20/8/2021

Vaccini anti COVID-19 e disturbi da immunodeficienza


Per le persone con documentata immunodeficienza


Esiti clinici nei trapiantati di organi solidi affetti da COVID-19 rispetto alla popolazione generale
28 luglio 2022. Clin Microbiol Infect. Clinical outcome in solid organ transplant recipients affected by COVID-19 compared to general population: a systematic review and meta-analysis.
#NOVITÁ Sono stati esaminati un totale di 3501 articoli e 31 studi osservazionali (N = 590 375; 5759 destinatari di trapianto di organi solidi (SOT) vs. 584.616 della popolazione generale) sono stati inclusi nella meta-analisi. Nell'analisi primaria non è stata trovata alcuna differenza nel tasso di mortalità a 30 giorni, incluso negli studi che fornivano aggiustamenti per i fattori confondenti (N = 17; 3752 destinatari di SOT vs. 159.745 della popolazione generale; OR: 1,13; IC 95%, 0,94-1,35; I( 2) = 33,9%). Non è stata segnalata alcuna evidenza di bias nella pubblicazione. Un rischio più elevato di ricovero in unità di terapia intensiva (OR: 1,56; IC 95%, 1,03-2,63) e di insorgenza di danno renale acuto (OR: 2,50; IC 95%, 1,81-3,45) è stato riscontrato nei riceventi SOT. Non è stato riscontrato un aumento del rischio di mortalità nei destinatari di trapianto di organi solidi affetti da COVID-19 rispetto alla popolazione generale quando aggiustato per le caratteristiche demografiche e cliniche e per la gravità di COVID-19.

Efficacia dei vaccini nei trapiantati di rene

27 aprile 2022. Vaccine. Differences in clinical outcomes of COVID-19 among vaccinated and unvaccinated kidney transplant recipients
#NOVITÁ L'efficacia dei vaccini è stata analizzata in individui sani, ma i destinatari di trapianto di rene sono stati esclusi da questi studi. Pertanto, l'evidenza nel mondo reale di questi vaccini può guidare i medici nella previsione delle complicanze per i pazienti sottoposti a trapianto di rene e di quante dosi di vaccini sono protettive. L'obiettivo di questo studio è esaminare l'impatto dei vaccini COVID-19 sui riceventi trapianto del rene con infezione da SARS-CoV-2.
L'età media dei 72 partecipanti vaccinati era 45 anni. Quattro pazienti nel gruppo dei vaccinati e 9 tra i controlli sono morti durante il follow-up (p = 0,247). Diciassette pazienti vaccinati, 34 nel gruppo di controllo sono stati ricoverati in ospedale (p = 0,004); 5 pazienti vaccinati e 10 pazienti non vaccinati sono stati ricoverati in terapia intensiva durante il follow-up (p = 0,168). Tredici dei pazienti vaccinati e 12 tra i non vaccinati hanno sviluppato un danno renale acuto (p = 0,16). Il verificarsi di tempesta di citochine (n = 4 vs. n = 11; p = 0,061) e sindrome da distress respiratorio acuto (n = 5 vs. n = 10; p = 0,168) era maggiore nel gruppo dei pazienti rispetto al gruppo di controllo.

