18/2/2022

Long Covid, minor rischio nei vaccinati anche infettati. Sintomi lievi o minimi

www.gov.uk
In una recente news avevamo già affrontato il tema degli effetti della vaccinazione sul long COVID, riportando i dati di uno studio svolto in Israele. Precedentemente, in un’altra segnalazione, veniva evidenziato come 900 partecipanti coinvolti in sondaggio nel Regno Unito e in altri paesi del mondo, riferissero un miglioramento dei sintomi dopo il vaccino.

La revisione dell'Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito 

L'UKHSA (UK Health Security Agency) ha svolto una revisione rapida delle evidenze sugli effetti della vaccinazione contro i sintomi del long COVID o post-COVID.

Sono stati individuati 15 studi fino al gennaio 2022, che riportavano l'efficacia della vaccinazione contro il long COVID:
  • 7 studi hanno esaminato se la vaccinazione prima dell'infezione riducesse i sintomi o l'incidenza del long COVID
  • 7 studi hanno esaminato se la vaccinazione in persone con COVID avesse ridotto o eliminato i sintomi del long COVID
  • 1 studio ha esaminato entrambi i casi.

I dati di alcuni studi inclusi nella revisione

Riportiamo alcuni punti evidenziati nella press release di presentazione dello studio.

I dati suggeriscono che:
  • le persone con COVID-19 che hanno ricevuto 2 dosi dei vaccini Pfizer, AstraZeneca o Moderna o una dose del vaccino Janssen avevano, circa la metà delle probabilità, rispetto alle persone che avevano ricevuto una dose o non erano state vaccinate, di sviluppare sintomi persistenti da COVID che duravano più di 28 giorni
  • contro la maggior parte dei sintomi post-COVID negli adulti, l'efficacia del vaccino era più alta nei soggetti di età pari o superiore a 60 anni e più bassa per i partecipanti più giovani (da 19 a 35 anni)
Gli studi rimanenti hanno esaminato gli effetti della vaccinazione tra le persone che avevano già sintomi di long COVID.

In uno studio preprint, con partecipanti che hanno riferito di avere long COVID, una percentuale maggiore di vaccinati ha affermato che i propri sintomi sono migliorati rispetto ai non vaccinati (rispettivamente 23,2% rispetto al 15,4%).

I punti chiave evidenziati nel testo della revisione

Sei degli 8 studi che hanno valutato l'efficacia della vaccinazione prima dell'infezione da COVID-19 hanno suggerito che i casi vaccinati (1 o 2 dosi) avevano meno probabilità di sviluppare sintomi di long COVID dopo l'infezione, a breve termine (4 settimane dopo l'infezione), a medio termine (da 12 a 20 settimane dopo l'infezione) e a lungo termine (6 mesi dopo l'infezione).
Poiché tutti gli 8 studi includevano solo partecipanti che avevano COVID-19, l'effetto della vaccinazione sulla ridotta incidenza di COVID-19 non viene tenuto in considerazione. Ciò significa che questi studi non forniscono una stima della popolazione totale per l'efficacia dei vaccini per prevenire il long COVID, ma piuttosto la sottovalutano.

Da 2 studi che hanno misurato i sintomi individuali del long COVID, i casi completamente vaccinati avevano meno probabilità di presentare i seguenti sintomi a medio o lungo termine rispetto ai casi non vaccinati: affaticamento, mal di testa, debolezza alle braccia e alle gambe, dolore muscolare persistente, caduta dei capelli, vertigini, mancanza di respiro, anosmia, malattia polmonare interstiziale, mialgia e altri dolori.

Negli studi che esaminano l'effetto della vaccinazione tra le persone con long COVID, 3 studi su 4 che confrontano i sintomi prima e dopo la vaccinazione, hanno suggerito che più casi hanno riportato un miglioramento dei sintomi dopo la vaccinazione, immediatamente o nell'arco di diverse settimane. Ci sono stati, tuttavia, alcuni casi in tutti gli studi che hanno riportato un peggioramento dei sintomi dopo la vaccinazione.

Tre studi su persone con long COVID, che non erano state vaccinate quando si sono infettate, hanno confrontato le persone che sono state successivamente vaccinate e le persone che non sono state vaccinate.
Tutti questi studi hanno suggerito che le persone con long COVID avevano meno probabilità di riportare sintomi duraturi, da poco dopo la vaccinazione e per periodi più lunghi rispetto alle persone con long COVID non successivamente vaccinate.

Uno studio ha esaminato i tempi della vaccinazione dopo la diagnosi di COVID e ha suggerito che i casi che sono stati vaccinati prima, piuttosto che dopo la diagnosi, avevano molte meno probabilità di riportare sintomi di long COVID rispetto ai non vaccinati.

In 3 dei 5 studi che riportavano cambiamenti dei sintomi in seguito alla vaccinazione di individui con long COVID, c'era una percentuale maggiore che riportava sintomi invariati dopo la vaccinazione (fino al 70%) rispetto a coloro i cui sintomi erano migliorati o peggiorati.

Tutti gli studi erano osservazionali, quindi i risultati potrebbero derivare da differenze diverse dalla vaccinazione e c'era una grande eterogeneità tra gli studi nella definizione di long COVID.


Per saperne di più:

quadratino UKHSA COVID-19 Evidence Team. The effectiveness of vaccination against long COVID: A rapid evidence briefing. 15 February 2022

quadratino UKHSA press release. UKHSA review shows vaccinated less likely to have long COVID than unvaccinated. 15 February 2022


Per approfondire:

quadratino consulta le nostre news:
quadratino leggi i nostri articoli con il tag Long Covid e gli articoli con il tag Vaccini