25/11/2021

Quanto dura l’immunità data dai vaccini anti Covid-19?

www.bmj.com
Gli autori dell'articolo uscito sul BMJ hanno cercato di determinare se il tempo trascorso dalla seconda iniezione del vaccino a mRNA BNT162b2 di Pfizer-BioNTech fosse significativamente associato al rischio di infezione da Covid-19.

Come si ottiene l'immunità?

L'immunità a SARS-CoV-2 può essere indotta dall’infezione o dalla vaccinazione. Gli individui immuni hanno una certa protezione contro la reinfezione e un rischio ridotto di gravi conseguenze cliniche.

Gli individui adulti sieropositivi a SARS-CoV-2 in via di guarigione hanno circa il 90% di protezione dalla reinfezione dopo 150 giorni; distinguere la reinfezione dagli effetti dell'infezione iniziale è impegnativo prima dei 90 giorni.

È stato riportato invece che la vaccinazione è efficace al 50-95% in vari momenti. È tuttavia prevedibile che diminuisca nel tempo la risposta umorale delle cellule B di memoria e le risposte immunitarie cellulari CD4+ specifiche al picco di SARS-CoV-2 .

Pertanto, sono state sollevate preoccupazioni circa una possibile riduzione della protezione immunitaria SARS-CoV-2 nelle popolazioni vaccinate e in coloro che sono guariti dalla malattia Covid-19.

La campagna di vaccinazione in Israele

Israele è stato tra i primi paesi ad avviare una campagna di vaccinazione su larga scala il 20 dicembre 2020. Gran parte della popolazione è stata rapidamente immunizzata, in parte grazie ai servizi sanitari centralizzati e alla decisione di utilizzare un solo vaccino, ottenendo un controllo precoce sulla diffusione del virus.

Al 26 luglio 2021, oltre 5.2 milioni di israeliani erano stati completamente vaccinati con due dosi del vaccino Pfizer-BioNTech.

Da giugno 2021, tuttavia, è stato osservato un aumento del numero di malati, che potrebbe essere almeno in parte causato dalla diminuzione dei livelli di anticorpi anti-SARS-CoV-2 nelle persone vaccinate.

Un totale di 248.238 membri dell'organizzazione Leumit Health Services sono stati sottoposti a test RT-PCR per SARS-CoV-2 durante il periodo di studio, di cui 149.376 erano adulti di almeno 18 anni.

La figura 1 mostra il diagramma di flusso utilizzato per la selezione della coorte considerata nello studio:
  • La coorte era composta da 83.057 adulti che hanno ricevuto un test RT-PCR per SARS-CoV-2 durante il periodo di studio, dopo due (e solo due) iniezioni di vaccino, a almeno tre settimane dopo la loro seconda iniezione di vaccino e senza evidenza di precedente infezione da Covid-19
  • Gli individui risultati positivi per SARS-CoV-2 e quelli di controllo sono stati abbinati per settimana di test, classe di età e gruppo demografico (ebrei ultra-ortodossi, individui di origine araba e popolazione generale)
  • La regressione logistica condizionale è stata aggiustata per età, sesso, stato socioeconomico e condizioni di comorbilità.
israele studio immunita vaccini
Il 9,6% delle 83.057 persone considerate nello studio, ha avuto un risultato positivo. Il tempo trascorso dall'iniezione del vaccino è stato significativamente più lungo negli individui risultati positivi (P<0,001).

L'odds ratio aggiustato per l'infezione a intervalli di tempo >90 giorni dalla vaccinazione era significativamente aumentato rispetto al riferimento di <90 giorni:
  • 2,37 (intervallo di confidenza 95% 1,67-3,36) per 90-119 giorni
  • 2,66 (1,94-3,66) per 120- 149 giorni
  • 2,82 (da 2,07 a 3,84) per 150-179 giorni
  • 2,82 (da 2,07 a 3,85) per ≥180 giorni (P<0,001 per ogni intervallo di 30 giorni).
La figura 2 ci mostra graficamente i risultati.

israele studio immunita vaccini2
In questa vasta popolazione di adulti testati per SARS-CoV-2 mediante RT-PCR dopo due dosi di vaccino BNT162b2, è stato osservato quindi un graduale aumento del rischio di infezione per gli individui che hanno ricevuto la seconda dose di vaccino dopo almeno 90 giorni.

Ricordiamo che Israele ha iniziato una campagna vaccinale per la terza dose il 13 luglio 2021 per i pazienti immunocompromessi.

La campagna è stata ampliata più volte per includere persone di età superiore a 60 anni (il 30 luglio), 50 anni (il 12 agosto), 40 anni (il 19 agosto), 30 anni (il 24 agosto), e infine l'intera popolazione di età superiore ai 12 anni il 30 agosto. La terza dose è stata somministrata a persone che avevano ricevuto la seconda dose almeno 5 mesi prima.

Le prime evidenze dell’efficacia sono state recentemente pubblicate in un articolo su The Lancet.


Per saperne di più:

quadratino Elapsed time since BNT162b2 vaccine and risk of SARS-CoV-2 infection: test negative design study
Ariel Israel, Eugene Merzon, Alejandro A Schäffer et al. BMJ 2021; 375 doi: https://doi.org/10.1136/bmj-2021-067873 (Published 25 November 2021)

quadratino Effectiveness of a third dose of the BNT162b2 mRNA COVID-19 vaccine for preventing severe outcomes in Israel: an observational study.
Barda N, Dagan N, Cohen C, Hernán MA, Lipsitch M, Kohane IS, Reis BY, Balicer RD. The Lancet. 2021 Oct 29:S0140-6736(21)02249-2. doi: 10.1016/S0140-6736(21)02249-2. Epub ahead of print. PMID: 34756184; PMCID: PMC8555967.


Per approfondire, consulta anche:

quadratino i nostri articoli con il tag Vaccini
quadratino i nostri articoli con il tag Reinfezione Covid
quadratino i nostri articoli con il tag Terza dose vaccino Covid-19