Declino dell'immunità in pazienti con malattie infiammatorie immuno-mediate

26 aprile 2022. JCI Insight. Accelerated waning of immunity to SARS-CoV-2 mRNA vaccines in patients with immune mediated inflammatory diseases
Questo studio di coorte osservazionale ha esaminato l'immunogenicità dei vaccini a mRNA in pazienti adulti con malattia infiammatoria intestinale, artrite reumatoide, spondilite anchilosante o malattia psoriasica, con o senza terapie immunosoppressive di mantenimento. Le risposte anticorpali e delle cellule T a SARS-COV-2, inclusa la neutralizzazione contro le varianti di SARS-CoV-2, sono state determinate prima e dopo 1 e 2 dosi di vaccino.
Sono stati seguiti prospetticamente 150 soggetti, 26 controlli sani, 9 pazienti con malattie infiammatorie immuno-mediate (IMID) senza trattamento, 44 ​​trattati con anti-TNF, 16 con anti-TNF con metotrexato/azatioprina (MTX/AZA), 10 con anti-IL-23, 28 con anti-IL-12/23, 9 con anti-IL-17 e 8 con MTX/AZA. Le risposte anticorpali e delle cellule T a SARS-CoV-2 sono state rilevate in tutti i partecipanti: aumentavano tra la dose 1 e la dose 2 e diminuivano 3 mesi dopo, maggiormente nei pazienti con IMID rispetto ai controlli sani. I livelli di anticorpi e l'efficacia della neutralizzazione contro le varianti di preoccupazione erano sostanzialmente inferiori nei pazienti trattati con anti-TNF rispetto ai controlli sani e non erano rilevabili contro Omicron entro 3 mesi dalla dose 2. I risultati supportano la necessità di una terza dose di vaccino a mRNA e di monitoraggio continuo dell'immunità in questi gruppi di pazienti.

Infezione da SARS-CoV-2 nei pazienti con errori congeniti del sistema immune: l'esperienza della Rete Italiana di Immunodeficienze Primarie (IPINEt)

20 aprile 2022. J Clin Immunol. The Impact of SARS-CoV-2 Infection in Patients with Inborn Errors of Immunity: the Experience of the Italian Primary Immunodeficiencies Network (IPINet)
In questo studio retrospettivo sono stati coinvolti 16 centri di riferimento per errori congenici del sistema immune (IEI) adulti o pediatrici. Sono stati arruolati 114 pazienti, 35 pazienti pediatrici e 79 adulti. Le IEI più comuni erano la sindrome da delezione 22q11.2 nei bambini (26%) e l'immunodeficienza variabile comune (CVID) negli adulti (65%). Novantuno pazienti non hanno richiesto il ricovero in ospedale e, tra questi, 33 erano asintomatici. Il tasso di ospedalizzazione è stato del 20,17%. L'età avanzata (p = 0,004) e la malattia polmonare cronica (p = 0,0008) rappresentavano fattori di rischio per il ricovero. I pazienti ricoverati includevano principalmente adulti affetti da immunodeficienze umorali con terapia sostitutiva con immunoglobuline e, come previsto, con una conta dei linfociti B inferiore rispetto ai pazienti non ospedalizzati. Il tasso di mortalità per infezione nell'intera coorte è stato del 3,5%.

Risposta attenuata alla quarta dose di vaccino in pazienti con malattie autoimmuni

14 aprile 2022. Ann Rheum Dis. Attenuated response to fourth dose SARS-CoV-2 vaccination in patients with autoimmune disease: a case series
I pazienti con malattie autoimmuni sono stati reclutati per il nostro studio osservazionale. Sono stati identificati 18 pazienti di età ≥18 anni che hanno completato la serie primaria di vaccini Covid-19 (mRNA o vettore di adenovirus) e successivamente hanno ottenuto 2 dosi aggiuntive (AD) tra il 30 aprile 2021 e l'8 luglio 2021. Questa è la prima serie di casi che descrive le risposte anticorpali a due vaccini AD di SARS-CoV-2 in pazienti con malattia autoimmune sull'immunosoppressione. Mentre la maggior parte dei pazienti ha dimostrato un'aumentata risposta anticorpale, i nostri risultati suggeriscono che un sottogruppo di pazienti continua ad avere una risposta al vaccino compromessa nonostante 4 dosi. Questi risultati sono simili in altre popolazioni immunosoppresse. I non responder hanno riferito l'uso di micofenolato e la terapia continuata durante il periodo peri-vaccinazione, il che è coerente con i risultati che l'interruzione temporanea dell'immunosoppressione può aumentare la risposta umorale. Tuttavia, un case report recente ha dimostrato la sieroconversione dopo quattro dosi di vaccino senza interruzione dell'immunosoppressione.

