamento attraverso la partecipazione al trial clinico;
  • Expanded Access (che consente ai pazienti con una malattia grave o mortale di ottenere un trattamento medico in sperimentazione al di fuori della sperimentazione clinica, in assenza di trattamenti alternativi disponibili);
  • Emergency Investigational New Drug (il clinico può richiedere per un singolo paziente se ritiene che il trattamento possa essere urgentemente necessario per le condizioni gravi o potenzialmente letali in cui si trova).

In Italia

Il position paper della Italian Society for Transfusion Medicine and Immunohematology – SIMTI - e dell’Italian Society of Hemapheresis and Cell Manipulation – SidEM - descrive i requisiti che devono avere i donatori, le modalità di raccolta del plasma, i tempi per la somministrazione e i possibili eventi avversi.
La maggior attenzione è ovviamente rivolta ai pazienti con un’infezione documentata da SARS-CoV-2 che si offrono volontariamente, previo consenso informato, a sottoporsi a procedure di aferesi per la raccolta di plasma specifico per la terapia di gravi infezioni da SARS-CoV-2, naturalmente seguendo tutte le direttive in vigore a livello nazionale.

Secondo queste indicazioni, il soggetto con pregressa infezione da SARS-CoV-2 può effettuare la donazione dopo almeno 14 giorni dalla guarigione clinica (nessun sintomo) e dopo almeno due test NAT (Nucleic Acid Test, test che identifica l’eventuale presenza del virus) risultati negativi su tampone rinofaringeo e su siero/plasma, eseguiti a distanza di 24 ore, dopo la guarigione o prima della dimissione se ricoverato in ospedale; non è obbligatorio (e non richiesto dalla maggior parte dei protocolli in atto) un ulteriore test NAT negativo, eseguito 14 giorni dopo il primo; è richiesto un titolo sierico adeguato di anticorpi specifici neutralizzanti (>160 con metodo EIA o con altri metodi equivalenti).
Ovviamente queste persone sono selezionate per donare plasma iperimmune perché sono pazienti convalescenti COVID-19.

Gli autori del position paper sottolineano che è possibile che un numero elevato di persone che sono guarite da un'infezione asintomatica (o da una malattia con segni clinici minori), possa diventare una fonte rilevante di plasma iperimmune dopo aver dimostrato con i test sierologici la presenza di un titolo anticorpale >160 con metodo EIA (o equivalente con altri metodi). Dato che essi sono donatori di sangue in maniera regolare, sono pienamente conformi ai criteri di selezione per la donazione di plasma dopo che sia passato un intervallo adeguato (28 giorni) dalla risoluzione dei sintomi. Il loro reclutamento potrebbe facilmente essere effettuato mediante uno screening per SARS-CoV-2 (eventualmente seguito da una titolazione dell'anticorpo) nella popolazione di donatori al momento della donazione. Ciò consentirebbe inoltre di avere un quadro epidemiologico al di fuori del contesto di una grave malattia clinica che porta al ricovero in ospedale.

Al fine di valutare l’efficacia e il ruolo del plasma ottenuto da pazienti guariti da Covid-19 con metodica unica e standardizzata, l’Istituto superiore di sanità e l'AIFA stanno avviando uno studio multicentrico nazionale randomizzato e controllato che ha come centro capofila l’Azienda ospedaliero-universitaria Pisana

Per approfondire:
Early safety indicators of COVID-19 convalescent plasma in 5,000 patients. J Clin Invest. 2020 Jun 11
Sono state analizzate le principali metriche di sicurezza dopo la trasfusione di plasma di soggetti convalescenti in 5.000 adulti ospedalizzati con COVID-19 grave o potenzialmente letale, di cui il 66% nell'unità di terapia intensiva.
Data la natura letale di COVID 19 e la numerosità di pazienti critici inclusi nello studio, il tasso di mortalità non sembra eccessivo. Questi primi indicatori suggeriscono che la trasfusione di plasma convalescente è sicura nei pazienti ospedalizzati con COVID-19.
L'incidenza di tutti gli eventi avversi gravi nelle prime quattro ore dopo la trasfusione è stata <1%, incluso il tasso di mortalità (0,3%). Dei 36 eventi avversi segnalati, 25 eraano eventi avversi correlati, tra cui mortalità (n = 4), sovraccarico circolatorio associato alla trasfusione (n = 7), danno polmonare acuto correlato alla trasfusione (n = 11), e gravi reazioni trasfusionali allergiche (n = 3). Tuttavia, solo 2 (dei 36) sono stati giudicati decisamente correlati alla trasfusione di plasma convalescente dal medico curante. Il tasso di mortalità a sette giorni è stato del 14,9%.a

Efficacy and safety of convalescent plasma for severe COVID-19 based on evidence in other severe respiratory viral infections: a systematic review and meta-analysis
. CMAJ. 2020 May 22 
La sicurezza e l'efficacia del plasma iperimmune nella malattia COVID-19 rimangono incerte. Per supportare una linea guida sulla gestione di COVID-19, abbiamo condotto una revisione sistematica e una meta-analisi sul tema plasma in COVID-19 e altre infezioni virali respiratorie gravi.
Gli studi sulle infezioni virali respiratorie gravi non COVID-19 forniscono prove indirette di qualità molto bassa che sostengono la tesi che il plasma abbia un beneficio minimo o nullo nel trattamento di COVID-19 e prove di bassa qualità che non provochi gravi effetti avversi.
plasma convalescenteLa figura è tratta da JAMA Patient Page: il plasma iperimmune spiegato ai non esperti
12 giugno 2020Convalescent Plasma and COVID-19


Per saperne di più sulle cure anti COVID-19, torna all'approfondimento:

quadratino Le novità sui farmaci per la cura di Covid-19