Sigarette elettroniche e vape pen: tante variabili influenzano i rischi reali e gli esperti raccomandano prudenza

29/7/2022

Gli autori di una recente revisione di letteratura hanno esaminato la crescente letteratura sui danni polmonari dello svapo.

www.bmj.com

Il fumo diminuisce gli anticorpi prodotti dopo il vaccino Pfizer

24/1/2022

 
24 gennaio 2022. Public Health

A dirlo lo studio condotto su un campione di operatori sanitari italiani fumatori e non. Tuttavia ulteriori ricerche sono necessarie per studiare l'impatto del fumo sulla risposta immunologica ai vaccini.
> Leggi tutto


www.sciencedirect.com

Buone e cattive notizie: i fumatori hanno meno probabilità di ammalarsi di Covid, ma il vaccino può essere meno efficace in caso di fumo, obesità centrale, ipertensione

12/5/2021

Alcuni studi hanno investigato la correlazione tra abitudine attuale al fumo e casi COVID-19 ospedalizzati e titoli anticorpali inferiori dopo il vaccino in caso di circonferenza della vita più alta, oppure se si è fumatori o ipertesi.

Sigarette elettroniche, il parere finale della Commissione europea. Ma rimangono ancora dubbi su svapo e Covid-19

9/5/2021

Le sigarette elettroniche sono relativamente “nuove” per poter stabilire con certezza il loro impatto a lungo termine sulla salute. Sul tema, la Commissione Europea ha appena pubblicato il parere finale del Comitato scientifico SCHEER. Molti studi tentano di capire l'associazione tra svapo e Covid: ne presentiamo due.

www.ec.europa.eu

Covid-19 e fumatori: meno malati ma con esiti più gravi. E’ il ruolo della nicotina “l’ago nel pagliaio” da scovare?

14/8/2020

L'espressione “ago nel pagliaio” è forse la più idonea per descrivere la complessità delle ricerche su Covid-19, qualsiasi sia il fine: epidemiologia, rischi, prevenzione, cura... Per quanto riguarda il nesso tra Covid-19 e fumo resta da stabilire: 

  • quanto grande sia il pagliaio (fatto di studi, ricerche, dati…) e
  • quanto sia difficile trovare l’ago (cioè ciò che determina la connessione).

Gli articoli del New England Journal of Medicine più letti nel 2019

31/12/2019

Il New England Journal of Medicine ha raccolto i 12 articoli pubblicati nel 2019 che hanno riscosso il maggior interesse da parte della comunità medico scientifica.
Riguardano varie tematiche: dalla mortalità per inquinamento, all'uso degli smartphone per identificare la fibrillazione atriale, dalle malattie polmonari correlate alle sigarette elettroniche, a innovative metodologie cliniche e novità per il trattamento di alcune gravi patologie.

www.nejm.org

Prevenire declino cognitivo e demenza, le raccomandazioni delle nuove Linee guida OMS

22/5/2019

Le linee guida dell'OMS Risk reduction of cognitive decline and dementia forniscono la base informativa per i sanitari, i governanti, i decisori politici e gli altri stakeholder per ridurre i rischi di declino cognitivo e demenza attraverso un approccio di salute pubblica. Le raccomandazioni evidence-based qui raccolte - attività fisica, dieta, evitare il consumo di alcolici - rappresentano un insieme di obiettivi fondamentali per chiunque formuli le politiche sanitarie.

https://www.who.int/

Riunioni “estenuanti”? Resteranno solo un ricordo. Dall’OMS la guida per pianificare meeting salutari e sostenibili

23/7/2018

Fornire cibi sani, usufruire di ambienti senza fumo, incoraggiare l'attività fisica e concentrarsi sulla sostenibilità: sono queste le azioni che offrono, all'interno dei meeting, l’opportunità per creare una cultura della salute e del benessere e per proteggere e minimizzare l'impatto sull'ambiente. Sulla base di queste premesse, l’OMS europeo ha redatto una guida.

www.euro.who.int

Ogni sigaretta fumata equivale a 11 minuti di vita persi. Anche solo una sigaretta al giorno espone al rischio di malattie coronariche e ictus

31/1/2018

La tabella delle occasioni sprecate rinunciando a smettere di fumare pubblicata nel 2000 sul BMJ, già anticipava il risultato della meta-analisi appena uscita. Sono passati svariati anni da quella lettera ed i problemi direttamente collegati al fumo sono stati sempre indagati. Gli autori della meta-analisi concludono che fumare anche solo una sigaretta al giorno comporta un rischio elevato di sviluppare malattie coronariche e ictus.

www.bmj.com