Quarta dose di vaccino e neutralizzazione di Omicron tra i trapiantati di organi solidi
4 aprile 2022. Transplantation. A Fourth Dose of COVID-19 Vaccine Does Not Induce Neutralization of the Omicron Variant Among Solid Organ Transplant Recipients With Suboptimal Vaccine Response
La variante Omicron dimostra una sostanziale evasione immunitaria e non è noto se dosi di vaccino aggiuntive aumentino la capacità neutralizzante verso questa variante di preoccupazione tra i trapiantati di organi solidi. Sebbene una quarta dose di vaccino aumenti le IgG anti-spike e la capacità neutralizzante contro molte varianti, alcuni destinatari di trapianto possono rimanere ad alto rischio di infezione da Omicron nonostante il potenziamento.

Efficacia dei vaccini nei pazienti immunodepressi

2 marzo 2022. BMJ. Efficacy of covid-19 vaccines in immunocompromised patients: systematic review and meta-analysis
Revisione sistematica dei livelli dei titoli anticorpali eseguita dopo la prima, seconda e terza dose di vaccino e tasso di sieroconversione dopo una terza dose. La revisione sistematica di 11 studi ha mostrato che una terza dose di vaccino a mRNA era associata a sieroconversione tra i non responder con tumori solidi, tumori ematologici e disturbi infiammatori immuno-mediati, sebbene la risposta fosse variabile nei pazienti trapiantati e studiata in modo inadeguato in persone con HIV e tra coloro che ricevono vaccini non a mRNA.
Conclusioni. I tassi di sieroconversione dopo la vaccinazione anti Covid-19 erano significativamente più bassi nei pazienti immunocompromessi, in particolare nei trapiantati d'organo. Una seconda dose è stata associata a una sieroconversione costantemente migliorata in tutti i gruppi di pazienti, anche se di entità inferiore per i riceventi trapianto d'organo. Devono essere eseguiti interventi mirati per i pazienti immunocompromessi, inclusa la somministrazione della terza dose (di richiamo).

Risposta ai vaccini nelle persone immunocompromesse

20 febbraio 2022. The Lancet Global Health. Response to additional COVID-19 vaccine doses in people who are immunocompromised: a rapid review
Sebbene le evidenze riguardino principalmente i vaccini a mRNA, la risposta al vaccino ridotta nelle persone immunocompromesse rispetto a quelle non immunodepresse sembra essere un fenomeno generale tra i vaccini COVID-19. In una revisione sistematica, i tassi di sieroconversione dopo due dosi di vaccino COVID-19 erano il 99% (IC 95% 98-100) per le persone non immunocompromesse, 92% (88-94%) per i pazienti con cancro solido, 78% (69-95) per i pazienti con disturbi infiammatori immuno-mediati, 64% (50-76) per i pazienti con cancro ematologico e 27% (16-42) per i riceventi di trapianto. A conferma di questi risultati, le persone immunocompromesse mostrano una protezione ridotta contro COVID-19 sintomatico e grave sulla base dei dati sull'efficacia dei vaccini nel mondo reale e costituiscono oltre il 40% dei casi di ospedalizzazione.

18 febbraio 2022. Clin Infect Dis. Prospective evaluation of COVID-19 vaccine responses across a broad spectrum of immunocompromising conditions: the COVICS study
Studio prospettico su adulti immunocompromessi completamente vaccinati (trapianto di organi solidi - SOT, neoplasie ematologiche, tumori solidi, condizioni autoimmuni, infezione da HIV) rispetto a operatori sanitari non immunodepressi (HCW). 1271 partecipanti arruolati: 1.099 immunocompromessi e 172 operatori sanitari. Rispetto al personale sanitario (92,4% sieropositivo), la sieropositività era inferiore tra i partecipanti con SOT (30,7%), con neoplasie ematologiche (50,0%), condizioni autoimmuni (79,1%), tumori solidi (78,7%) e HIV (79,8%) (p <0,01). I fattori associati a una scarsa sieropositività includevano età, maggiore immunosoppressione, tempo trascorso dalla vaccinazione, anticorpi monoclonali anti-CD20 e vaccinazione con BNT162b2 (Pfizer) o vaccini a vettore adenovirale rispetto a mRNA-1273 (Moderna).

Vaccinazione di richiamo nei pazienti immunocompromessi

13 gennaio 2022. Ann Rheum Dis. Additional heterologous versus homologous booster vaccination in immunosuppressed patients without SARS-CoV-2 antibody seroconversion after primary mRNA vaccination: a randomised controlled trial
I tassi di sieroconversione alla quarta settimana erano comparabili tra i vaccini a vettore virale (6/27 pazienti, 22%) e a mRNA (9/28, 32%) (p=0,6). Complessivamente, il 27% dei pazienti si è sieroconvertito; risposte specifiche delle cellule T sono state osservate in 20/20 pazienti (100%) vaccinati con vaccino a vettore rispetto a 13/16 (81%) pazienti vaccinati con vaccino a mRNA. Nuove risposte umorali e/o cellulari si sono verificate in 9/11 (82%) pazienti. 3/37 (8%) dei pazienti senza e 12/18 (67%) dei pazienti con cellule B di memoria. Non sono stati osservati eventi avversi gravi, correlati all'immunizzazione. La risposta immunitaria umorale e/o cellulare potenziata supporta un'ulteriore vaccinazione di richiamo nei pazienti non sieroconvertiti, indipendentemente dal regime vaccinale eterologo o omologo.

Vaccini anti Covid-19 nei pazienti immunocompromessi

5 gennaio 2022. Am J Health Syst Pharm. COVID-19 vaccine use in immunocompromised patients: A commentary on evidence and recommendations
Obiettivo della ricerca è rivedere le prove e le raccomandazioni attuali dei vaccini COVID-19 in 4 popolazioni di pazienti con disturbi o condizioni immunocompromesse: infezione da virus dell'immunodeficienza umana (HIV), trapianto di organi solidi, artrite reumatoide e malattia infiammatoria intestinale. In base ai dati in costante evoluzione sulla sicurezza e l'efficacia dei vaccini approvati nella popolazione immunocompromessa, è fondamentale che medici e farmacisti comprendano i dati e le raccomandazioni attuali e forniscano al pubblico informazioni accurate. Ad oggi, l'unico sottogruppo di individui immunocompromessi incluso negli studi sui vaccini di fase 3 è stato quello con infezione da HIV. Tuttavia, recenti studi retrospettivi hanno fornito dati rassicuranti sulla sicurezza dei vaccini nei pazienti immunocompromessi e l'analisi ad interim dello studio di fase 3 del vaccino di Moderna ha prodotto dati promettenti sull'efficacia nei pazienti con infezione da HIV. Attualmente, i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, la British Society for Immunology e varie altre società e organizzazioni governative e professionali approvano la vaccinazione della popolazione immunocompromessa.

COVID-19 nei pazienti immunocompromessi: una revisione sistematica

31 dicembre 2021. Semin Respir Crit Care Med. COVID-19 in Immunocompromised Patients: A Systematic Review
Lo scopo della revisione sistematica è descrivere il quadro clinico, la gravità della malattia, il regime terapeutico proposto e la risposta alla vaccinazione in pazienti con diversi tipi e gravità di immunosoppressione.

Vaccini COVID-19 nelle popolazioni immunocompromesse: una revisione sistematica
novembre 2021. Clin Microbiol Infect. Immunological and clinical efficacy of COVID-19 vaccines in immunocompromised populations: a systematic review.
Sono stati considerati 157 studi sull'immunogenicità in 25.209 partecipanti, che comprendono 7835 pazienti affetti da cancro o neoplasie ematologiche (31,1%), 6302 pazienti in dialisi (25,0%), 5974 trapiantati di organi solidi (23,7%) e 4680 pazienti con malattia immuno-mediata (18,6% ). La proporzione di non-responder ai vaccini sembrava più alta tra i riceventi trapianto di organi solidi e pazienti con neoplasie ematologiche e più bassa nei pazienti con cancro e in dialisi. I fattori di rischio per la mancata risposta includevano l'età avanzata, l'uso di corticosteroidi, di agenti immunosoppressori o anti-CD20. Dieci studi hanno valutato l'immunogenicità di una dose aggiuntiva. Di 5 studi che hanno valutato l'efficacia del vaccino: tre erano sull'infezione da SARS-CoV-2 (intervallo 71-81%), uno sul ricovero correlato a COVID-19 (62,9%), uno aveva una dimensione del campione troppo piccola. Questa revisione sistematica evidenzia il rischio di bassa immunogenicità dei vaccini COVID-19 in popolazioni immunocompromesse, in particolare trapiantati di organi solidi e pazienti con neoplasie ematologiche.

Vaccini COVID-19, immunogenicità compromessa nelle malattie sistemiche autoimmuni: alta prevalenza di non risposta in diversi sottogruppi di pazienti

10 novembre 2021. J Autoimmun. Impaired immunogenicity to COVID-19 vaccines in autoimmune systemic diseases. High prevalence of non-response in different patients' subgroups.
Le malattie sistemiche autoimmuni (ASD) possono generare un'immunogenicità ridotta ai vaccini COVID-19. Studio prospettico osservazionale multicentrico volto a valutare la sieroconversione dopo il ciclo vaccinale e al follow-up a 6-12 mesi, nonché la sicurezza e l'efficacia dei vaccini. Lo studio ha incluso 478 pazienti con ASD (età media 59 ± 15 anni), ovvero 101 con artrite reumatoide (RA), 38 lupus eritematoso sistemico (LES), 265 sclerosi sistemica (SSc), 61 vasculite crioglobulinemica (CV) e una miscellanea di 13 casi di vasculite sistemica. Il gruppo di controllo comprendeva 502 individui della popolazione generale (età media 59 ± 14 anni SD). L'immunogenicità dei vaccini a mRNA (BNT162b2 e mRNA-1273) è stata valutata misurando gli anticorpi Igg neutralizzanti su campioni ottenuti entro 3 settimane dal ciclo di vaccinazione. Lo studio ha rivelato livelli di anticorpi significativamente più bassi nelle serie ASD rispetto ai controlli.

Vaccinazione COVID-19 in 
gravidanza, pediatria, pazienti immunocompromessi e persone con anamnesi di allergia o precedente infezione da SARS-CoV-2: panoramica delle raccomandazioni attuali ed evidenze pre e post-marketing sull'efficacia e sicurezza del vaccino
5 novembre 2021. COVID-19 Vaccination in Pregnancy, Paediatrics, Immunocompromised Patients, and Persons with History of Allergy or Prior SARS-CoV-2 Infection: Overview of Current Recommendations and Pre- and Post-Marketing Evidence for Vaccine Efficacy and Safety
In questa revisione narrativa, gli autori esaminano criticamente le evidenze pre e post-marketing sui potenziali benefici e rischi dei vaccini COVID-19 commercializzati nelle coorti di:
donne in gravidanza e allattamento, bambini/adolescenti, persone immunocompromesse e persone con anamnesi di allergia o precedente infezione da SARS-CoV-2. Inoltre, riassumono le raccomandazioni delle società scientifiche e agenzie di regolamentazione sulla prevenzione primaria nelle stesse categorie di vaccinati.
Messaggi chiave:
  • Le evidenze sul rischio-beneficio dei vaccini COVID-19 in coorti speciali, come donne in gravidanza e allattamento, bambini/adolescenti, persone immunocompromesse e persone con una storia di allergia o precedente infezione da SARS-CoV-2, sono ancora limitate.
  • A causa del rischio più elevato di infezione da SARS-CoV-2 e malattia grave, la vaccinazione è attualmente raccomandata in queste coorti speciali. La vaccinazione COVID-19 per bambini e adolescenti è ancora dibattuta.
  • Gli studi in corso su larga scala forniranno dati clinicamente rilevanti nelle popolazioni più fragili per supportare la campagna mondiale di vaccinazione COVID-19.

Risposta alla vaccinazione in pazienti con malattie infiammatorie immuno-mediate

29 settembre 2021. Gastroenterology. Serologic response to coronavirus disease 2019 (COVID-19) vaccination in patients with immune-mediated inflammatory diseases: a systematic review and meta-analysis
I pazienti con malattie infiammatorie immuno-mediate (IMID) hanno un aumentato rischio di COVID-19, principalmente attribuito all'uso di farmaci immunosoppressori come i glucocorticoidi, che possono attenuare la risposta dei vaccini. Questa meta-analisi vuol valutare la risposta sierologica alla vaccinazione in pazienti con IMID.
Per le analisi sono stati inclusi 25 studi osservazionali (5360 pazienti). La maggior parte degli studi ha utilizzato vaccini a mRNA (BNT162b2, mRNA-1273) con un piccolo numero di studi che includevano altri tipi di vaccini (AZD1222, Coronavac, BBV152, Ad26.COV2). La risposta sierologica dopo una singola dose (6 studi) e due dosi (17 studi) di vaccino a mRNA è stata del 73,2% (95% intervallo di confidenza [CI] 65,7-79,5) e 83,4% (95% CI 76,8-88,4). Alla meta-regressione, la terapia anti-CD20 è stata associata a tassi di risposta più bassi (P <0,001) e anche la terapia anti-TNF ha mostrato una tendenza verso tassi di risposta più bassi (P = 0,058). I pazienti con IMID avevano minori probabilità di ottenere una risposta sierologica rispetto ai controlli dopo due dosi di vaccino (6 studi; odds ratio 0,086, 95% CI 0,036-0,206, P <0,001). Non c'erano studi sufficienti per valutare la risposta ai vaccini adenovirali o inattivati.
La meta-analisi ha dimostrato che i pazienti con IMID hanno una risposta ridotta ai vaccini a mRNA. Questi risultati suggeriscono che i pazienti con IMID che ricevono vaccini a mRNA dovrebbero completare la serie di vaccini senza indugio e, in caso di opportunità, adottare una terza dose del vaccino.

15 aprile 2021
. Front Immunol. How to Manage COVID-19 Vaccination in Immune-Mediated Inflammatory Diseases: An Expert Opinion by IMIDs Study Group
Mancano ancora dati specifici sull'efficacia e la sicurezza dei vaccini nei pazienti con malattie infiammatorie immuno-mediate (IMID) e la disponibilità limitata di questi vaccini richiede di dare la priorità ad alcune categorie di pazienti vulnerabili rispetto ad altre. Nel position paper, gli autori, esperti italiani di IMID, propongono il loro punto di vista sulla gestione della vaccinazione e l'identificazione dei gruppi ad alto rischio in base alle diverse malattie e alla loro terapia cronica.

3 aprile 2021. Malattie rare e vaccino Covid-19: i codici di esenzione delle patologie con la massima priorità
Il Tavolo interregionale Malattie Rare ha redatto un documento che identifica i codici R di malattia rara corrispondenti alle Indicazioni Ministeriali, ovvero i codici di esenzione che danno diritto a rientrare nella tabella 1 delle “Raccomandazioni ad interim sui Gruppi target della vaccinazione anti SARS-CDV2/Covid19 del 10/3/2021”.
Tale documento permette l’applicazione concreta dei codici di esenzione per i pazienti con malattie rare in modo da definire un comportamento omogeneo tra tutte le regioni e provincie autonome.
L’elenco riportato sul sito web dell'Osservatorio delle malattie rare estende quindi le raccomandazioni sulle priorità vaccinali, si riferisce ai soli codici di malattie rare e non comprende le malattie croniche.

Indicazioni ad interim sulla vaccinazione anti SARS-CoV-2 nei soggetti con disordini congeniti dell’immunità

La Rete Italiana delle Immunodeficienze Primitive (IPINET) e Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica (SIAIP) hanno redatto un documento per sostenere il percorso decisionale sulla vaccinazione anti SARS-CoV-2 dei soggetti con difetti congeniti dell’immunità (IDP) e garantire la migliore protezione immunitaria con il minor rischio di eventi avversi. Le seguenti indicazioni saranno aggiornate sulla base della evoluzione delle conoscenze scientifiche e della epidemiologia della malattia COVID-19, si legge nel documento.



Per saperne di più, torna all'approfondimento:

quadratino Vaccini COVID, le risposte a domande generali o specifiche per patologie e condizioni particolari
L' approfondimento contiene le ultime indicazioni di letteratura e le raccomandazioni delle società scientifiche sulla vaccinazione contro COVID per coloro che soffrono di condizioni particolari e patologie preesistenti.